A Trinidad e Tobago

Proseguono i racconti di viaggio. Prima puntata di un viaggio ai Caraibi, tutto speciale. Nell'estate del 98, Franka ed io ci portammo appresso un grande amico, certo Gianni Feta, il quale voleva conoscere le radici della mia compagna. Già nella ...

  • di cagallio
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Proseguono i racconti di viaggio. Prima puntata di un viaggio ai Caraibi, tutto speciale.

Nell'estate del 98, Franka ed io ci portammo appresso un grande amico, certo Gianni Feta, il quale voleva conoscere le radici della mia compagna.

Già nella primavera di quell'anno organizzammo la vacanza a Trinidad.

Emozionatissimi, ci imbarcammo a Verona, destinazione Francoforte, per il cambio di aereo.

Nel primo pomeriggio si ripartì su un 747, destinazione altra tappa intermedia, per Toronto (Canada), dove arrivammo di pomeriggio (pure là) ora locale.

Prima di sera, altro imbarco, per la destinazione finale: l'aeroporto di Piarco, centro a una ventina di kilometri dalla capitale Port of Spain (P.O.S.). Qui arrivammo verso le 22,30, ora locale, dove ad attenderci c'erano i genitori di Franka e Hira, taxista di fiducia, di origini indiane.

Piccola annotazione di viaggio: essendo il nostro amico Feta gran fumatore e non potendo perciò tirarsi una sigaretta nei lunghi trasferimenti in volo, ogni tanto chiamava la hostess per farsi portare un cognachino...

Dopo il meritato riposo a casa dei genitori della mia compagna, il mattino seguente, Feta ed io, ci facemmo le prime camminate, con escursioni fuori porta, a Barataria - frazione di San Juan - a 6, 7 kilometri da POS, con birra fresca a portata di mano.

E qui facemmo le prime conoscenze: il macellaio Hico - battezzato Micio - e sua moglie (gran fumatrice) a cui Feta regalò un pacchetto di MS, di nascosto del marito; il venditore ambulante Joet, che ci vendette la birra frasca; il bar dell'angolo, dove ci prendemmo il primo rum - di buon mattino - gestito da un certo Bishop, subito battezzato da Feta "il zengion" (in gergo veneto significa un tiratardi "voglia di lavorare saltami addosso").

Ci recammo quindi al supermarket del posto, a circa 6-700 metri da casa, denominato Jumbo (o Mamo, secondo il Feta), per fare le prime compere per il pranzo. Quindi altra sosta in altro bar, a berci un altro rum, gestito da una bella caraibica, dalla quale Feta non voleva staccarsi, ed a cui fu affibiato il nomignolo "la rossa" per i suoi capelli fluenti rosso fuoco.

Non molto lontano vi era un negozio di ferramenta, dove si vendevano anche sigarette, formaggio, caramelle e pane, conoscemmo un altra gran bella commessa - rasta - di nome Judit, anche questa battezzata "con giudizio".

Dopo aver fatto conoscenza con parenti di Franka, con una cugina di quest'ultima - Serena - Feta, Franka e Carlo (chi vi scrive), organizzammo un escursione al Pich Lake, sorta di lago di asfalto essicato su un giacimento di pece. Sì perchè Trinidad è molto vicino alle coste del Venezuela, dove notoriamente vi sono i pozzi di petrolio. Una di queste è anche la ricchezza di T&T.

Partimmo perciò per La Brea, villaggio addossato al lago d'asfalto e che dista ad un centinaio di km da POS e una trentina da S. Fernando (Sando per i locali), seconda città per importanza del Paese.

Arrivati a metà mattina, fummo accompagnati da 4 ragazzini del posto che ci fecero da guida, peraltro simpaticissimi e con i quali legammo subito; dopo le foto di rito, al ritorno, ci fermammo in un fast food (il Kentuky) a mangiare pollo fritto e patatine.

Assieme a Franka e i sui genitori, non mancarono diverse uscite sulle spiagge di Maracas, Las Quevas, Manzanilla e Toco, dove si mangiavano enormi panini con lo squalo fritto "bake and shark".

Non mancarono le visite guidate in città, accompagnati dagli zii di Franka, Leon e Tony, simpaticissimi e di ottima compagnia: Potemmo così ammirare piazze, vie, costruzioni modernissime ed in stile Vittoriano, case in legno con tetti in lamiera, musei e parchi. Uno in particolare la "Savanah" , enormemente grande, dove si facevano corse di cavalli, allenamenti del Criket, sfilate del Carnevale, ecc. Il tutto incorniciato dai 7 castelli o residenze di Ambasciate, del Presidente e del Primo Ministro

  • 2621 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social