Vivere Vienna

Capitale asburgica in continua evoluzione!
Scritto da: masocco
vivere vienna
Partenza il: 01/04/2011
Ritorno il: 03/04/2011
Viaggiatori: 2
Spesa: 500 €

Con l’arrivo della primavera, come di consueto, arriva anche il momento adatto per dedicare un pieno wek-end alla visita di una città europea.:quest’anno la scelta è caduta su Vienna, la capitale austriaca e sede assoluta dell’impero asburgico. Come avremo modo di notare, Vienna non brilla solo per i numerosi edifici imperiali, ma anche per una vasta offerta di attrazioni culturali e mondane che ne stanno ridisegnando il look; ma veniamo al sodo: con volo Austrian Airlines, che in poco più di un’ora da Bologna, attera nella capitale austriaca ha tutto inizio. Dall’aeroporto viennese si raggiunge comodamente il centro città in poco più di un quarto d’ora utilizzando il servizio CAT (City Airport Train) che effettua corse ogni 30 minuti e dalla quale stazione di arrivo (Wien Mitte, Landstrasse) è possibile eseguire il check-in per il proprio volo in partenza (servizio estremamente comodo, da utilizzare per il volo di ritorno).Dal centro città, usufruendo della metropolitana (linea U1 fermata Nestroyplatz) si raggiunge l’hotel Capri, non prima di aver cambiato i voucher per l’acquisto della Vienna card, che consente di muoversi liberamente con i servizi pubblici per 72 ore e usufruire di sconti nei principali musei e attrazioni (servizi e volo prenotati anticipatamente via internet tramite il vettore expedia.it) al punto informazione turistico in Albertinaplatz,. Hotel Capri, ( non lasciatevi ingannare dal nome italico, la gestione è prettamente locale) un tre stelle comodo e minimalista con una ricca colazione a buffet, è l’ideale per chi vuole visitare la città, a 50 mt dalla fermata della metro, a 15 minuti di cammino dal centro e sulla Pratersrasse, la via che collega il centro al Prater , il polmone verde della capitale.

Per iniziare la visita della città partiamo dal suo cuore pulsante, Stephansdom, la cattedrale in stile romanico simbolo di Vienna con le sue guglie Il campanile Sudturm, il più alto, è visitabile e dopo 343 scalini (poco raccomandabili a chi soffre di labirintite) dalla sua sommità si può scorgere uno splendido panorama della città. Nei pressi della cattedrale altre tre chiese, la Peterskirche, la Minoritenkirche e la Maria am Gestade suscitano un particolare interesse storico e culturale . Il centro non è solo Stephansplatz e il suo duomo ma anche l’allungata piazza del Graben, con i suoi bar all’aperto e le numerose gelaterie, e la Karntnerstrasse, la lunga via pedonabile ricca di boutique (la maggior parte italiane) dove è facile farsi rapire dalla tentazione dello shopping. Per gli amanti della cultura invece Vienna sa offrire, come poche altre città al mondo, un panorama museistico di valore inestimabile. Nel Museumsquartier, infatti, vi si trovano concentrati tutti i musei cittadini come:il Leopold museum che ospita centinaia di opere dell’arte austriaca moderna, da Klimt a Schiele, oppure il Moderner Kunst museum con opere di Mirò e Picasso tra gli altri, o il museo di scienze naturali o quello di storia dell’arte (Kunsthistorisches museum); logico fare una scrematura di ciò che più si preme vedere altrimenti si rischia di perdere intere giornate negli edifici e anche il fattore spese ne può risentire (ogni ingresso comporta una spesa media di 10 euro anche se il possesso della Vienna card fa usufruire di sconti). Dal punto di vista architettonico Vienna è la culla dello stile barocco e neoclassico con le numerose tenute asburgiche a farle da padrone, in primis l’Hofburg, il palazzo imperiale degli Asburgo per più di sei secoli, un complesso formato da palazzi e cortili di diversa epoca dentro ai quali è possibile ammirare gli appartamenti reali (all’interno il Sissi-Museum dedicato al mito della principessa Elisabetta d’Austria), il museo degli argenti (spettacolare e di grande effetto), le scuderie di corte (la Stallburg) e anche la Reitschutrakt, la famosa scuola di equitazione spagnola, dove vengono selezionati i bianchi cavalli che con le loro esibizioni di danza a passo di musica sono diventati una delle principali attrazioni della città. Oltre l’area del centro di estremo interesse è il Belvedere, l’elegante palazzo principesco del settecento (residenza estiva del principe Eugenio di Savoia) che ora espone quadri di arte moderna con una ricca collezione di opere di Klimt, complesso dal quale è facile ricavare una cartolina dello scorcio nobile che la capitale austriaca rappresentava nei secoli scorsi. Altro complesso interessante per la sua architettura, in questo caso simile alla reggia di Versailles, è lo Schonbrunn (appartamenti reali visitabili), riserva di caccia degli Asburgo, circondata da un enorme parco che contiene anche lo zoo e l’orto botanico (ingresso scontato per possessori della Vienna card). Lo Schonbrunn è ai margini della città ed è collegato tramite una fermata della metropolitana (U4).

Questa città non sa offrire solo monumenti sfarzosi e musei di prestigio, ma anche attrazioni e spazi per il tempo libero. Suggestivo è visitare il sabato mattina il Naschmarkt, il mercato più grande di Vienna, lungo ben mezzo chilometro con chioschi di ogni genere: dalle spezie di inebriante odore, ai banchi di pesce fresco, dai fiorai, agli allevatori che espongono e vendono i loro prodotti, per arrivare ai commercianti che vendono abbigliamento e oggettistica varia, compreso pezzi di antiquariato e collezionismo. Il Naschmarkt è talmente affollato di gente di ogni etnia che pare contenere in piccola forma tutto il patrimonio culturale e umano del pianeta (un esperienza davvero coinvolgente). Può risultare divertente dedicare un pomeriggio al Pater, il parco più grande della capitale (numerosi sono comunque gli spazi verdi dove riposare e godere di un attimo di tranquillità) al cui interno è situato il parco giochi con la famosa e romantica, seppur altamente turistica, ruota panoramica e altre attrazioni che fan tornare per un poco spensierati ragazzini. A Vienna tutto può essere attrazione, anche solo passeggiare per le vie del centro e assistere ad un esilarante spettacolo di marionette, assistere ad una prima teatrale dal maxi schermo fuori il palazzo dell’Opera, od imbattersi la domenica mattina in un variopinto raduno ciclistico con esibizione di campioni free style della bicicletta; altrimenti rimanere incantati ad osservare il celeberrimo Hundertwasserhaus, l’affascinante isolato di case popolari, vera e propria rottura dall’architettura accademica, nei cui bar è magnifico perder tempo gustando una buona birra e scindersi dall’immagine tipica del turista classico.

Guarda la gallery
prater-parco-b3f5a

Haschmarkt

prater-parco-brxs1

Belvedere

prater-parco-k5nze

Vivere Vienna

prater-parco-5zeyj

marionette

prater-parco-pbn8a

Vivere Vienna



    Commenti

    Lascia un commento

    Austria: leggi gli altri diari di viaggio

    Video Itinerari