La natura ed il sociale sudafricani

Finalmente la famiglia (Enrico, Maria Rosaria, Andrea, Riccardo) parte; parte per un luogo lontano, forse troppo … Si parte un paio di giorni prima della chiusura dell’anno scolastico: fortunatamente quest’anno abbiamo seminato bene, niente “debiti”, per cui si può partire ...

  • di Pedrenco
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in gruppo
 

Finalmente la famiglia (Enrico, Maria Rosaria, Andrea, Riccardo) parte; parte per un luogo lontano, forse troppo ... Si parte un paio di giorni prima della chiusura dell’anno scolastico: fortunatamente quest’anno abbiamo seminato bene, niente “debiti”, per cui si può partire rilassati ... (si fa per dire !!).

Destinazione: Sudafrica (repubblica – capitali: Pretoria (amministrativa e politica) – Città del Capo (legislativa) – abitanti: 45 milioni). Lontano circa 10.000 km dall’Italia. Lo visiteremo in 12 giorni.

A parte la distanza, la famiglia è entusiasta. Gli altri compagni di viaggio, M. Grazia e Roberto, pensano già alla destinazione del prossimo viaggio (2008: forse anticipano troppo i tempi ...). Inconveniente: in Italia non è previsto un volo diretto per il Sudafrica; occorre recarsi in Germania, a Francoforte: non c’è problema, ci adeguiamo.

Venerdì 8 giugno 2007 Lasciamo l’auto al Parkingo di Fiumicino; la navetta ci porta all’aeroporto. Ci accorgiamo subito di un problema che ci perseguiterà per tutti i trasferimenti del viaggio sudafricano: i bagagli numerosi e pesanti !!! La prossima volta “taglieremo” sull’abbigliamento, a vantaggio dei souvenir.

Abbiamo appuntamento con il “gruppo vacanze” alla statua dell’uomo di Vitruvio, alle partenze internazionali dell’aeroporto di Leonardo da Vinci: siamo 24 partecipanti: il 95% ha un’età maggiore di 40-45 anni; Riccardo è il più piccolo; un solo altro ragazzo, Tiziano, ha l’età di Andrea.

Il volo Roma-Francoforte (ora partenza: 13.30) con la Lufthansa rimarrà nelle statistiche perchè è il primo volo di Riccardo e della famiglia al completo. Arriviamo a Francoforte alle 15.20 e ripartiamo alle 17.40, dopo aver regalato 5 Euro per 2 lattine di Coca-Cola (la cara Germania !).

Il volo Francoforte – Cape Town è invece gestito dalla compagnia South African Airways; ci sono molti posti non occupati; gli “iniziati”, furbi, occupano, subito dopo la partenza, due/tre poltrone vuote vicine per potersi poi allungare a riposare nella notte; ci accorgiamo infatti che i posti in classe economica della South African Airways non sono comodi per affrontare viaggi così lunghi. Sicuramente utile lo schermo personale disponibile sullo schienale di ogni passeggero; tramite un telecomando, ognuno può scegliere il programma desiderato; inattesa e “molto gustosa” la ripresa diretta della parte iniziale del volo proiettata sul visore da una telecamera posta sulla coda dell’aereo.

La notte è pungente: ci copriamo con le coperte che ci mettono a disposizione (con calzini, spazzolino e dentifricio). Andrea e Riccardo riescono ad allungarsi. Frequentemente occorre “abbozzare” esercizi ginnici, raccomandati anche da un programma dello schermo, e per riattivare la circolazione nelle gambe.

Sabato 9 giugno 2007 Oggi 9 giugno è il compleanno di Riccardo. Riceve i primi auguri alle 4.00 (chissà quando li riceverà di nuovo a quest’ora): è l’ora della colazione. Arriviamo, un pochino sconvolti, a Cape Town (la Perla d’Africa) alle 5.00 di mattina: c’è solo il nostro volo in arrivo. Ci rechiamo in dogana; vorremmo cambiare 200 Euro; per il personale del cambio sono “troppi”: non conoscono le nostre abitudini consumistiche; comunque riusciamo a cambiare 100 Euro in Rand (la moneta sudafricana – 1 Euro sono circa 10 Rands).

All’uscita dell’aeroporto, ci accoglie la nostra guida a Cape Town: Marcello, 33 anni e nonno italiano, è un tipo molto in gamba, preparato, deciso e di facile comunicazione. Saliamo su un pulmino con il carrello per i bagagli e ci rechiamo a vedere l’alba sull’oceano Atlantico in un hotel Protea; “rifacciamo” la colazione all’europea e cominciamo a conoscerci con quelli del gruppo vacanze. Verso le 7.00 si parte per una visita orientativa di Cape Town: il castello di Buona Speranza (sventolano le 6 bandiere dei diversi stati che nel tempo hanno colonizzato la città) e un parco botanico (con la casa del presidente della repubblica), al centro della città. Piove !!! Pioggerellina leggera, continua, ... che disturba. La città si presenta pulita e ordinata, con poco traffico; con edifici di origine vittoriana e costruzioni recentissime. Non si riesce a capire in quale continente siamo: infatti, a seconda dei quartieri, sembra di essere una volta in Europa, una volta in America, una volta in Asia. Magnifiche sono le montagne che la circondano: piatte come la Table Mountain (la Tavola) o appuntite come la Lion’s head (Testa del leone). Marcello ci racconta che in Sudafrica le persone di colore si rivolgono agli stregoni per guarire dall’AIDS con conseguenze negative sulla popolazione; la malattia cresce invece di diminuire; i malati si recano all’ospedale quando è ormai troppo tardi. Pensare che gli ospedali africani sono tra i migliori del mondo; basta ricordare il primo trapianto del cuore, effettuato nel 1967 nell'ospedale di Groote Schuur (lo abbiamo visto dall’autostrada), dal cardiochirurgo sudafricano, Christian Barnard

  • 1983 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social