Ladakh:un altro pezzetto di subcontinente indiano

31/08/2008 – Partenza dall’Italia Vabbè….. Tralascio i dettagli della giornata, dove per causa di un incidente a Heathrow rischiai di perdere il volo per New Delhi e rimandare la mia partenza di 3 giorni!Alla fine mi è andata bene e ...

  • di Dixi
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: da solo
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

31/08/2008 – Partenza dall’Italia

Vabbè... Tralascio i dettagli della giornata, dove per causa di un incidente a Heathrow rischiai di perdere il volo per New Delhi e rimandare la mia partenza di 3 giorni!Alla fine mi è andata bene e sono riuscito a partire, ma invece che arrivare a New Delhi la notte del 31 arrivo alle 10 di mattina del giorno 1 settembre!Pazienza,iniziamo bene dico io....Ma non finisce qui!E' il mio primo viaggio in solitaria (non riesco a piegarmi ai ritmi di un viaggio organizzato!) sto aspettando i bagagli all'aeroporto di New Delhi, quando mi giro e non vedo più la mia apparecchiatura fotografica!!!!!Mi ricordo che iniziai ad urlare come un pazzo, ed in genere, quando sono agitato, non riesco a esprimermi al meglio, soprattutto in inglese!Stavo svenendo, non era passata nemmeno mezz'ora da quando ero atterrato e già mi avevano rubato la macchina fotografica...!Fortunatamente per me fu solo un falso allarme, un simpatico passante scambiò infatti per suo, il carrello sul quale avevo appoggiato la mia borsa fotografica, portandomela via!E’ stato davvero un attimo, ma se mi avesse voluto fregare tutto non c'era più speranza!!!!!!!!!Quando ho visto quella persona che tornava verso di me con la mia borsa esclamando:”I’m sorry, I’m sorry” rinacqui!!Ora ero pronto per il mio viaggio in India!!!!!

Comunque ho scelto l'India perchè è un paese che mi affascina molto. Questa volta ho deciso di visitare la regione del Ladakh, dove non ero mai stato prima. Il mio itinerario inizia e finisce a Delhi e grosso modo è stato questo: 16 giorni spesi tra: Leh; Monasteri di Alchi, Basgo, Chemray, Hemis, Likir, Lamayuru, Matho, Phyang, Skey, Spituk, Stok, Thiksey, Nubra Valley, Manali; Delhi; Agra.

01/09/2008 Arrivo a Delhi

Ogni volta ci casco!Un taxista che mi vide arrivare mentre stavo appena per uscire dall’aeroporto, mi placcò subito e facendomi credere che non avrei mai potuto arrivare sano e salvo al mio hotel a Paharganj che avevo prenotato dall’Italia, in quanto la zona era molto affollata e rischiavo di essere infastidito da truppe di poveracci e procacciatori di affari, mi disse che ci avrebbe pensato lui a portarmi in un albergo di sua conoscenza, assicurandosi così la sua lauta commissione, e ad organizzarmi inoltre un tour pomeridiano col suo taxi, stile tenente Colombo per Delhi!Vabbè il primo giorno ci sta!Ero troppo stanco per discutere!

Nel pomeriggio visito così la tomba di Humayun, l’India Gate, ed il Red Fort. A Delhi fa molto caldo anche a settembre, e dopo un pò me ne accorgo!Rientro alla sera in albergo in quanto il giorno dopo ho il volo prestissimo per Leh. Mangio quello che mi sono portato da casa. In India ho imparato a mie spese che devo abituare il mio corpo piano piano al cibo, al clima e agli odori che mi circondano. Comunque alla fine del viaggio perderò 2 kg!!!!!

02/09/2008 – Volo per Leh

Stanotte ho dormito veramente poco perchè il volo per Leh della Air Deccan, prenotato dall’Italia, parte veramente presto!Il sonno si fa sentire ed appena imbarcato mi accorgo, infatti, di avere lasciato nel metaldetector il mio cellulare!Non ci voleva, ho perso tutti i miei numeri! Verso le 8.00 del mattino arrivo a Leh; qua è tutta un’altra India. Il volo è molto bello, soprattutto in fase di atterraggio, quando scendo l'aria è fresca, il sole appena tiepido, la luce stupenda. Conosco subito un texano con cui faccio amicizia ed insieme passeremo i primi 3 giorni del viaggio. Prendiamo un taxi e ci facciamo portare al Padma Guest House dove io avevo prenotato un paio di notti via internet. Veramente un bel posto, in una bella posizione.

Dopo una bella colazione faccio un giretto per Leh.

Nel pomeriggio riesco per una mezz'ora buona ad essere l’unico turista all’interno del Leh Palace, dove all’interno di una sala di preghiera faccio la conoscenza con una monaca tibetana che era venuta a pregare!Ho un ricordo splendido di quel pomeriggio ed una foto con la signora che, seppur mossa, conservo ancora! Visito poi anche lo Shanti Stupa, molto bello. In serata organizzo quelle che sono le escursioni che farò il giorno dopo, ossia la visita dei monasteri di Spituk, Alchi, Likir, Basgo e Lamayuru

  • 4864 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social