Una meta insolita: Gibuti

Ex patria della legione straniera, oggi è un posto tranquillo!
 
Viaggiatori: 2

Meta sicuramente insolita, ma, per quanto sono appassionata di avventure, disavventure e economia dei paesi emergenti, il Gibuti non poteva che non essere una delle mie mete a lungo desiderate. Conosciuto (per chi lo conosce) come ex patria della legione straniera, o come il paese con le più grandi basi militari del mondo: “vai in un posto tranquillo, insomma!” continuavano a dirmi retoricamente parlando. In realtà, è forse davvero uno dei luoghi più tranquilli in assoluto! Il mio viaggio verso il Gibuti inizia dal Kenya, quindi non dall’Italia: un paio di ore di volo e sono arrivata. Il visto viene fatto alla dogana, dove mi chiedono il perché della mia visita. Alla mia semplice risposta “visita turistica”, increduli, mi rilasciano il visto. Neanche loro si aspettavano di ricevere turisti!

La gente mi accoglie sempre con sorriso, i tassisti che parcheggiavano nella zona del mio hotel mi salutavano con “Ciao Mafia!”, solo perché Italiana. Ma questo, l’ho riscontrato un po’ ovunque in tutto il mondo. Una volta in Cina, nella sconosciuta Yuyao, mi chiamarono addirittura “Berlusconi”, solo per farmi capire che mi avevano riconosciuta (l’Italiana di Yuyao). Aspetti apparentemente scioccanti, ma simpatici, del mondo estero a cui sono ormai ben abituata. Gibuti è uno dei Paesi più in via di sviluppo del mondo Africano, grazie alla sua posizione strategica gioca un ruolo da mediatore tra Africa e Asia; non a caso, i Cinesi ne hanno praticamente sfruttato tutte le sue potenzialità. Nessuno va a Gibuti perché nessuno sa cosa c’è di bello da vedere. A Gibuti si trova il Lago Assal, che con i suoi 155 metri sotto il livello del mare rappresenta il punto più basso dell’Africa. Andarci ad Agosto è una prova di sopravvivenza, ma ne siamo usciti vivi. Spostandosi verso il confine Somalo si trova anche il Lago Abbe, che non ho potuto visitare per mancanza di tempo. Ho preferito concentrarmi sulla città stessa (Gibuti City), il lago Assal e l’isola Mouche, ampie lingue di terra nel bel mezzo del Golfo di Tadjoura, abitate solo da un paio di pescatori. Relax forzato e ben accetto! Cibo appena pescato e cotto sul momento nell’unica pentola che aveva il pescatore. Esperienza unica! Altro che resort!

Per visitare Gibuti serve la conoscenza del francese, essenziale direi. La mia visita finisce in bellezza dopo 4 giorni, con i funzionari della dogana che mi chiedono il passaporto, lo guardano, lo controllano pagina per pagina e mi chiedono:

– Lavori alle Nazioni Unite? No.

– Lavori al World Food Program? No.

– Sei una militare? No.

– Chi sei? Una semplice turista.

E, sempre increduli, mi lasciano andare.

Ciao Gibuti, tornerò per visitare il lago Abbe e per nuotare con gli squali balena ad Ottobre!

Guarda la gallery
gibuti-bk2s1

Lake assal

gibuti-nmvmr

Gibuti city market

gibuti-fgygn

Ile mouche

gibuti-37vg4

Kempinski hotel

gibuti-x3nqr

Lago assal 2

gibuti-4x38g

Lago assal

gibuti-16r2x

Lake assal 3



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Africa
    Diari di viaggio
    the gambia, the smiling coast of africa

    The Gambia, the smiling coast of Africa

    braccia e testa. C'è comunque anche una minoranza cristiana (più che altro anglicana) e diverse chiese.- I locali sono pulitissimi...

    Diari di viaggio
    zambia in autonomia

    Zambia in autonomia

    Mia figlia era in Zambia da un paio di mesi per ricerca e raccolta dati, con la sorella abbiamo deciso di raggiungerla e visitare lo Zambia...

    Diari di viaggio
    kenya bis

    Kenya Bis

    In Kenya c’eravamo già stati nel settembre 2010, ma abbiamo deciso di tornare per far sì che nostro figlio di due anni e mezzo potesse...

    Diari di viaggio
    il mio sudafrica

    Il mio Sudafrica

    Come molti TPC consigliano di fare, suggerisco anch’io di leggere alcuni libri sull’apartheid, su Nelson Mandela (“Lungo Cammino...

    Diari di viaggio
    una meta insolita: gibuti

    Una meta insolita: Gibuti

    Meta sicuramente insolita, ma, per quanto sono appassionata di avventure, disavventure e economia dei paesi emergenti, il Gibuti non poteva...

    Diari di viaggio
    kenya, un paradiso dimenticato

    Kenya, un paradiso dimenticato

    Quando si arriva in Kenya si entra in un universo parallelo. Un mondo silenzioso, pacifico, di naturale bellezza e ricco di sentimenti. Un...

    Diari di viaggio
    uganda e kenya low budget per sei

    Uganda e Kenya low budget per sei

    leggera. Ma il "Villaggio" ti fa rileggere, nel suo finto stile veneziano, il tuo mondo occidentale come se tutta la nostra storia e...

    Diari di viaggio
    emozioni e pensieri dal mio viaggio in marocco in solitaria

    Emozioni e pensieri dal mio viaggio in Marocco in solitaria

    Un po’ intimorita e ansiosa come sempre parto per questo viaggio in solitaria di 10 giorni in Marocco consapevole che appena arrivata a...

    Diari di viaggio
    trekking sul kilimangiaro

    Trekking sul Kilimangiaro

    Domenica 22 Luglio La nostra avventura inizia domenica 22 luglio al Machame Gate (1.800 mt), uno dei diversi punti di accesso al Parco...

    Diari di viaggio
    il giro del mondo in quaranta giorni

    Il giro del mondo in quaranta giorni

    Per lavoro mi hanno chiesto di seguire tre manifestazioni in tre continenti diversi, in un tempo così ristretto che non si poteva "passare...

    Video Itinerari