Cambogia: i templi di Angkor, ma non solo

Arriviamo in Cambogia dalla Thailandia (ma è un'altro itinerario). La prendiamo comoda grazie ad un volo della Bangkok Airways che atterra puntuale a Siem Reap. Abbiamo prenotato da Bangkok, grazie ad Internet e al telefono, un hotel nella periferia di ...

  • di bernie
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Arriviamo in Cambogia dalla Thailandia (ma è un'altro itinerario). La prendiamo comoda grazie ad un volo della Bangkok Airways che atterra puntuale a Siem Reap.

Abbiamo prenotato da Bangkok, grazie ad Internet e al telefono, un hotel nella periferia di Siem Reap, sulla via per l'aereoporto. Una telefonata e li abbiamo trovati ad attenderci in aereoporto, dopo che avevamo versato i 20 $ per il visto di entrata (preparasi poi i 25 dollari per uscire dal paese) Si tratta della Maison d'Angkor (www.Lamaisondangkor.Com), No. 71, National Road No. 6, Village Kaksekam Khum Srage ( +855 63 965 045). Per circa 46 euro al giorno (abbiamo pagato anche nella nostra moneta) abbiamo avuto un bungalow grazioso e funzionale, pulito ed accogliente. Il manager, Jean Pierre, dopo aver vissuto per anni a Phnom Penh, ci ha aiutato anche con qualche consiglio... Abbiamo preso anche una guida in italiano, contattata, via email, tramite l'associazione nazionale ed ufficiale delle guide turistiche ( Khmer Angkor Tour Guide Association, khmerang@camintel.Com). L'italiano della guida (la sua lingua principale era l'inglese), Sarath, era appena accettabile, ma abbiamo apprezzato l'enorme sforzo autodidatta e la grande volontà di migliorare ed apprendere una nuova lingua. Lingua che non va per la maggiore in Cambogia (a differenza dello spagnolo). Sono ancora pochissimi gli italiani che vanno ad Angkor (preferiscono ritrovarsi tutti insieme a Puketh), in un paese dove non abbiamo nèl'ambasciata nè consolati nè, tantomeno, istituti culturali e dove l'insegnamento dell'italiano è possibile grazie a qualche viaggiatrice che ha deciso di fermarsi lì. Certo, è triste scoprire che l'Italia è conosciuta solo perchè ha vinto i mondiali di calcio. Per il resto siamo un indistito punto dell'Europa.

Sarath ci ha accompagnato per tre giorni (il pass per tre giorni, con una foto - che è possibile fare gratuitamente all'entrata dell'area di Angkor - costa 40 dollari. 20 $ per un giorno e 60$ per una settimana), facendoci fare il giro dei templi e risolvendoci anche qualche problema organizzativo (come tutte le guide di tutto il mondo ci ha proposto negozi di souvenir, vere trappole per turisti, e ristoranti con danze locali. Ma ce le ha proposte con garbo e senza mai forzare troppo. Se penso ai tuk tuk di Bangkok...).

Non vi parlo di Angkor e dei suoi templi. Su tutte le guide e su tutti gli itinerari trovere notizie e informazioni. Comunque, sulla base dell'esperienza, lasciate perdere le localizzaioni per albe e tramonti. Girate come viene, nel girovagare vi troverete il vostro tramonto che vi piacerà lo stesso anche se non è ad Angkor Wat. Siamo stati fortunati, il tempo, pur in agosto, è stato clemente, non ha piovuto e ci siamo goduti quale giornata di sole. I templi sono tutti bellissimi. Se avete tempo e voglia, assieme alle guide turistiche che ci si porta appresso, leggetevi il Ramayana o almeno una sua riduzione ( la trovate online su /web.Tiscali.It/isvarait/Books_Libri/Ramayana/Ramayana_introduzione.Html) per familiarizzare con la storia che vi avvolgerà nei Wat e nei bassorilievi che vi si presenteranno). Lo stesso dicasi per il Mahabharata. Poi, potrete guardare da neofiti l'architettura khmer, scoprire quanto i cambogiani non possano vedere i thailandesi (la città di Siem Reap, nel suo nome, vuol dire proprio vittoria sul Siam) e i vietnamiti (i cham con cui hanno combattuto secoli fa).

In Cambogia la vita non è proprio cheap. Il dollaro è la moneta ufficiale. Il riel è usato per i "resti", visto che gli "spicci" non esistono. "One dollar" è la frase che sentirete maggiormente attorno a voi. Tanti bambini, in ogni tempio, vi rincorreranno per cercare di vendervi qualcosa, miniature di carta, sciarpe, fotocopie di libri, ogni cosa possibile. Potranno sembrarvi opprimenti, sopratutto perchè sono tanti e vi attornieranno. Ma, se superate questa difficoltà, avrete a che fare con l'umanità di questi bambini, che parlano con frasi e numeri di tutte le lingue, che vi chiedono di prendere impegni per comprare qualcosa quando avrete finito la visita e cge comunque non vi disturberanno mai mentre vi guardate i vostri templi. Più che distribuire dollari, se non vi sentirete come i soldati americani in Paisà, portate penne e quaderni, e vedrete qualche viso felice

  • 7409 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social