Il mio Sudafrica

È stata la nostra prima volta nell'Africa sud-sahariana, il nostro primo safari. Siamo rimasti tutti molto soddisfatti, sia per gli avvistamenti degli animali che per la natura. Cibo buono e persone squisite.
 
Partenza il: 07/08/2019
Ritorno il: 27/08/2019
Viaggiatori: 4
Spesa: 2000 €

AVVISTAMENTI ANIMALI: L’avvistamento degli animali è sicuramente affidato alla fortuna: non si possono dare più di tanto consigli. Posso dire che all’interno dei camp ci sono delle lavagnette sulle quali vengono annotati dai ranger gli avvistamenti del giorno precedente. Gli animali non si spostano troppo da un giorno all’altro. Inoltre, quando vedete qualche auto ferma, fermatevi anche voi e chiedete cosa abbiano visto. Portatevi il binocolo, che vi aiuterà a vedere meglio. Le ore centrali del giorno (dalle 13 alle 15-15,30) sono quelle in cui abbiamo visto meno animali. Nei letti dei fiumi, anche se in secca, è in genere più facile trovare animali. Noi abbiamo fatto dei safari “comodi”: siamo partiti verso le 8,30 del mattino (non avevamo proprio voglia di partire alle 6) e abbiamo percorso prevalentemente strada asfaltate (onestamente abbiamo visto molti più animali sulle asfaltate che sulle poche sterrate che abbiamo deciso di percorrere), ma abbiamo comunque visto tutti i big five. Non so se siamo stati particolarmente fortunati, ma siamo rimasti veramente soddisfatti.

Vi racconto a grandi linee cosa/dove abbiamo visto. I nomi si riferiscono ai gate di accesso o ai rest camp. Siamo entrati al Kruger dal gate di Phalaborwa. Nella zona Phalaborwa-Mopani-Olifants abbiamo avvistato zebre, elefanti, tartarughe, antilopi (impala e gnu), cane selvatico. Grazie alla segnalazione di altri turisti abbiamo avuto la fortuna di vedere subito, anche se da lontano, il leopardo, disteso sotto un albero. È stato necessario guardarlo con il binocolo perché il suo mantello si confondeva tantissimo con il colore dell’erba. In queste zone del parco ci sono diverse piante: alcune spoglie, altre sempreverdi ed altre ancora con le foglie gialle e rosse, tipo autunno, sebbene fosse inverno. Nella zona Olifants-Satara-Skukuza abbiamo trovato meno piante e più cespugli / erba alta. Abbiamo avvistato branchi di impala, zebre e tantissimi elefanti, ma anche leopardo e leone, a passeggio nella savana, oltre ad una famigliola di iene sotto un cespuglione. A sud di Satara abbiamo poi iniziato a vedere le giraffe, che ci hanno accompagnato fino all’uscita del parco Malelane. Nel corso d’acqua vicino a Lower Sabie abbiamo visto bufali, coccodrilli e ippopotami. I bufali li abbiamo trovati anche sulla strada. Ed ancora molte giraffe. Nella zona Skukuza-Phabeni-Numbi, ci siamo fermati sulla sterrata con vista su un laghetto ed abbiamo assistito ad una scena da documentario. Mentre osservavamo ippopotami a sbadigliare nell’acqua, scimmiette a saltellare sugli alberi intorno, elefanti in fila per abbeverarsi e bagnarsi, abbiamo visto arrivare leone e leonessa che, dopo una passeggiata sulla riva del lago, si sono accoppiati. Il giorno successivo abbiamo avuto la fortuna di vedere un altro accoppiamento fra leone e leonessa, vicino al rest camp di Berg en Dal: questa volta eravamo davvero in prima fila, a pochi metri. Poco prima della nostra uscita dal Kruger, al gate di Malelane, abbiamo avvistato l’ultimo big five: il rinoceronte.

WILD CARD: la Wild Card consente l’accesso gratuito a diversi parchi (elenco e dettagli sul sito www.sanparks.org). Fino ad ottobre 2019 il biglietto di ingresso / Conservation Fee per il Kruger per gli stranieri ammonta a 372 Rand (circa 23 euro) a persona al giorno (riduzioni per bambini fino ad 11 anni). Una cifra non indifferente. In 4 persone, 4 giorni al parco mi sarebbero costati : Rand 372 x 4 persone x 4 giorni = 5.952 Rand (circa 370 euro). Il costo della Family Wild Card (2 adulti e 5 minori di 18 anni) era di 5.420 Rand (circa 340 euro). Ho inserito questo conteggio per chiarire che il solo Kruger mi sarebbe costato più della Wild Card. Ci sono opzioni di acquisto anche per carta individuale e di coppia. Comunque fate i vostri conti. La Wild Card può essere acquistata online sempre sul sito della sanparks e pagata con la carta di credito. Ve la spediscono a casa. Io l’ho acquistata 3 mesi prima, ma non l’ho ricevuta prima della partenza: mi sono presentata al parco con la mail di prenotazione della carta e non ci sono stati problemi. La Wild Card non è acquistabile in tutti i parchi e/o presso tutti i gate di accesso e quindi, se pensate di acquistarla in loco, informatevi bene su dove sia possibile comprarla.

BLYDE CANYON: atterrando a Johannesburg alle 9 del mattino, siamo riusciti ad arrivare al Blyde Canyon nel primo pomeriggio. E’ stata una tappa prima del Kruger. Abbiamo dormito al Blyde Canyon Forever Resort, in prossimità del punto panoramico Three Rondavels. Dormire al Forever Resort consente di accedere direttamente ad alcuni percorsi trekking del Blyde Canyon, evitando la confusione degli altri punti panoramici. All’interno del resort abbiamo percorso il Leopard trail, con vedute splendide sul canyon. Abbiamo visitato poi, esternamente all’albergo, il Bourke’s Potholes (63 rand a persona) con bancarelle souvenir, bagni e bar per mangiare. I punti panoramici sul canyon sono tutti a pagamento.

PRETORIA: avendo un po’ di tempo a disposizione prima del volo interno per Port Elizabeth e viste le recensioni sulla pericolosità di Johannesburg, abbiamo optato per la visita di Pretoria. Abbiamo parcheggiato nei pressi degli Union Buildings e abbiamo raggiunto a piedi (circa 2 km) la Church Square, la piazza centrale della città, sulla quale si affacciano il vecchio municipio, la banca centrale, il palazzo di giustizia dove si svolse il processo contro Mandela. Nelle immediate vicinanze della piazza ci sono alcune strade dove si svolge il mercato e dove si trovano alcuni negozi di abbigliamento e calzature con marche europee. Per il resto si trovano una moltitudine di negozi con prodotti locali. Nessuno ci ha infastiditi durante il nostro giro a Pretoria, ma appena arrivati non ci siamo sentiti perfettamente al sicuro e a proprio agio. Il pensiero di essere gli unici bianchi in mezzo a tantissimi neri in un paese dove i bianchi sono stati capaci di creare un regime che si è comportato nei confronti dei neri come i nazisti verso gli ebrei, sicuramente non ci ha aiutati a stare tranquilli. Si è trattato solo di nostre sensazioni iniziali, perché oggettivamente non ci sono stati episodi strani o poco rassicuranti. Rientrando alla macchina, abbiamo visitato i giardini degli Union Buildings, nei quali Mandela ha rivolto al suo popolo il suo primo discorso da presidente. Per me Pretoria è stata una tappa storica, ma da un punto di vista turistico si può anche saltarla.

Guarda la gallery
sudafrica-f3zes

Impala

sudafrica-yecyn

Iena

sudafrica-53kue

Giraffe

sudafrica-7xa74

Elefanti

sudafrica-cr369

De Hoop

sudafrica-g22f3

Boulders' Beach

sudafrica-pkqn1

De Hoop

sudafrica-zne1p

Robberg

sudafrica-near5

Robberg

sudafrica-8p3r4

Penisola del Capo

sudafrica-fwpjm

sentiero Table Mountain

sudafrica-mjhfb

Zebre

sudafrica-9rzma

Leone e leonessa



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Città del Capo
    Diari di viaggio
    sudafrica nel cuore

    Sudafrica nel cuore

    Viaggio Alice ed Emanuele fai-da-te: Sudafrica 2022 – dal 19.6.2022 al 04.7.2022Cosa sapere?Il viaggio in Sudafrica è...

    Diari di viaggio
    sud africa in famiglia

    Sud Africa in famiglia

    Questo diario darà solo alcune informazioni di carattere generale. Pur essendo di Bologna ed avendo l'aeroporto che ci avrebbe portato a...

    Diari di viaggio
    sudafrica: meravigliosa terra fra due oceani

    Sudafrica: meravigliosa terra fra due oceani

    Sudafrica: meravigliosa terra fra due oceani (by Luca, Sabrina, Federico, Leonardo e Valentina)Venerdì 9 Agosto:“Di Venere e...

    Diari di viaggio
    sudafrica e dubai: in viaggio tra estate e inverno

    Sudafrica e Dubai: in viaggio tra estate e inverno

    Anche se avevamo visitato Egitto, Tunisia e Marocco una vera vacanza “africana” non l’avevamo mai fatta. Per questa nostra prima...

    Diari di viaggio
    viaggio nella vivace cape town, dove tutto è allegro e colorato

    Viaggio nella vivace Cape Town, dove tutto è allegro e colorato

    Questo breve diario vuole essere una fonte di ispirazione e di consigli per chi, anche avendo pochi giorni a disposizione, intende visitare...

    Diari di viaggio
    il mio sudafrica

    Il mio Sudafrica

    Come molti TPC consigliano di fare, suggerisco anch’io di leggere alcuni libri sull’apartheid, su Nelson Mandela (“Lungo Cammino...

    Diari di viaggio
    sudafrica, una giornata esplorando la penisola del capo

    Sudafrica, una giornata esplorando la penisola del Capo

    Durante un soggiorno a Cape Town, non puoi perdere il giro della penisola del Capo dove potrai vedere le meraviglie di questo posto...

    Diari di viaggio
    il sudafrica da città del capo al kruger

    Il Sudafrica da Città del Capo al Kruger

    Il viaggio inizia il 14 febbraio quando dopo pochi giorni di ricerca troviamo un volo egyptair a 430 euro da roma per Johannesburg. Da lì...

    Diari di viaggio
    garden route e kruger: viaggio nel sud dell’africa

    Garden Route e Kruger: viaggio nel sud dell’Africa

    Dopo tanto girovagare per il mondo, decidiamo di viaggiare in Africa. Ci attira la Garden Route, la strada che costeggia l’estremità del...

    Diari di viaggio
    sudafrica & swaziland

    Sudafrica & Swaziland

    Abbiamo scelto come meta il Sudafrica perché l’anno precedente ci eravamo accorti che ci piacciono tantissimo gli animali, e non avendo...

    Video Itinerari