Il cielo sopra l’India

Kashmir, Ladakh e le sorgenti del Gange Il nostro viaggio in realtà inizia un anno fa, di ritorno dal Rajasthan e Varanasi: non eravamo ancora atterrati in Italia che già pensavamo alla nostra prossima meta indiana. Eh sì, perché l’India ...

  • di biba1966
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Kashmir, Ladakh e le sorgenti del Gange Il nostro viaggio in realtà inizia un anno fa, di ritorno dal Rajasthan e Varanasi: non eravamo ancora atterrati in Italia che già pensavamo alla nostra prossima meta indiana. Eh sì, perché l’India ti si appiccica addosso e non te la levi più: un anno a leggere libri indiani e guide di vario tipo, a vedere film indiani (Bollywwod e non) e finalmente eccoci qua in aeroporto...

Abbiamo conosciuto un’India diversa, fatta di panorami immensi, di cieli blu e di silenzi. La forza e l’intensità della natura ci ha accompagnato fino a Gaumukh dove la madre Ganga nasce e scorre con lo stesso impeto e forza che avevamo visto nelle pianure, centinaia di chilometri più a valle.

L’India è sempre “un gran casino”: tante realtà differenti, tante etnie, religioni e modi di vita diversi che convivono tra loro. Ma come base sempre e comunque la disponibilità delle persone, che si può esprimere con caotica e intraprendente e sfacciata curiosità, con timidezza e pudore, o con seriosa riservatezza, ma sempre disponibili alla conoscenza del diverso, senza pregiudizi o remore.

Il nostro viaggio ha avuto inizio in Kashmir, terra intrisa di contrasti: montagne verdi e rigogliose con pinete, funghi, tipici odori del sottobosco e fiori selvatici, abitate da famiglie di boscaioli, lasciano il posto improvvisamente a una “vita nell’acqua” con houseboat e insolite gondole che fungono da trasporto merci e passeggeri. Sì, perché Srinagar si può visitare in due modi: da terra e dal lago. Da una parte il frastuono tipico di una città dal sapore mediorientale, con i negozietti di alimentari e ferramenta varia, con le moschee dove le persone di incontrano in allegria (tipo la nostra “vasca” per le vie del centro), con i militari. Dall’altra parte nessun rumore, solo la voce di qualche bimbo che gioca su un ponticello e lo sciabordio del remo nell’acqua: ti adagi sul divanetto colorato della shikara e scivoli lentamente, percorrendo verdi canali che si intrufolano tra le case maestose (e purtroppo diroccate) della città vecchia, tra ninfee e orti galleggianti. Ti senti come sospeso nel tempo e poi ti ritrovi a bere il tipico thè kashmiro nel terrazzino della houseboat sotto la luce infuocata del tramonto. E ti chiedi cosa ci stanno a fare centinaia di militari, quando intorno a te tutto parla di pace, serenità e quieto vivere. Di notte sentiamo degli spari, ma sono i festeggiamenti per un matrimonio; anche a Gulmarg e Kargil è la natura che parla, il sorriso delle persone, lo sguardo di occhi azzurri che ti scrutano nella folla del mercato...

Ci allontaniamo dal Kashmir vero e proprio per entrare in Ladakh: in un turbinio di tanka colorati e pregiatissimi, di statue e rappresentazioni dei vari Buddha (e chi sapeva che ce n’erano così tanti?), di offerte fatte col burro dipinto e di oggetti cerimoniali, ci addentriamo nei vari monasteri della regione. Le bandierine, i piccoli stupa e i muri-mani ci accompagnano in questa sorta di pellegrinaggio costellato di incontri per noi unici ed emozionanti: la preghiera del mattino a Spituk che ci ha visto condividere pane e chai con i monaci; il lungo discorso con il monaco di Hundar (aiutati dalla guida che fungeva da traduttore) sulle piccole-grandi regole di vita quotidiana; i dolci sorrisi delle monache bambine di Julichen che ci hanno accompagnato nelle varie stanze del convento facendoci intuire la dura vita che affrontano stagione dopo stagione; i passi affrettati e silenziosi dei monaci che si preparano per la cerimonia

  • 613 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social