Safari in Tanzania

Appunti di viaggio e informazioni pratiche

  • di fam. Massussi
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 
Annunci Google

Meravigliosa avventura! Questo è stato il nostro viaggio e non una semplice vacanza. Questo è il ricordo che ci rimane dei cinque giorni di safari, oltre alle 2500 fotografie scattate affinché ogni attimo non sia dimenticato. Il merito della riuscita di questo viaggio va sicuramente ad Etienne e Halidi, di Pata Pata Safaris & Tours (http://www.patapatasafaris.com), che prima ci hanno sopportato nei i mesi che hanno preceduto la partenza rispondendo ad ogni nostra richiesta di informazioni e aiutandoci a costruire il nostro safari partendo dalle proposte che si trovano nel loro sito; poi organizzando per noi non solo il safari ma anche tutti i trasferimenti che erano necessari e non lasciandoci mai soli anche ad Arusha, la città dalla quale prendono il via i safari nella Tanzania del nord. Il viaggio si è svolto nei Parchi del Lake Manyara, del Serengeti, del cratere Ngorongoro e del Tarangire. È indescrivibile la sensazione che si prova nell'avere gli animali a poca distanza, sia che si tratti di un enorme elefante o di un cucciolo di babbuino. Il safari consiste soprattutto nella ricerca degli animali perché essi non si trovano in un recinto, ma sono liberi: siamo noi all'interno della nostra jeep a non poter uscire. La ricerca è relativamente semplice quando si tratta di vedere un elefante o una giraffa, ma se non fosse stato per gli occhi di Halidi non avremmo mai scorto un ghepardo acquattato nell'erba della savana che sembra senza fine tanto è sterminata. Non avremmo mai visto cinque rinoceronti, tutti insieme, che la nostra guida ha riconosciuto a cinquecento metri confusi tra branchi di gnu e di zebre: insomma non avremmo visto granché e vi assicuro che gli animali li abbiamo visti tutti vivere liberamente in ambienti naturali altrettanto suggestivi, considerata la vegetazione locale. Il tutto è stato arricchito dall'ottima preparazione di Halidi che rispondeva alle nostre domande e ci forniva informazioni sugli animali, sulla vegetazione, sugli ambienti naturali e sulle persone che abitano i villaggi di questi territori. La gente è bellissima! Quando ti incontra ti regala sempre un sorriso e noi italiani, abituati ad abbassare lo sguardo passando accanto a chi ci abita vicino e magari facendo finta di non vedersi, sentiamo forte questo contrasto. Quindi oltre al safari nella natura ne abbiamo vissuto uno attraverso l'incontro con la gente del posto, visitando un villaggio Masai e un mercato, ma anche durante tutti i trasferimenti da un parco all’altro, quando a bordi delle strade vedevamo bambini, uomini e donne dediti alla pastorizia. Un'altra esperienza da non sottovalutare è il trasferimento da Nairobi ad Arusha con la vista del Kilimangiaro e il passaggio a piedi dal Kenia alla Tanzania. Certamente una vacanza impegnativa e faticosa, ma la stanchezza passa e i ricordi rimangono.

Ludovica, Vittorio, Roberto, Susanna

Alcune informazioni di carattere pratico:

• Organizzazione safari, prenotazione lodge e ingressi ai parchi: Pata Pata Safaris, Arusha. http://www.patapatasafaris.com

• Volo a/r Milano Malpensa-Nairobi con Qatar Airways, scalo a Doha.

• Shuttle Nairobi-Arusha Impala shuttle (50 $ a testa, andata e ritorno)

• Automezzo utilizzato per il safari: Toyota Land Cruiser con tetto pop-up.

• Guida: Halidi Msiagi, ragazzo tanzaniano che parla benissimo l’italiano. Ottima guida, autista prudente

• Parchi visitati: Lake Manyara, Serengeti, Ngorongoro, Tarangire (quest’ultimo, se manca tempo, è quello da saltare)

• Tutti i lodge nei quali abbiamo soggiornato erano di ottimo livello; una particolare menzione per Ngorongoro Farm House

• Per telefonare in Italia abbiamo acquistato una scheda telefonica locale. Consigliamo Airtel, ottima copertura anche nei parchi a costi veramente bassi (circa 0,45 €/min contro i 6,00 € chiesti da Tim)

Annunci Google
  • 4550 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social