Cracovia e Auschwitz

Cracovia in inverno
 
Viaggiatori: 1
Spesa: Fino a €250 €

Cracovia è una piccola città nel sud della Polonia, ideale per un week-end lungo. Noi ci siamo stati a fine novembre, che non è proprio il periodo ideale perché il clima è più rigido che da noi, si rischia di rimanere bloccati causa pioggia, neve o freddo intenso, alle 4 del pomeriggio è buio, e molti edifici sono chiusi perché è bassa stagione. Però siamo capitati nel sabato in cui si accendeva il grande albero di Natale nella piazza principale e iniziavano i mercatini natalizi. Devo dire che la piazza era davvero bella anche se la folla era decisamente troppa per l’”era covid”.

I quartieri di interesse sono il centro storico, circondato da una cintura di giardini, il Kazimierz che era il quartiere ebraico, il ghetto, appena oltre la Vistola (il fiume che la attraversa). A una decina di km c’è Nowa Huta che è il quartiere fatto costruire dall’URSS negli anni ’50 che può essere interessante. E poi ci sono due gite fuori porta da fare, le miniere di sale a Wieliczka e i campi di concentramento di Auschwitz-Birkenau.

Il centro storico è piccolino, una buona parte degli edifici degni di nota sono nella piazza centrale che invece è enorme (Rynek Glowny). Ha un edificio giusto al centro dove ci sono tanti negozietti turistici, su un lato ha la maestosa Basilica di Santa Maria (molto bello anche l’interno) e dalla parte opposta la Torre del Municipio. Le strade che circondano la piazza sono molto turistiche e piene di negozietti e soprattutto posti dove mangiare svariate leccornie, soprattutto in inverno. Le due strade principali sono la Florianska, che arriva fino al Barbacane e alla porta di St. Florian e la Grodzka che invece scende fino al Castello. Vicino alla porta di St. Florian c’è il Princes Czartoryski Museum che non siamo riusciti a vedere per mancanza di tempo ma che credo sia interessante, se non altro perché c’è la “Dama con l’ermellino” di Leonardo.

Sulla Grodzka segnalo due o tre posti che sfornano in continuazione una specie di bombolone locale, una cosa morbida e dolce con vari tipi di ripieni che se assaggi non dimentichi! Ottimo anche vuoto!

Il Castello di Wawel delimita il centro a sud, si erge maestoso e ben illuminato e tra il Castello e il fiume c’è la statua (bruttina) del Drago che la leggenda vuole infestasse la città. Il Castello non l’abbiamo visto, i biglietti andavano prenotati, ci voleva almeno una mezza giornata e in due giorni e mezzo non si poteva far tutto.

Poco oltre c’è il quartiere Kazimierz, che era il quartiere ebraico. Noi abbiamo fatto un walking tour ed è stato molto utile perché quello è forse il quartiere più importante per la storia di Cracovia. Ci sono diverse sinagoghe, cimiteri ebraici, qui ci hanno girato molte scene di Schindler’s List (da rivedere prima o dopo esserci stati, meglio prima) e c’è anche una bella Chiesa cattolica, la Basilica Corpus Christi.

Oltre la Vistola invece c’è il Ghetto. Anche questo l’abbiamo fatto con la guida. Molto bello il ponte pedonale Father Bernatek’s, bisogna passarci di giorno per guardare bene le statue che sono in un apparentemente precario ma in realtà stabilissimo equilibrio su dei fili metallici (non ho capito il trucco!). il Ghetto è denso di storia, ci sono molti posti da vedere, dalla piazza con le sedie (la Plac Bohaterów Getta) e la Farmacia dell’Aquila all’angolo, la Chiesa San Giuseppe che sembra un castello della Disney ed è recentissima quindi poco interessante, un murale di Blu chiamato Ding Dong Dumb, il centro Cricoteka, il piccolo frammento del muro del ghetto rimasto, costruito con le lapidi dei cimiteri. L’aria è pesante, difficile non immedesimarsi e non percepire l’orrore di questi luoghi, non pensare a quello che è successo non tanti anni fa. Interessante vedere i resti di questo muro in un momento in cui i Polacchi vorrebbero costruirne uno al confine con la Bielorussia.

Ho scoperto troppo tardi l’esistenza del Fort Benedict, non distante dai resti del muro, peccato perché secondo me valeva la pena passarci.

Un po’ fuori dal ghetto verso est ci sono la fabbrica di pentole di Oskar Schindler e proprio di fronte il Museo di Arte Contemporanea Mocak. Dentro alla fabbrica oggi c’è un museo che ricorda l’occupazione nazista della Polonia e di Cracovia in particolare, va visto, anche come introduzione ai campi.

Il Mocak è carino, non troppo grande, e conviene visitarlo quando si visita la Fabbrica perché sono uno di fianco all’altra.

Abbiamo scelto di dedicare una mezza giornata alla visita di Nowa Huta, una città sorta negli anni ‘50 a una decina di km (ci si arriva con i bus urbani) che doveva ospitare chi lavorava nella grande fabbrica a poca distanza. Mi aspettavo un quartiere interamente brutalista, ma non è interessantissimo. Anche qui abbiamo fatto un walking tour ma questo ci ha deluso moltissimo. Iniziava alle 11 del mattino, durava due ore a mezza, considerando i tempi per gli spostamenti ci ha rubato quasi una giornata. Inoltre, la guida indugiava su aneddoti irrilevanti, drammatizzando in modo esagerato ogni singolo particolare, insomma una noia mortale, almeno la prima ora. La seconda ora è stato un po’ meglio, interessante la storia della Croce di Nowa Huta (ci fu una sommossa popolare quando provarono a toglierla), quella del Teatro Ludowy, e da vedere la chiesa Our Lady Queen of Poland con l’immancabile statua di Wojtyla: fuori a mio parere è orrenda, dentro direi anche ma il Cristo è da vedere, molto angosciante! Di sabato mattina (non so se anche altri giorni) lì vicino c’è un mercato ed è interessante farci un giro (si scopre che le carote in origine non sono arancioni ma marroni perché ricoperte di terra!!!).

Abbiamo comprato la Krakow Card che per due giorni costa 30 euro (su internet costa 30 ma in aeroporto abbiamo pagato un po’ meno) e include trasporti pubblici e quasi tutti i musei e gli edifici a pagamento (non il Castello); si compra già in aeroporto all’ufficio informazioni così si può prendere l’autobus per andare in centro. Si entra senza strisciare nulla, in caso di controllo si mostra la carta.

Guarda la gallery
img_4966



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Auschwitz Birkenau
    Diari di viaggio
    cracovia e auschwitz

    Cracovia e Auschwitz

    Cracovia è una piccola città nel sud della Polonia, ideale per un week-end lungo. Noi ci siamo stati a fine novembre, che non è proprio...

    Diari di viaggio
    cracovia, un piccolo gioiello inaspettato!

    Cracovia, un piccolo gioiello inaspettato!

    fondo al campo dove ci sono i forni crematori. Solo alcuni ancora in piedi perché le SS alla fine della guerra ne avevano fatti saltare...

    Diari di viaggio
    cracovia, ma che bella sorpresa

    Cracovia, ma che bella sorpresa

    INFORMAZIONI PRATICHEORGANIZZAZIONEPacchetto volo+hotel comprato su Expedia meno di un mese prima della partenza. Volo Ryanair...

    Diari di viaggio
    weekend a cracovia 5

    Weekend a Cracovia 5

    1° giorno: Quartiere Ebraico, Ghetto e Centro Storico Io e mio marito siamo partiti giovedì mattina con volo easyjet delle ore...

    Diari di viaggio
    vacanze estive in polonia

    Vacanze estive in Polonia

    1° GIORNO Per le nostre vacanze estive, nel luglio 2014, mio marito ed io siamo piuttosto indecisi sulla scelta della destinazione e,...

    Diari di viaggio
    cracovia, come in una fiaba

    Cracovia, come in una fiaba

    Ho speso molto tempo nell’ultimo anno per approfondire il delicato capitolo dell’Olocausto, e dopo aver visitato vari luoghi in...

    Diari di viaggio
    in polonia per visitare cracovia e auschwitz

    In Polonia per visitare Cracovia e Auschwitz

    Krakow, una città che non conoscevo se non come porta d’accesso ad Auschwitz, luogo che da tempo volevo vedere: l’occasione nasce dal...

    Diari di viaggio
    cracovia la bella

    Cracovia la bella

    Cominciamo il nostro viaggio a Cracovia con un ritardo di 2 ore del volo, che ci farà arrivare a destinazione quasi a notte fonda....

    Diari di viaggio
    breve viaggio in polonia

    Breve viaggio in Polonia

    Partito da Varsavia, Warsawa Centraln, con un Treno Regionale alle 10:05 del mattino (biglietto acquistato il giorno precedente presso una...

    Diari di viaggio
    cracovia e auschwitz: luci e ombre della vecchia europa

    Cracovia e Auschwitz: luci e ombre della vecchia Europa

    Per anni ho disdegnato un viaggio in Polonia, preferendole altre mete europee più conosciute e all’avanguardia, finché non ho deciso di...