Sud africa, da togliere il fiato

Dopo aver attinto per l’organizzazione di tanti viaggi ai racconti degli altri turisti per caso ho deciso di descriverne anch’io uno nella speranza di poter essere a mia volta d’aiuto a chi si appresta ad un’esperienza simile..e voglio innanzitutto ringraziare ...

  • di maya83
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Dopo aver attinto per l’organizzazione di tanti viaggi ai racconti degli altri turisti per caso ho deciso di descriverne anch’io uno nella speranza di poter essere a mia volta d’aiuto a chi si appresta ad un’esperienza simile..E voglio innanzitutto ringraziare gli autori del racconto “Sud Africa per Caso” i cui consigli sono stati indispensabili, ma soprattutto perché mi hanno fatto capire che quello che era un mio sogno poteva diventare una realtà..

Altro saluto a Paola e Giacomo, due ragazzi incontrati in aereo e con cui abbiamo condiviso parte del viaggio..È stato rassicurante sapere che altre persone stavano effettuando lo stesso viaggio, nelle tue stesse condizioni.

Il viaggio si è svolto tra l’11 e il 27 agosto ed ha contato, oltre ad un volo internazionale, due voli interni, due fitti d’auto e 14 notti; credo che per fare un viaggio del genere siano indispensabili due settimane, anche se l’ideale sarebbe un mese..Ci sono talmente tante cose da vedere che il tempo sembrerà sempre pochissimo.

Viaggiamo con l’Olympic via Atene. I voli sono puntualissimi e siamo a Johannesburg alle 9.10 del mattino seguente, lunghissima fila ai passaporti e poi dritti al ritiro dell’auto. Per questo servizio ci siamo rivolti a due compagnie differenti: per il primo tratto (JNB-DUR) con la Dollar-Thrifty, per il secondo (GRJ-CPT) con la Budget.. Gentilissimo ed esaustivo nella spiegazione il primo impiegato incontrato, scortese e sbrigativa la seconda.. Comunque ad oggi non abbiamo ancora ricevuto l’addebito sulla carta di credito e quindi non possiamo ancora sbilanciarci sul trattamento finale..

Avevamo previsto che il primo giorno in terra africana sarebbe stato un po’ di passaggio e così ci dirigiamo verso la destinazione della prima notte, Sabie. Prima di arrivarci avevamo però deciso di passare per Pretoria almeno per visitarla un po’, anche se eravamo indecisi se pernottarci o meno. A posteriori la scelta del rapido passaggio si è rivelata azzeccata.. Sarà perché era domenica, sarà per l’ora (mezzogiorno circa), sarà per le raccomandazioni ricevute da amici di amici che vivono nelle città (Johannesburg per la precisione) ma l’impressione non è stata positiva.. Il centro era praticamente deserto, nella piazza principale sotto la statua di Paul Kruger c’erano solo simil-barboni che ci guardavano un po’ in cagnesco.. Conclusione: rapida foto di rito e poi via sulla N4.

Il sistema stradale è ottimo, con indicazioni chiare ed esaustive, ci sono parecchie autostrade, ma anche le strade secondarie non erano male.

Arriviamo a Sabie verso le 18, già col buio e purtroppo questo particolare con i giorni ci farà un po’ rimpiangere di aver lasciato la nostra estate a casa e di aver anticipato l’inverno..

Nel tragitto abbiamo potuto osservare le condizioni di vita dei più poveri.. In città parallele fatte di lamiere poste ai margini delle cittadine e sui bordi delle autostrade ove di tanto in tanto si vedevano attraversare persone ed animali senza curarsi delle macchine.

Non avevamo prenotato niente per la notte, decidiamo di alloggiare al Wayfarers Guesthouse (www.Wayfarers.Co.Za 270R p.P.) sia per le positive recensioni lette, sia perchè i “nostri compagni di viaggio” vi pernottavano; per cena su consiglio dei simpaticissimi Chris e Morag, proprietari della Guesthouse, andiamo a “The Woodsman” dove abbiamo iniziato la scorpacciata di carne (piatto prediletto per tutta la vacanza) con un ottimo filetto e con spesa irrisoria (180 R in 2).

Alle 21 siamo già a letto

  • 21548 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social