Aruba e Curaçao in autonomia

Consigli per visitare in fai-da-te le Antille olandesi, diverse tra loro ma davvero splendide.

Diario letto 882 volte

  • di mque_mque
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro

COME MUOVERSI

Visto il tipo di vacanza che facciamo, noi preferiamo sempre affittare un'auto, per la massima flessibilità ed indipendenza. Ad Aruba avevamo prenotato un'auto con AVIS con ritiro/consegna in aeroporto, a Curacao il gestore del B&B ci ha trovato un mezzo presso un noleggio locale, col vantaggio che non ci è stata richiesta la cauzione. Entrambe le soluzioni ci sono costate 40 euro al giorno. Non è stata richiesta la patente internazionale.

DOVE DORMIRE (E MANGIARE)

Premetto che non ci ha mai interessato frequentare i resort, da cui spesso per tutta la settimana non si esce e in cui (mamma mia!) magari c'è anche l'animazione. La nostra scelta anche nelle Antille è andata ad alloggi self-catering con angolo cottura, così da fare una abbondante colazione, poi un pò di frutta a pranzo in spiaggia, e la sera si esce a cena fuori. Ovviamente, a voi la scelta; sui portali di prenotazione ci sono soluzioni di ogni genere. I prezzi ahimè non sono asiatici: scegliendo due B&B di buon livello, ma certo non di lusso, abbiamo speso 67 euro a notte ad Aruba e 100 a Curacao.

Ad Aruba le aree di maggior interesse turistico sono nella zona Noord dell'isola, che ospita le spiagge migliori e di conseguenza anche la maggior parte dei resort delle grandi catene. Il resto dell'isola è in parte destinato a parco nazionale (di difficile accesso perchè dispone solo di poche strade non asfaltate; noi non l'abbiamo visitato) e in parte abitato (i due centri maggiori sono la capitale, Oranjestad, e San Nicolas, nell'estremo sud).Preferendo una sistemazione un po' più rurale, abbiamo scartato la zona dei resort e scelto di pernottare in un B&B nella zona Jan Flemming, che è a metà dell'isola. Il B&B ha dei graziosi bungalow di legno con bagno interno, e c'è una cucina comune all'aperto per prepararsi i pasti. Originale la scelta dei wagon di legno, bello il giardino di cactus, ricco di colibrì e altri uccelli, molto tranquillo e silenzioso la notte, ma la cucina è poco attrezzata, il wagon è davvero minuscolo ed è stato necessario spostarsi verso le spiagge. In ogni caso, noi cambiamo spiaggia ogni giorno, e la viabilità dell'isola è ottima: in circa 30 minuti arrivavamo a Noord, e nei due giorni in cui siamo andati nel sud dell'isola abbiamo guadagnato tempo.

A posteriori, la zona dei resort si è rivelata meno costruita e soffocante di quanto temevamo, e anche lì si trovano alloggi self-catering di ogni genere, oltre agli alberghi. A svantaggio di questa scelta, la ristorazione in quella zona è pensata per gli americani: prezzi più alti, catene dei soliti fast food e poco altro, mentre nella zona centrale noi siamo riusciti a trovare qualche locale più rustico e autentico. Due gli indirizzi imperdibili: i gamberi fritti da Zeroovers a Savaneta (dopo anche 45 minuti di coda, li comprate a peso e ve li friggono; non c'è granchè d'altro, e si mangia con le mani su tavoloni di legno, ma sono tra i gamberi più buoni che io abbia mai mangiato) e il Fish House alla yacht marina di Simeon Antonio, all'altezza dell'aeroporto (buona cucina locale, prezzo più che onesto, solo pesce del giorno, locale grazioso con A/C). Un paio di sere abbiamo cenato a casa, per toglierci la voglia di un piatto di pasta; nei supermercati trovate di tutto, come a casa.

A Curacao le spiagge sono distribuite qui e là lungo la costa sud ed ovest dell'isola; a differenza di Aruba, non c'è un immenso spiaggione, ma tante piccole calette. La zona urbana della capitale Willemstad è molto densamente abitata e quindi molto trafficata, cosa che ci ha dissuaso dal visitare la parte sud dell'isola oltre la capitale

  • 882 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social