Dai vulcani dell’Ecuador al mare delle Galapagos

Dalle vette imbiancate ai fondali blu, dalle persone dagli animali, non manca proprio nulla
 
Partenza il: 09/06/2016
Ritorno il: 25/06/2016
Viaggiatori: 2
Spesa: 3000 €

GIOVEDì 9 GIUGNO

Ancora una volta l’idea di vedere un vulcano in attività ci attira e se questo può succedere in Sud America, terra che amiamo molto, la scelta è presto fatta. Si parte per Ecuador e Galapagos con Iberia via Madrid e Panama. Gli orari sono ok, il costo anche, salvo che c’era il sovrapprezzo per la scelta dei posti (a partire da 66 euro), che l’aereo non era dotato di video sui sedili e che a Madrid si sono persi una delle due valigie imbarcate, arrivata a Quito il giorno dopo alle 21.

VENERDì 10

Giornata dedicata alla visita della città, fatta con calma per acclimatarsi ai 2.850 metri di altitudine. Dall’hotel San Francisco de Quito si arriva in Plaza Grande in pochi minuti a piedi; alle 8:30 siamo già là. Sempre affollata di locali che occupano le panchine, più occidentalizzati di quelli visti nelle piazze delle città peruviane o boliviane. Nessuna donna con bombetta nera o gonna dai colori vivaci. Chissà se è segno del tempo o se questo Paese sudamericano è meno attaccato alle tradizioni. Le chiese aprono tutte dopo le nove, così come il Palazzo del Governo che domina la piazza in tutto il suo biancore. Da un lato si può vedere il Panecillo con la Madonna con le ali che veglia sulla città. Vogliamo fare le cose con calma quindi visitiamo solo la città vecchia con un salto al Mariscal (taxi 9$ a/r) per il Mercado Artisanal. Alla Dolceria in Plaza Grande troviamo un cameriere molto gentile che ci dà un assaggio di succhi dei diversi frutti ecuadoriani. Cena in uno dei tanti ristoranti della Ronda, dove il venerdì sera c’è musica dal vivo ovunque.

SABATO 11

Alle 8 si parte per il Parque del Condor, gestito da una fondazione olandese dedita al recupero di animali rapaci feriti, da riportare in libertà. 89 tra aquile, falchi, gufi e gli enormi condor andini. Alle 11:30 si assiste all’esibizione del volo degli uccelli con l’aquila Susanna che decide di non tornare dall’addestratore e lasciare tutti a bocca aperta. A Otavalo ci attende il mercato più famoso di tutta la nazione. Come tutti quelli sudamericani, lo troviamo colorato, chiassoso e “barattoso” perché il prezzo va sempre contrattato. Nonostante sulle guide si dica che quello del sabato è pieno di campesinos che vengono apposta per fare affari, non solo con i turisti, a noi è sembrato meno “vero” di quelli visti a Pisaq in Perù o a Tarabuco in Bolivia. Il mercato è presente sempre, distribuito nella grande piazza ed il sabato anche nelle vie laterali. Possiamo dire però che anche le sole bancarelle della piazza sono davvero tante. Verso le 16 ci spostiamo alle cascate di Peguche, poco lontane, per una passeggiata nella foresta, un ponte sospeso sul rio e una cascata carina da vedere. Ultima sosta in una casa dove si costruiscono e si suonano tipi di strumenti diversi. Purtroppo il capofamiglia è assente e la figlia cerca di sostituirlo nell’illustrazione e nei suoni ma con esito un po’… incerto. Rientriamo in hotel un po’ stanchi e, con enorme piacere, vediamo che c’è un ristorante interno “La Tulpa” dove mangiamo di gusto.

DOMENICA 12

A pochi km si va verso la Laguna di Cuicocha, un lago vulcanico sorto da un’eruzione a 3.069 metri. Al centro vi sono due isolotti, di forma conica, che ricordano il dorso di un porcellino d’india, da cui deriva il nome della località “Cuicocha”. La nostra idea era quella di fare il giro dell’isola, come scrive la Lonely in 3h ½, massimo 5. Poi, pensandoci bene, 14 km di saliscendi partendo da 3.100 metri in 4 ore non è fattibile… ha ragione la ns. guida Mario quando ci dice che ne servono 6/7. Desistiamo e optiamo per un semplice giro in barca con la classica gita domenicale in mezzo a tante famiglie ecuadoriane. La laguna è carina ma non entusiasmante; ci è piaciuta decisamente di più la parata dei cavalieri a Cotocachi a cui assistiamo per caso durante la festa annuale dei rancheros a cui segue rodeo pomeridiano. Questi sono i plus del viaggio!

Dopo due ore abbondanti di strada (tra km e traffico) arriviamo alla Mitad del Mundo; sarà pure “pacchiana attrazione per turisti” come la definisce la Lonely ma è comunque da vedere per la foto con un piede nell’emisfero nord, uno in quello sud e in mezzo la linea gialla dell’Equatore. La sfera che sovrasta il monumento riporta l’incisione dei Paesi della Terra con Ecuador in mezzo e Vulcano Cotopaxi. Ci perdiamo gironzolando con calma e arrivano le sei, il Museo Inti Rami è chiuso e così termina la giornata.

LUNEDì 13

Ore 8:30 partenza per la laguna Quilotoa. Ci vogliono quasi tre ore per arrivare ma la vista le vale tutte. A 3.914 metri sotto di noi si apre una laguna color verde smeraldo incorniciata dalle piante cresciute lungo il cratere. Anche questa laguna si è formata, infatti, da un’eruzione vulcanica. La discesa è molto ripida, 400 metri di dislivello, ciottoloso e sabbioso, da fare in ca. 45 minuti. Sopra di noi le nuvole si aprono e lasciano apparire un cielo immensamente blu e un caldo sole. Ora si tratta di decidere se tornare a piedi in ca. 2 ore o spendere 20 $ e farci portare dai cavalli. Chissà cosa avranno scelto i nostri eroi … Il ristorante Dona Teresita ci ispira più di altri per le belle tovaglie colorate e l’ordine che si intravede all’interno, in realtà non sarà nulla di straordinario.

Convinti che la guida ci riservasse qualche altra sosta alle tre ci troviamo già alla Posada de Tigua, una fattoria di alta montagna con asini, mucche, lama e alpaca, cani, gatti e galline ovunque. Pomeriggio “bucolico” con mungitura delle mucche da parte di due bimbe di 10/11 anni e alle 18:30 cena in tavola! Alle 19:30 ci consegnano le borse dell’acqua calda da mettere nel letto perché fa un freddo malefico. Noi tiriamo un po’ in là con l’orario sedendoci intorno alla stufa a legna nell’ingresso, Luca leggendo e io scrivendo il mio diario.

Guarda la gallery
quilotoa-kqs9x

I PINGUINI DELLE GALAPAGOS

quilotoa-kamnz

CHIMBORAZO

quilotoa-3db7c

MERCATO DI GUAMOTE

quilotoa-9gn17

I GRANCHI DI BACHAS BEACH

quilotoa-491u8

FREGATA MAGNIFICA

quilotoa-ubz3j

BOOBIES FAMILY

quilotoa-6qg1g

AQUILA DELLE GALAPAGOS

quilotoa-cfzsa

GIOCHI D'ACQUA

quilotoa-t67px

LEONE MARINO A ISLA ISABELA

quilotoa-t5axy

LAGUNA DI QUILOTOA

quilotoa-pev3v

LA RISALITA

quilotoa-svbtr

TURTLES

quilotoa-b8q7g

MERCATO DI OTAVALO

quilotoa-nbkx1

IL PORTO DI ISLA ISABELA

quilotoa-wg374

IGUANA MARINA

quilotoa-s7pcw

LE SULE DALLE ZAMPE AZZURRE

quilotoa-1b12u

IGUANE TERRESTRI

quilotoa-wtj2k

I MIEI PREFERITI

quilotoa-ba723

LA GRIETA DE LOS TIBURONES

quilotoa-nkbgy

FISH MARKET

quilotoa-9eyy3

RIPOSINO AL LAVORO

quilotoa-qua1g

CHE FATICA

quilotoa-3qjjr

QUITO



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Cuenca
    Diari di viaggio
    nella patria di don chisciotte

    Nella patria di Don Chisciotte

    è nulla di che, anzi un po’ decadente. La sera abbiamo cenato presso un ristorante sito di fronte all’hotel.16/2 – Lasciata...

    Diari di viaggio
    alla scoperta dell'ecuador gioiello del sud america

    Alla scoperta dell’Ecuador gioiello del Sud America

    allo spiedo, prima dell’arrivo a Cuenca (2530 m) con breve giro nel centro sino alla piazza della cattedrale. Ottima sistemazione al...

    Diari di viaggio
    columpio en el cielo!

    Columpio en el cielo!

    9 Maggio 2019 (Milano-Quito) Fede deve andare a Quito per lavoro. Quale migliore occasione per prendere ferie e visitare questo piccolo...

    Diari di viaggio
    tutti i colori dell’ecuador

    Tutti i colori dell’Ecuador

    Una meta che immagino sogni ogni viaggiatore amante della natura. L’Ecuador con la sua diversità riesce a offrire innumerevoli paesaggi...

    Diari di viaggio
    dai vulcani dell'ecuador al mare delle galapagos

    Dai vulcani dell’Ecuador al mare delle Galapagos

    GIOVEDì 9 GIUGNO Ancora una volta l’idea di vedere un vulcano in attività ci attira e se questo può succedere in Sud America, terra...

    Diari di viaggio
    qualche giorno in ecuador... fai da te

    Qualche giorno in Ecuador… fai da te

    ECUADOR (agosto 2014) Di DerekPremessa: questo breve viaggio è un’estensione indipendente dello stupendo viaggio di gruppo...

    Diari di viaggio
    madrid e la mancha di ruta de don quijote - itinerario di don chisciotte

    Madrid e La Mancha di Ruta de Don Quijote – Itinerario di Don Chisciotte

    alla nostra peperonata, e il Mojete, un’insalata tipica. Per secondo Bacalao a la Manchega. Come dolce, Delicia de Queso. Ci offrono...

    Diari di viaggio
    in spagna tra la capitale e la costa

    In Spagna tra la capitale e la costa

    Madrid, un po’ di Mancha e Valencia (19 – 30 giugno 2013) Che sudata… anche stavolta ce l'abbiamo fatta a preparare tutto anche se di...

    Diari di viaggio
    valencia e cuenca

    Valencia e cuenca

    Diario di Valencia Più vado in Spagna e più mi innamoro del suo azzurro cielo.19 Luglio partenza da Roma Ciampino con la Ryanair fr...

    Diari di viaggio
    ecuador viaggio fantastico

    Ecuador viaggio fantastico

    Sembra un sabato qualunque di fine estate ma per noi la levataccia improponibile di questa mattina, segna l'inizio di una lunga e...