Abruzzo: tre giorni nelle terre Pescaresi e Chietine

Viaggio enogastronomico in una regione "a quattro stagioni" dove autenticità è la parola d'ordine
Viaggiatori: 1
Spesa: Fino a €250 €

A cura della redazione di Turistipercaso.it

Chieti, Pescara e i loro territori sono spesso vissute come destinazioni di passaggio verso il sud Italia. Pescara soprattutto per me che vivo a Milano era il simbolo dell’edilizia anni ‘60 -’70, una città “moderna” con lunghe spiagge attrezzate, la meta ideale per non andare in vacanza… Dopo questo intenso itinerario di 3 giorni, devo innanzitutto ricredermi e ringraziare Luigi di Abruzzo Travelling che ha saputo convincermi che le terre pescaresi e chietine sono ricche di storia, personaggi e gusti tutti da assaporare… Sia ahimè con itinerari automobilistici, sia soprattutto con itinerari ciclo-pedonali che possono far rivivere le tradizioni e gli antichi sapori di un antico popolo che ha saputo lottare per il suo territorio conservando le proprie tradizioni, i propri sapori e saperi!

Innanzitutto arrivando a Pescara rigorosamente in treno, vi consiglio di visitare il Museo Genti d’Abruzzo qui potrete scoprire molte interessanti notizie, innanzitutto la lunga storia di Pescara che risale al I° millennio a.C. Questa tappa è per me stata fondamentale per capire la città, la sua storia e quella dei popoli italici pre-romani, le loro tradizioni, ma anche i valori della transumanza, dell’agricoltura e dell’artigianato locale. Molti elementi che ho rivisto nel mio itinerario non come reperti museali, ma come elementi ancora vivi nel quotidiano dei residenti. Certo, la mia fortuna è stata quella di visitare questo luogo con Christian Dolente una guida preparata e appassionata che mi ha raccontato il significato dei vestiti delle feste per le donne, il significato di gioielli, ma anche i valori delle migrazioni stagionali tra la montagna e il mare.

Sempre per entrare nel mondo delle terre abruzzesi viste anche con gli occhi degli stranieri, vi consiglio di visitare l’Imago Museum proprio di fronte alla stazione di Pescara, dove trovate la permanente della collezione dei pittori Impressionisti Danesi. Centodiciannove quadri dipinti tra il 1890 e il 1916 che rappresentano la vita del popolo abruzzese. I protagonisti sono il paesaggio e la varia umanità ritratta con rispetto, amore per la verità. La dignità che trapela da ciascuna immagine rileva una particolare attenzione alla luce del sole che non solo riscalda, ma fa vivere il lavoro dei campi e quello degli artigiani con estrema fierezza della propria storia. La scuola fondata dal maestro Kristian Zahrtmann in un primo tempo inizio ad operare a Sora nel Lazio ma inseguito fu trasferita a Civita d’Antino in Val Roveto (Abruzzo) perché il clima estivo era più fresco e salubre. Il maestro Zahrtmann ogni estate portava in Abruzzo il meglio dell’accademia di Copenaghen l’obiettivo era insegnare la tecnica dell’utilizzo della luce del sole nella raffigurazione di paesaggi e mestieri rompendo gli stereotipi cupi dell’accademia danese.

Dopo essere entrati nel mondo abruzzese il consiglio è concedersi una pausa ristoro all’Osteria Numero 1000 di Pescara dove Luca, Laura ed Elisa vi metteranno a vostro agio con una verace cucina pescarese. Si tratta di una vera cucina casalinga, dove ogni giorno il menù cambia in base alla spesa del mattino al mercato. Attenzione, Luca ha scelto di non avere congelatori, per offrire sempre piatti freschi del territorio! Se avete l’opportunità ordinate il pollo ruspante Faricelli di Villa Badessa in casseruola. Faricelli è un’azienda Avicola del territorio che alleva polli, tacchini, anatre secondo natura, le basi per ottenere un prodotto sano, gustoso e di qualità direttamente dal produttore al consumatore.

Guarda la gallery



Commenti

Lascia un commento

Ti consigliamo Leggi i Diari di viaggio su Abruzzo
Diari di viaggio
Abruzzo: tre giorni nelle terre Pescaresi e Chietine

Abruzzo: tre giorni nelle terre Pescaresi e Chietine

A cura della redazione di Turistipercaso.it Chieti, Pescara e i loro territori sono spesso vissute come destinazioni di passaggio verso...

Diari di viaggio
Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise

Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise

1° Giorno 17 Settembre 2020: Montefiascone – L’Aquila – Sulmona. Quest’anno la nostra scelta è caduta...

Diari di viaggio
Breve vacanza sulle montagne abruzzesi

Breve vacanza sulle montagne abruzzesi

abbastanza affollato, anche se nell’ampia conca di questa località le distanze fra le persone sono abbastanza rispettate (cosa molto...

Diari di viaggio
ABRUZZO FORTE E GENTILE

ABRUZZO FORTE E GENTILE

mancava un poco di sale. I tempi di servizio sono abruzzesi. Noi lombardi, e perfino i Trentini, siamo più veloci. Ma qui nessuno ci fa...

Diari di viaggio
Dalle Marche alla Toscana, passando per la Basilicata

Dalle Marche alla Toscana, passando per la Basilicata

Il 2020 è l’anno più assurdo che abbiamo vissuto. Abbiamo affrontato un nemico invisibile e non abbiamo vinto, perché è morta troppa...

Diari di viaggio
Un weekend lungo in Abruzzo alla ricerca di orsi e daini

Un weekend lungo in Abruzzo alla ricerca di orsi e daini

Giovedì 3 ottobre partenza alle 17.30 da Bologna per arrivare alle 21 a Mofusco vicino a Penne. Mangiamo e dormiamo all'albergo Opera....

Diari di viaggio
Agosto, in vacanza col

Agosto, in vacanza col “Cingulato”

Abbiamo trascorso alcuni giorni di vacanza in un posto vicino a noi che fino ad oggi non potevamo immaginare esistesse. Accompagnati da una...

Diari di viaggio
Tra fuoco e guantoni: il tour dei Borghi della Lettura in Abruzzo

Tra fuoco e guantoni: il tour dei Borghi della Lettura in Abruzzo

Per scacciare le tenebre e il freddo invernale, in Europa, durante la preistoria, si diffuse il culto del fuoco sacro. Emblema di tutto...

Diari di viaggio
Breve fuga in Abruzzo

Breve fuga in Abruzzo

Una breve ma intensa puntata in una regione bellissima, dove non c’è che l’imbarazzo della scelta: monti, mare, città d’arte,...

Diari di viaggio
In Abruzzo per la festa dei serpari di Cocullo

In Abruzzo per la festa dei serpari di Cocullo

La festa di San Domenico e i serpari di Cocullo Cocullo è un paesino di poco più di 200 abitanti in provincia di L’Aquila,...