Ecuador viaggio fantastico

A Quito, nella foresta e poi in crociera alle Galapagos
 
Partenza il: 28/08/2010
Ritorno il: 16/09/2010
Viaggiatori: 4
Spesa: 4000 €

Sembra un sabato qualunque di fine estate ma per noi la levataccia improponibile di questa mattina, segna l’inizio di una lunga e desiderata vacanza: tour dell’Equador con crociera alle Galapagos. Ci siamo affidati a Fabio Tonelli, un italiano conosciuto grazie a Turisti per caso, che da anni si è trasferito in Equador e qui, occupandosi di turismo, è diventato famoso ovunque. Partiamo da Bologna per raggiungere Madrid dove incontreremo i ns. Amici provenienti da Torino coi quali condivideremo questa grande avventura e, di qui, dopo uno splendido volo di circa 11 ore, atterriamo a Quito alle 16. – 7 ore rispetto all’Italia E’ una giornata grigia, quasi autunnale e la città ci appare tranquilla; e’ sicuramente il fatto di essere sabato pomeriggio. I 2800 mt. Di altitudine si avvertono tutti e siamo costretti a camminare al rallentatore per evitare il fiatone. Dopo aver sistemato le ns. Cose in albergo, usciamo per la cena. La città nel frattempo inizia ad animarsi ed i giovani, che sicuramente hanno la musica nel sangue, accennano passi di danza anche in attesa dell’autobus; non è il caso di unirsi a loro, è molto meglio rientrare in albergo dopo questa lunghissima giornata!!!!! 29.08.2010 – Alle 8,30 la ns. Guida ci attende per iniziare il tour della città. Tutta la città di Quito è, dal 1978, patrimonio dell’Unesco e, il suo centro storico che si snoda attorno a Plaza Grande, è veramente pittoresco E’ domenica mattina, forse il momento più giusto per visitare la città. Le chiese sono gremite di fedeli che assistono alle funzioni e, all’uscita, si soffermano sulle panchine della piazza per scambiarsi convenevoli e saluti. I bellissimi capelli neri delle donne ed i loro abiti dai colori sgargianti, creano un effetto cromatico veramente notevole. Attirano la ns. Attenzione le postazioni dei lustrascarpe, quasi sempre bambini, che però operano con professionalità impeccabile, proponendosi senza imporsi. Notiamo anche un capannello di persone che occupano un angolo della piazza. Sono tutte in circolo e, davanti a loro hanno appoggiato a terra i loro caschetti; la guida ci spiega che sono lavoratori che stanno rivendicando certi loro diritti e quello è il loro modo di scioperare. Dopo una lunga passeggiata, ci rechiamo al Paenecillo, un belvedere dal quale si ha la visione totale della città nel suo insieme. Raggiungiamo poi, in pochi km, il centro LA MITAD DEL MUNDO. E’ questo una specie di museo all’aria aperta situato nel punto preciso in cui passa l’Equatore a latitudine 0, all’interno del quale si possono fare esperimenti che dimostrano l’assenza totale di gravità. Dopo il pranzo partiamo per raggiungere S. Antonio da Barra, visitando sul tragitto alcuni laboratori artigiani. Raggiungiamo in serata l’Osteria Chorlavi dove passeremo la notte. 30.08.2010 – Partiamo da S. Antonio da Barra per raggiungere Otavalo. E’ questo il mercato più famoso di tutto l’Equador, talmente inflazionato dalle riviste e dalle guide turistiche, da far sì che ci aspettassimo chissà cosa, invece, come spesso succede, è notevolmente al di sotto delle ns. Aspettative; molto probabilmente tutto ciò è dovuto al fatto che il mercato c’è sì tutti i giorni, ma la giornata clou è il sabato mentre oggi è lunedì. Passeggiamo comunque in questo tripudio di colori e di oggetti di artigianato e ci sembra di essere in uno scrigno che racchiude l’Equador intero. Veniamo a contatto coi cappelli di Panama e ci pregustiamo la visita che andremo a fare fra qualche giorno nel laboratorio Ortega, il più famoso del mondo. Lasciamo il mercato con un po’ di delusione per dirigerci al Lago Cuicoha. E’ uno splendido lago di origine vulcanica situato ad un’altitudine di 3100 mt. Qui, accompagnati da uno sciamano, visitiamo la riserva Cayapas e, col suo aiuto, facciamo conoscenza con innumerevoli piante e fiori medicinali da tempo impiegati nella medicina alternativa. Nel pomeriggio percorriamo a ritroso la strada per Quito dove in serata avremo l’aereo per Cuenca dove passeremo la notte. 31.08.2010 Il risveglio a Cuenca è sotto i migliori auspici! Ci attende Ivan che sarà la ns. Guida alla scoperta della città. Con Ivan è tutta un’altra cosa. E’ veramente una guida esperta e professionale, oltre che una persona simpatica e alla mano. Visitiamo, come primo assaggio della città, la fabbrica per eccellenza dove vengono prodotti i famosi panama. I cappelli di paja toquilla di Homero Ortega sono completamente prodotti a mano ed esportati in tutto il mondo. Visitiamo gli ambienti in cui si svolgono le varie fasi di lavorazione, fino ad arrivare all’incantevole prodotto finito. A seconda dello spessore del filo intrecciato da mani sapienti, si determina il valore del cappello di panama; i più pregiati di questi, fatti con fili grossi come capelli, possono raggiungere il costo di 12.000 euro. Lasciamo la fabbrica coi ns. Preziosi acquisti che, probabilmente non verranno mai indossati, ma felici di aver appagato la ns. Curiosità al riguardo di questo prodotto unico al mondo. Iniziamo poi la visita della città che ha veramente un centro storico notevole. Pranziamo in un delizioso locale posto a lato della piazza principale dove, in un’atmosfera d’altri tempi, gustiamo degli splendidi piatti unici all’irrisoria spesa di 5,50 $. Proseguiamo la visita nel pomeriggio, per terminarla con le case coloniali lungo il fiume. Incombe la sera e noi abbiamo l’aereo per Quito.

01.09.2010 L’Amazzonia ci aspetta e noi siamo ansiosi di prendere contatto con questo mondo lontano e misterioso. Ivan ci preleva dall’albergo per accompagnarci in aeroporto. Il volo per Coca ha purtroppo 3 ore di ritardo e così, con 30 minuti di volo, atterriamo alle 13. Ci attende un pick up che ci accompagna al battello. Navighiamo sul Rio Napo, il più grande affluente del Rio delle Amazzoni per circa 3 ore, poi percorriamo un tragitto di circa mezz’ora nella foresta, ed infine un’ultimo tratto in canoa. Raggiungiamo così il Sani Lodge che è veramente uno spettacolo, sia per la sua collocazione, sia per l’impatto zero che ha sull’ambiente. Siamo stanchi per tutto ciò che abbiamo fatto per raggiungerlo ma, si sa, le cose belle non sono mai a portata di mano. 02.09.2010/03.09.2010 La prima notte al lodge è sotto la pioggia ed è bellissimo ascoltarne il rumore dal ns. Bungalow in legno; i rumori della notte sono i più svariati o, per lo meno, sono quelli a cui non siamo abituati nella ns. Vita di tutti i giorni in quanto sono le voci di tutti gli animali della foresta. Ci si trova a rimanere a lungo in silenzio solo per poter individuare a chi appartengano. Le giornate al lodge scorrono veloci, le uscite in battello ci portano nei vari punti della foresta dove ci sono le cose più interessanti da vedere e, di qui, a piedi, con lunghe passeggiate veniamo a conoscenza di piante ed animali conosciuti solo sui libri. La ns. Guida ci illustra le proprietà di determinati tipi di piante e di come vengano ancora oggi impiegate nella medicina comune. Raggiungiamo poi la torre. Viene così definito un traliccio in ferro che termina con una piattaforma, costruito a ridosso in un albero che, con 150 gradini, ci porta ad un’altezza di 35 metri. Da questa notevole altezza si domina tutta la foresta e, col binocolo che la ns. Guida ha portato con sé, riusciamo ad avvistare vari tipi di animali, fra i quali una specie di scimmie piccolissime che possono stare sul palmo di una mano. Dalla terrazza del lodge assistiamo a dei tramonti mozzafiato; l’atmosfera è così carica di emozione che, insieme agli altri ospiti ci troviamo assiepati, in religioso silenzio, per goderci ogni momento del sole che sta calando; il silenzio è rotto solo dagli incessanti clik delle macchine fotografiche; sui visi dei presenti non è raro veder scendere una lacrima. Anche i dopocena al lodge sono carichi di mistero………..facciamo escursione in battello con le torce per l’avvistamento dei Kaimani. Ne vediamo 3, ma 1 in particolare è esattamente ad 1 metro dal ns. Battello. E’ enorme, lungo forse 4 mt. A detta della guida, ha il corpo completamente immerso, solo la testa fuoriesce dall’acqua. Ci sbizzarriamo coi flash, ha gli occhi rossi come sangue, l’aspetto forte e fiero e l’espressione di chi, rimanendo immobile, è certo di non essere visto. Non sembra minimamente turbato dalla ns. Presenza in quanto non accenna ad andarsene. Rientrando verso il lodge, il battello si arresta improvvisamente: la guida si sporge un attimo ed introduce una mano in acqua; ne esce un attimo dopo con un cucciolo di kaimano lungo circa 30 cm. Lo tiene stringendolo alla testa perchè anche così piccolo potrebbe mordere; per noi una grande soddisfazione e la certezza che forse non avremo più un’opportunità simile! La sera prima della partenza, dopocena, escursione in piena foresta per vedere ragni, tarantole e insetti vari; tocchiamo con mano tutto quello che abbiamo sempre e solo visto nei documentari. Andiamo a dormire presto in quanto domani ci aspetta una levataccia. 04.09.2010 Giornata tutta dedicata al trasferimento. Ci alziamo prestissimo e, con un groppo alla gola, percorriamo a ritroso il Rio Napo. E’ il ns. Saluto all’Amazzonia, certi che rimarrà nel ns. Cuore un ricordo indelebile. In aereo ritorniamo a Quito e qui, dopo cena, ci godiamo un po’ la città by night, passeggiando fra i monumenti magistralmente illuminati. 05.09/11.09.2010 Lasciamo Quito e, dopo 3 ore di volo raggiungiamo Baltra alle Galapagos. Inizia la grande avventura che in una settimana ci permetterà di prendere contatto col paradiso degli animali più famoso del mondo. Siamo emozionati e forse a ragione! Da Baltra un pullman ci porta all’imbarco sul catamarano Archipel. Siamo in tutto 15 ospiti delle più svariate nazionalità ed insieme condivideremo questa settimana full immersion nella natura più incontaminata. Dopo aver preso possesso delle ns. Cabine, raggiungiamo Puerto Ayora nell’isola di Santa Cruz e la prima visita è alla Stazione scientifica Charles Darwin. Tartarughe e iguane a profusione; si deve fare attenzione in quanto gli animali, così abituati alle persone, invadono i passaggi senza alcun timore.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Cuenca
    Diari di viaggio
    nella patria di don chisciotte

    Nella patria di Don Chisciotte

    è nulla di che, anzi un po’ decadente. La sera abbiamo cenato presso un ristorante sito di fronte all’hotel.16/2 – Lasciata...

    Diari di viaggio
    alla scoperta dell'ecuador gioiello del sud america

    Alla scoperta dell’Ecuador gioiello del Sud America

    allo spiedo, prima dell’arrivo a Cuenca (2530 m) con breve giro nel centro sino alla piazza della cattedrale. Ottima sistemazione al...

    Diari di viaggio
    columpio en el cielo!

    Columpio en el cielo!

    9 Maggio 2019 (Milano-Quito) Fede deve andare a Quito per lavoro. Quale migliore occasione per prendere ferie e visitare questo piccolo...

    Diari di viaggio
    tutti i colori dell’ecuador

    Tutti i colori dell’Ecuador

    Una meta che immagino sogni ogni viaggiatore amante della natura. L’Ecuador con la sua diversità riesce a offrire innumerevoli paesaggi...

    Diari di viaggio
    dai vulcani dell'ecuador al mare delle galapagos

    Dai vulcani dell’Ecuador al mare delle Galapagos

    GIOVEDì 9 GIUGNO Ancora una volta l’idea di vedere un vulcano in attività ci attira e se questo può succedere in Sud America, terra...

    Diari di viaggio
    qualche giorno in ecuador... fai da te

    Qualche giorno in Ecuador… fai da te

    ECUADOR (agosto 2014) Di DerekPremessa: questo breve viaggio è un’estensione indipendente dello stupendo viaggio di gruppo...

    Diari di viaggio
    madrid e la mancha di ruta de don quijote - itinerario di don chisciotte

    Madrid e La Mancha di Ruta de Don Quijote – Itinerario di Don Chisciotte

    alla nostra peperonata, e il Mojete, un’insalata tipica. Per secondo Bacalao a la Manchega. Come dolce, Delicia de Queso. Ci offrono...

    Diari di viaggio
    in spagna tra la capitale e la costa

    In Spagna tra la capitale e la costa

    Madrid, un po’ di Mancha e Valencia (19 – 30 giugno 2013) Che sudata… anche stavolta ce l'abbiamo fatta a preparare tutto anche se di...

    Diari di viaggio
    valencia e cuenca

    Valencia e cuenca

    Diario di Valencia Più vado in Spagna e più mi innamoro del suo azzurro cielo.19 Luglio partenza da Roma Ciampino con la Ryanair fr...

    Diari di viaggio
    ecuador viaggio fantastico

    Ecuador viaggio fantastico

    Sembra un sabato qualunque di fine estate ma per noi la levataccia improponibile di questa mattina, segna l'inizio di una lunga e...