Ladakh, Rajasthan, Isole Laccadive

INTRODUZIONE Viaggio estremamente vario ma stancante, in soli 23 giorni siamo riusciti a visitare Ladakh, Rajasthan e Isole Laccadive. Il fatto di avere visto posti così differenti ha certamente reso più interessante la visita dell’India, ma è stato sicuramente un ...

  • di Luca Tartaro
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in gruppo
 

INTRODUZIONE Viaggio estremamente vario ma stancante, in soli 23 giorni siamo riusciti a visitare Ladakh, Rajasthan e Isole Laccadive.

Il fatto di avere visto posti così differenti ha certamente reso più interessante la visita dell’India, ma è stato sicuramente un viaggio molto duro che raccomandiamo di fare, se possibile, con qualche giorno in più.

La parte del Rajasthan è stata la più faticosa, per cercare di vedere il più possibile nei soli 11 giorni a disposizione, abbiamo passato diverse ore delle giornate in viaggio. Il clima non è stato favorevole, in Ladakh è stato quasi sempre coperto, in Rajasthan lo stesso ma con in più un caldo micidiale che ha in parte rovinato le nostre visite alle varie città. Spesso paradossalmente si era talmente stremati dal caldo che non vedevamo l’ora di rientrare nel nostro mini pullman per poter stare al fresco. Alle Laccadive ha piovuto quasi sempre, i rari momenti di sole si stava però veramente bene. Non so se siamo stati sfortunati noi o se in agosto è sempre così, ma la sensazione che abbiamo avuto noi è che fare lo stesso viaggio con qualche giorno in più e un clima più favorevole debba essere un’esperienza indimenticabile.

Consigliamo vivamente la visita del Ladakh, la visita ai monasteri in quel paesaggio così incredibile è veramente suggestiva, non servono molti giorni, quelli che abbiamo fatto secondo noi sono sufficienti.

Capitolo cibo: premetto che noi tutti adoriamo il cibo indiano, ma dopo averlo mangiato a pranzo e a cena per alcuni giorni abbiamo fatto il pieno e alla fine eravamo veramente schifati alla sola idea di andare al ristorante a mangiare il solito pollo fatto in tutte le maniere ma sempre ricchissimo di spezie fortissime. Sapori buoni, ma molto forti in tutti i nostri viaggi nei paesi in giro per il mondo è stato quello dove abbiamo avuto più problemi con il cibo... E non l’avremmo mai detto! Isole Laccadive: molto belle, ma non vale la pena partire dall’Italia solo per quello. Ideali per un completamento di un viaggio in India.

Costi: l’India è veramente economica, raccomandiamo di non badare a spese e di andare sempre nei migliori ristoranti dove si hanno più garanzie di qualità del cibo e d’igiene. A volte la differenza di prezzo tra il miglior ristorante della città e uno qualunque consigliato da qualche guida può essere davvero ridicola. Per gli hotel vale lo stesso discorso, anche se in certe città per salire di qualità bisogna spendere un po’. 3 agosto 2007: ... Ci siamo! I magnifici 7 sono di nuovo al check in. Come nelle migliori tradizioni, partenza all’alba: ci incontriamo verso le 5 in aeroporto a Bologna, ma il gruppo si divide quasi subito (tanto per non perdere la sana abitudine di insperati agganci in giro per il mondo): Tuni, Luca, la Claudia e Tralli si imbarcano per Milano e di lì a Delhi; Jerry, Uccio e la Barbara la prendono un po’ più larga passando per Amsterdam. Appuntamento allo sportello della Bank of India all’aeroporto di New Delhi.

C’è giusto il tempo per la colazione al termine della quale Luca annuncia trionfale le prime avvisaglie di movida: partiamo bene!! Fortunatamente l’allarme-cagone sembra rientrato ... per ora! Verso mezzanotte, aggancio riuscito, e con tutte le valigie: c’è da gridare al miracolo! E adesso, freschi come delle rose, ci dirigiamo direttamente all’imbarco per Leh (Ladakh): 8 km su un pulmino che ricorda i collectivos guatemaltechi, ma il colpo di grazia è l’attesa: 5 ore in una ghiacciaia; l’intappo di Jerry è indescrivibile

  • 18843 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social