Botswana: una parentesi in Africa australe

Itinerario: Roma, (Londra – Johannesburg) – Victoria Falls – Kasane - Chobe National Park – Delta dell’Okawango – Kubu Island - Nata - Kasane - Victoria Falls / Livingstone - (Johannesburg – Londra) - Roma Il diario che segue, è ...

  • di Stefano G.
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in gruppo
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Itinerario: Roma, (Londra – Johannesburg) – Victoria Falls – Kasane - Chobe National Park – Delta dell’Okawango – Kubu Island - Nata - Kasane - Victoria Falls / Livingstone - (Johannesburg – Londra) - Roma Il diario che segue, è il risultato di una serie di appunti raccolti durante un viaggio in gruppo, con tende e mezzi fuori-strada, attraverso la natura selvaggia dell’Africa meridionale, in Botswana, e durante un breve soggiorno alle meravigliose Cascate Victoria, lungo lo Zambesi, al confine tra Zambia e Zimbabwe. Viaggio parentesi ... Abbiamo visto l’Africa ? E’ innegabile che 2 settimane nella savana, girando su piste e tra i corsi d’acqua del Chobe e dell’Okawango, avvistando leoni, elefanti, ippopotami e aquile pescatrici, ci abbiano messo in contatto con l’aspetto più conosciuto e sognato del continente nero. Autonomi in tutto, grazie ai nostri mezzi 4x4, la cassa cucina, le provviste e le tende, abbiamo potuto veramente vivere, al meglio, le meraviglie di questo territorio. In piena stagione secca, senza nuvole nel cielo e con un clima perfetto, albe e tramonti hanno scandito le nostre giornate, facendoci per un po’ dimenticare la nostra vita “ordinaria” ... Insomma, una bella parentesi ... Ma l’Africa è tanto altro ... Durante il nostro viaggio, abbiamo avuto pochissimo contatto con la popolazione locale: in un certo senso, meglio così; è triste trovarsi a fare i marziani che sbarcano nei villaggi, armati di macchine fotografiche e di attrezzature spesso “lunari”, per visitare ed entrare in contatto con “gli indigeni”. In realtà, in Botswana, abbiamo attraversato un paese dalla natura ancora selvaggia, un paese sicuramente sicuramente non ricco, ma dove, i pochi centri abitati in cui abbiamo avuto occasione di passare, non ci hanno mai presentato le scene di indigenza di tanti altri posti dell’Africa.

Supermercati pieni di mercanzie, infrastrutture moderne (distributori di benzina, banche con Bancomat, automobili pratiche ma odierne), sicuramente non solamente a beneficio del turista. (che comunque è una fonte di ricchezza incredibile per questo paese). Grande sensibilità al problema della diffusione del virus dell’HIV che come in tutta l’Africa australe, sta minando il futuro della società civile: campagne d’informazione, cartelloni, numeri verdi, distribuzione gratuita di condoms nei luoghi pubblici, statistiche sui casi in trattamento nei singoli centri abitati. Cronaca di una parentesi: Giovedì 26 Luglio: l’andata FCO – LHR (BA) 17:15 – 19:15 LHR – JNB (BA) 21:15 – 9:00 (del 27/07) 9084 Km / 5644 Mi, per 10 ore di volo. Rotta: Londra, canale della Manica, Rouen, Montpellier, Sardegna, Tunisia, Libia, Ciad (N’Djamena), Rep. Centrafricana, Congo interno, Angola interna, volo tra Namibia e Botswana verso sud, atterraggio a Jo’burg

Venerdì 27 Luglio: Aria d’Africa JNB – VFA (BA) 11:25 – 13:00 La parentesi ha inizio nel momento in cui il Boeing 737 delle British Airways termina la sua corsa sulla pista dell’aeroporto internazionale di Victoria Falls, Zimbabwe. (si, un flash ! lo stesso tipo di aereo utilizzato per tratte brevi in Europa, che con la livrea di una compagnia europea atterra in un piccolo aeroporto africano ! ... British, serve in questo modo, da Johannesburg, diverse tratte dell’Africa meridionale...) Dopo circa 20 ore di viaggio, siamo in Africa ! L’aria secca, asciutta, la luce forte, lo confermano. Il bush intorno all’aeroporto, la terra rossastra intorno alla pista, i piccoli aerei da turismo e l’informalità dell’ambiente aeroportuale, danno il benvenuto in Zimbabwe

  • 1494 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social