Sulla Via Francigena in Toscana

Da S. Miniato a Siena in 4 tappe
 

Siamo partite in tre per questo cammino con solo una settimana di organizzazione, i dubbi erano tanti perché l’estate 2020 li poneva a chiunque volesse viaggiare. La meta in Toscana, vicina a casa, l’abbiamo scelta per motivi logistici e per la bellezza del paesaggio.

Abbiamo pianificato le quattro tappe decidendo di prenotare ogni notte la stanza dove dormire, essendo il periodo di alta stagione e dato che ci avevano consigliato di fare così, considerato che le strutture ricettive quell’estate avrebbero potuto ospitare a capienza limitata del 50% a causa delle restrizioni dovute al Covid.

Io amo fare i cammini e in genere parto da sola, quindi questa volta si ponevano per me nuove incognite e cambiamenti nel mio modo di viaggiare ed inoltre, se posso, di solito non parto mai in alta stagione per evitare affollamenti e di essere obbligata a programmare il viaggio più di quanto ne abbia voglia. Il cammino è un’esperienza intensa, che da sola riesco a gestire molto bene, ma non l’avevo mai provato a fare con altre persone e temevo si potessero creare conflitti.

Consigli per percorrere la via Francigena

Salto le indicazioni sulla preparazione del viaggio, condivido solo i consigli che ho dato alle due compagne di viaggio un po’ meno esperte di me in tema di cammini:

  • scarpe: porta delle calzature che il tuo piede già conosce, piuttosto che comprare le migliori, o le scarpe da trekking o da trail belle nuove. Se il piede sta comodo in un paio che usi già da un po’, anche se sono semplici scarpe da ginnastica saranno meglio di scarpe nuove con le quali rischieresti di avere le vesciche. Sul tema delle vesciche c’è tanto da imparare, credo che alcuni siano predisposti più di altri ad averle, pur prendendo i giusti accorgimenti. Avere scarpe che i piedi già conoscono è l’unico consiglio e il più valido che sento di dare.
  • zaino: non più di 8-10 kg. Disponi bene il peso e conta che ogni giorno appena arrivato a destinazione avrai la possibilità di lavare gli indumenti sporchi, e se è caldo come in agosto, il giorno seguente saranno asciutti, altrimenti li puoi legare all’esterno dello zaino e si asciugheranno mentre cammini. Cerca di portare solo le cose essenziali, il peso altrimenti si farà sentire dopo vari chilometri.
  • se parti in alta stagione mettiti in testa che sarà una buona scelta partire presto la mattina, il consiglio è di alzarsi alle 5:30 per evitare il caldo delle ore centrali, quando camminare si fa molto stancante e sembra di non arrivare mai. Ci sono dei vantaggi nello svegliarsi a quest’ora: l’aria è fresca, ogni mattina vedi l’alba, arrivi presto a destinazione che significa che avrai buona parte del giorno per riposare e visitare il luogo.

Prima tappa: San Miniato – Gambassi Terme

Questo è il primo giorno e quella mattina ci alziamo presto per raggiungere in treno la stazione di S. Miniato, il treno è in ritardo e quando partiamo dalla stazione di S. Miniato sono già le 8, tardissimo! Inoltre, ci accorgiamo che la stazione è situata sulla via francigena ma nella tappa precedente, 4 km prima della città di San Miniato, questo comporterà un ulteriore slittamento dell’orario di arrivo, e quello che mi preoccupa sono le ore centrali della giornata in cui saremo a camminare sotto il sole cocente.

Ci avviamo e superiamo la città di S. Miniato (il mio consiglio è: pernottare a S. Miniato e partire la mattina direttamente da lì evitando i 4 km per raggiungerla dalla stazione), dopo pochi chilometri abbandoniamo il tratto asfaltato per entrare tramite un sentiero in un lungo percorso che attraversa le colline toscane in quel tratto molto argilloso e pieno di casali.

Il paesaggio è affascinante e c’è una leggera brezza che ce lo fa godere senza soffocare per il caldo. Il neo di questa tappa è che ci sono pochi alberi e di conseguenza poca ombra, quindi si cammina per buona parte sotto al sole. Camminando iniziamo a conoscere altre persone, per essere agosto non ci sono molti camminatori ma è un momento particolare e alcuni potrebbero aver preferito non partire. Le indicazioni sono molto chiare quindi non vi perderete, lungo la tappa si incontrano bar, alimentari o ristoranti in cui fare una pausa.

Siamo sfiancate dai più di 30 km di cammino, ma finalmente arriviamo a Gambassi e soggiorniamo all’Ostello Sigerico, situato pochi passi prima dell’ingresso nel paese. Abbiamo una camera tutta per noi, prenotata, e il posto è molto accogliente. Passiamo il pomeriggio a riposarci e conoscere gli altri ospiti, uniamo i tavolini e siamo tutti seduti a parlare e ridere. Questo ostello è uno dei più belli della via francigena (io l’ho fatta fino a Roma) perché ci sono camere separate e non dormitori, il luogo è molto bello e c’è un giardino e la sera, se vuoi, puoi cenare in un grande salone con tanti tavoli per una buona convivialità. Inoltre, il prezzo è molto accessibile. Credo che abbiamo speso 17 € a persona per una camera da 3 con bagno interno e la cena ha un prezzo fisso di 10 € mi sembra. C’è la possibilità di fare colazione ma noi abbiamo evitato dato che saremmo partire presto il giorno seguente.

Seconda tappa: Gambassi Terme – San Gimignano

Questa tappa è una passeggiata rispetto a quella precedente, sono poco più di 10 km. Ce la prendiamo con calma, facciamo colazione in un bar posto di fronte alla Chiesa di Gambassi, lungo il cammino, e poi con calma e senza troppa fatica raggiungiamo il paese di S. Gimignano percorrendo l’ultimo tratto in salita e giungendo di fronte a una grande porta che attraversiamo per raggiungere la nostra dimora. A dispetto delle altre tappe, a S. Gimignano ci sono poche strutture dedicate solo ai pellegrini, di fatto è un luogo molto turistico e anche noi abbiamo soggiornato in una dimora storica.

Ci siamo riposate tutto il pomeriggio e faceva troppo caldo per visitare la città quindi abbiamo aspettato che calasse un po’ il sole e poi ci siamo perse tra i vicoletti del paese, abbiamo cenato in un ristorante vicino alla piazza centrale.

Guarda la gallery
via francigena in toscana

img_20200810_wa0010

img_20200810_wa0012

img_20200810_wa0068

img_20200810_wa0079

img_20200810_wa0080

img_20200810_wa0085



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Monteriggioni
    Diari di viaggio
    val d'orcia in toscana

    Val d’Orcia in Toscana

    Quale migliore destinazione se non la Toscana per una fuga di inizio estate? La Val d'Orcia offre la possibilità di fuggire dalla routine...

    Diari di viaggio
    sulla via francigena in toscana

    Sulla Via Francigena in Toscana

    Siamo partite in tre per questo cammino con solo una settimana di organizzazione, i dubbi erano tanti perché l'estate 2020 li poneva a...

    Diari di viaggio
    un week-end nel territorio senese

    Un week-end nel territorio senese

    Il mio diario di viaggio vi porta a scoprire l’entroterra toscano, più precisamente la città di Siena e i suoi piccoli borghi...

    Diari di viaggio
    da siena a certaldo sulle tracce di boccaccio

    Da Siena a Certaldo sulle tracce di Boccaccio

    Giovedì 27 Dicembre Per festeggiare il capodanno abbiamo deciso di fare un breve viaggio nella bellissima Toscana che, anche durante la...

    Diari di viaggio
    la via francigena da san miniato a roma

    La Via Francigena da San Miniato a Roma

    Da un po' di tempo l'idea del cicloturismo, si stava facendo largo nella mia mente. Incontrando per strada di tanto in tanto, qualcuno di...

    Diari di viaggio
    su e giù per la toscana

    Su e giù per la Toscana

    Quest' anno abbiamo deciso di regalarci una settimana alla scoperta della Toscana, delle sue città, dei suoi paesaggi e dei suoi...

    Diari di viaggio
    etruria: terra di tufo, di vino e di pane

    Etruria: terra di tufo, di vino e di pane

    consumiamo un frugale pranzo di Pasqua con il chianti delle damigiane e pane e cinghiale acquistato il giorno prima. Qui, veniamo a sapere...

    Diari di viaggio
    toscana, umbria e lazio on the road

    Toscana, Umbria e Lazio on the road

    Giorno 1, 11/08/13: Orvieto - Chiusi - Chianciano Terme - Montepulciano - Pienza Partenza ore 6:00 da Napoli in auto, alle 9:00...

    Diari di viaggio
    borghi di toscana

    Borghi di Toscana

    meravigliosa: si entra dalla porta principale e subito ci si trova a vagare tra i suoi numerosi vicoli in pietra, le sue piazze con la...

    Diari di viaggio
    week-end nelle terre di siena

    Week-end nelle terre di Siena

    Inizio questo diario ringraziando i nostri ragazzi (Simone, Matteo e Andrea) che ci hanno regalato un week-end con Smart Box. Partiamo, mio...

    Video Itinerari