In Giordania ad aprile

Tour della Giordania 4 stelle con Tareq e il vulcano dell’Islanda che incombe di Romina e Paolo.

  • di paolca
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Oggi è il 13 aprile e finalmente è arrivato il giorno della partenza, è da un paio di mesi che aspettiamo questo momento. Per la prima volta si va in medio oriente, con partenza alle ore 15.20 da Bologna. Siamo arrivati in treno con netto anticipo, abbiamo pranzato ed alle 13.15 abbiamo preso lo shuttle che in 20’ ci ha portati all’aeroporto (c’è n’è uno ogni quarto d’ora circa e si paga 5€ a persona compreso il bagaglio). La compagnia aerea è la Meridiana fly (leggendo le recensioni è rinomata per i ritardi) infatti partiamo alle 17.00 con un’ora e quaranta per problemi tecnici e già cominciavo ad avere l’ansia per il volo, ma il pilota si è scusato dicendo che erano controlli di routine. Tutto sommato il volo è andato molto bene, ci hanno consegnato anche le cuffie per la radio e per il film. Dopo essere atterrati ad Aqaba alle 21.30 locali + 1 ora rispetto all’Italia, ci hanno portato all’hotel Days inn. E’ un quattro stelle ma lascia un po’ a desiderare, sia per quanto riguarda la pulizia sia per le stanze che sono abbastanza vecchie. La cena è a buffet decisamente troppo speziata per i nostri gusti ma tutto buono purtroppo non molto varia nei giorni e seguire. Facciamo il cambio dei soldi in albergo, un po’ di dinari servono sempre, anche se lo fanno alla “giordana”. Domani la sveglia è alle 6.30 si va a Petra non vediamo l’ora.

14/04/2010

Partenza ore 7.30, la nostra guida si chiama Tareq, si rivelerà molto preparata e precisa. Totale chilometri di oggi 260 circa. Scesi dal bus ci aspetta una bella camminata (dal bus per tutto il sito sono circa 5 km), più 800 gradini tutti sconnessi per arrivare al monastero, per un totale tra andata e ritorno di circa 15 km ma lo sforzo è più che ripagato dalle meraviglie viste. Il pranzo è all’interno del sito archeologico nell’unico ristorante. Siamo rimasti a Petra dalle 10.00 alle 17.30. Il sentiero si snoda attraverso il Siq lungo 1,2 chilometri che è una spaccatura prodotta dalle forze tettoniche. Ad un certo punto, vi è una splendida tomba squadrata situata vicino a un fico selvatico. Al termine del Siq si apre il tesoro, incanta tutti, e ci si innamora di Petra quando lo ammiri per la prima volta ti toglie il respiro. Tutto il sito è incantevole, tombe, case, un anfiteatro, mosaici e tanto altro, poi per finire il monastero che è spettacolare, conosciuto con il nome di Al-Deir, è simile al tesoro ma è assai più grande, è stato costruito dai Nabatei nel III secolo come tomba per il re Obodas I. Per arrivarvi occorre fare 800 gradini però il sentiero scavato nella roccia è spettacolare ed in alcuni tratti è piuttosto ripido e sale tra rocce meravigliose dalle forme insolite. Ritornati in albergo dopo cena abbiamo fatto un giro per Aqaba, carina, molto turistica anche se non ha un centro ben definito. Domani ci aspetta il Wadi rum, deserto rosso. Sveglia ore 7.50.

15/04/2010

Partenza ore 8.50. Chilometri di oggi 150 circa più la jeep nel deserto (escursione facoltativa 33€ a persona). Il Wadi rum ha un paesaggio desertico e montuoso con delle spettacolari vallate. La nostra guida è veramente brava, sa tante cose e le spiega benissimo, con passione. Abbiamo visto una grotta con nicchie scavate nella roccia, dei graffiti e delle rocce che, a causa del vento e della sabbia, hanno preso delle forme stranissime come quella di un fungo. Non poteva mancare la passeggiata sulle dune che hanno un colore rosso ocra. Il pranzo è stato meraviglioso, in un campo tendato beduino e per la prima volta in vita mia ho mangiato gli spiedini di agnello, dovevano essere decisamente buoni visto che io odio l’agnello. Faceva un caldo bestiale, il termometro del pullman, dopo pranzo, segnava 42°. Ritornati in hotel, ci siamo rilassati in piscina sul tetto dell’hotel, faceva molto caldo ma, l’acqua era ghiacciata. Anche questa sera classico giro per Aqaba, si può fare molto tardi, è una città tranquilla, non c’è nessun pericolo anche perché ci sono militari armati in ogni via. Domani la sveglia è alle 6.00 direzione Amman, con tappe intermedie

  • 6831 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social