Bordeaux low cost

Tra rigogliosi vigneti, imponenti porte storiche della città e la spettacolare duna di Pilat
Scritto da: tea-per-2
bordeaux low cost
Partenza il: 14/09/2017
Ritorno il: 17/09/2017
Viaggiatori: 4
Spesa: 500 €

BORDEAUX!? PERCHé NO? 4 giorni e 3 notti al prezzo di euro 240 a testa, tutto incluso.

Organizzato in pochi giorni, viaggio economico per vedere Bordeaux e le Dune du Pilat. E’ una meta poco selezionata, non conosciamo nessuno che ci sia già stato, ne parlano in pochi. Così abbiamo viaggiato 4 giorni / 3 notti… al prezzo di euro 240 a testa, tutto incluso.

Ci è venuta voglia di viaggiare, e di farlo con i nostri amici, così ho guardato il sito Volagratis, e ho avviato una ricerca, per la settimana seguente. Di solito, prenotiamo tutto con molto anticipo, per risparmiare. Questa volta, abbiamo fatto l’opposto: tariffe last minute! Non avendo alcuna preferenza o idea, ho inserito le date, la partenza da uno qualsiasi dei tre aeroporti milanesi, e la destinazione per: “OVUNQUE”. Si può fare, è divertente. Così, il sito mi ha proposto varie mete, tutte a meno di 50 euro a volo, pe le seguenti città: Lille, Norimberga, Glasgow, Bordeaux, Bucarest, Sofia, Munchen. Dato che alcune le avevamo già visitate, dopo una brevissima consultazione ci siamo detti: Bordeaux? Perché no?

E’ una meta poco selezionata, non conosciamo nessuno che ci sia già stato, ne parlano in pochi. Quindi… per prima cosa abbiamo guardato le informazioni turistiche, che ci hanno convinto ad andarci. C’erano cose interessanti da visitare! Il volo è costato euro 86 a persona, andata e ritorno, con solo bagaglio a mano.

La prenotazione è stata ottima, anche per i comodissimi orari dei voli. Purtroppo, la compagnia aerea Easy jet proibisce di portare un secondo bagaglio a bordo, né le macchine fotografiche grandi, borsette o marsupi. Certo, si possono mettere nell’unico bagaglio a mano concesso a bordo, il piccolo trolley! Ma si sa che se per caso l’aereo fosse pieno, la Easy Jet caricherebbe un bel po’ di bagagli da cabina in stiva, a caso (è vero che non fanno pagare sovrapprezzo, ma è scomodo viaggiare senza i propri articoli di soccorso: panini, tablet per giocare, libri da leggere, portafogli ecc…). Ma la soluzione è stata presto trovata. Easy jet concede un secondo bagaglio a mano, in cabina, al passeggero che sceglie i posti di prima fila o alle uscite di sicurezza, pagando un extra di una dozzina di euro, circa. E aggiunge anche l’imbarco prioritario, speed boarding! Così, Roberto ha viaggiato alle porte di sicurezza e ha ospitato nel suo secondo trolley tutti gli oggetti che anche noi altri tre passeggeri volevamo tenerci a bordo. Spesa minima, comodità raggiunte. Abbiamo, ad esempio, mangiato a bordo gli ottimi panini che avevamo preparato a casa, ed al ritorno delle belle baguette con formaggi francesi e salumi! D’ora in avanti, questo sarà il metodo che useremo per poter viaggiare sulle low cost airlines! Infatti, ci piace molto viaggiare leggeri, solo con bagaglio a mano, ma senza perdere proprio tutte-tutte le comodità!

A questo punto, prenotati i voli, mi sono accorta di aver fatto un errore. Enorme. Ho fatto quello che avevo sempre detto ai miei studenti e studentesse dell’istituto Turistico di NON fare: MAI prenotare i trasporti PRIMA di aver guardato la ricettività locale. Infatti, con mia grande ansia, ho visto che a così pochi giorni di distanza la città di Bordeaux aveva gli hotel al completo! Trivago, Booking, Expedia, Hotel, Trip Advisor: tutti avevano esaurito le camere, ed offrivano solo posti ad oltre cento chilometri da Bordeaux! Mi sono sentita male. Ma mi sono detta che, forse, le catene alberghiere avevano tenuto ancora camere, senza darle da rivendere ai portali del ricettivo, così ho cercato tra tutte le catene che ci sono in Francia. Prima quelle economiche, poi quelle costose. Beh, da non crederci: non c’era posto né in un due stelle, né in un quattro stelle! Par bleu! Ho cercato ancora, ed inviato email di richiesta a tanti portali di Bed And Breakfast, a tante chambres d’hotes. Nessuna risposta, neanche risposte negative. Ho guardato anche AirBnB, ormai convinta di aver fatto una grande cazzata a prenotare i voli con troppa fretta, Non c’era disponibilità alcuna, neanche su Airbnb. Così, stremata, ho prenotato con Booking.com un appartamento fuori Bordeaux, con cancellazione gratuita. Neanche male, come sistemazione e prezzo, se non fosse stato per la distanza: un’ora di mezzi pubblici, verso il centro città.

Il giorno dopo ho ricominciato, da capo, tutte le ricerche, pensando che qualcuno prima o poi molla le camere che ha prenotato con cancellazione gratuita, o per cause di forza maggiore. Roberto ha iniziato a darmi un aiuto, anche lui ha cercato per ore ed ore dove dormire. Già stava cercando i prezzi delle auto a noleggio…

Per farla breve, tutti i giorni successivi abbiamo continuato a tenere in caldo l’appartamento prenotato, però cercando al contempo un’alternativa. Ed infine, la nostra costanza è stata premiata: voilà: una certa signorina Carole Courroy mi ha risposto, accettando la prenotazione per la sua casa, in centro, a Bordeaux, per la cifra di 83 euro a testa, tre notti. Tramite AirBNB, naturalmente. Meno male! Certo, mai avrei fatto una lezione in aula di “Trasporti e Tecnica Turistica” affermando che a voli con indice di riempimento posti limitati così tanto da suggerire al vettore un prezzo scontato… si accompagnasse un’offerta ricettiva satura! Mai, neanche come caso di studio! Eppure, è successo a noi. Grazie al cielo, Antonella e Gigi sono amici che non si sono agitati e ci hanno confermato la loro fiducia.. anche nelle prenotazioni per prossimi viaggi insieme! Ma ecco il diario di viaggio, dopo questa lunga premessa.

14 SETTEMBRE 2017. GIOVEDÌ: Milano/Bordeaux

Siamo arrivati velocemente al parcheggio per l’auto, che con la sua navetta ci ha portato in breve a Malpensa Terminal 2. Siamo partiti con un’ora di ritardo, alle 12.40. Siamo arrivati a Bordeaux (Merignac Terminal A) alle 14,20. La Easy jet non è stata affatto puntuale, però i sedili a bordo sono stati meglio di quelli della RyanAir, e a bordo nessuno cerca di venderti qualche cosa, che sia un profumo o un gratta e vinci…



    Commenti

    Lascia un commento

    Arcachon: leggi gli altri diari di viaggio