Le Bivaccanti della Val Maira

 

Sabri: Facciamo da me per le otto?

Silvietta: Meglio 19:30…ordiniamo dei poke?

Anna: Perfetto! Porto cartina e una bottiglia di bianco!

Paoletta: Io il gelato! Ma arriverò con un po’ di ritardo…

E così che ci siamo ritrovate a terra, brille, cercando con le dita profumate di soia il percorso che, in quattro giorni di cammino e notti in bivacco, ci avrebbe permesso di esplorare la Val Maira.

Giorno 1: La Spezia – Rifugio Campo Base

[Il Rifugio Campo Base è raggiungibile in macchina ed aperto dal 27 dicembre al 31 ottobre; disponibilità di campeggio, camere doppie o camerate da 4,6,8 posti letto; mezza pensione da € 46,00; per info contattare il 334.84116041 – [email protected]]

Siamo partite qualche giorno dopo, caricando su una piccola panda a metano gli zaini carichi del poco necessario: sacco a pelo, guscio impermeabile, bacchette, un cambio; candele, fornellino, coltellino, buste e salviette profumate; biscotti e caffè solubile, zuppe liofilizzate, salame e formaggio.

Oltre Cuneo le montagne sembrano invalicabili. Ma nascondono valli ampie, ricche di torrenti, laghi in quota e cascate. Noi ci infiliamo in Val Maira, risalendo l’omonimo torrente che, dopo il coraggioso salto delle cascate di Stroppia, la attraversa tutta per buttarsi nel Po. La valle, rimasta isolata per secoli e tuttora poco frequentata, custodisce le tradizioni occitane, gli allevamenti di cavalli Merenes e le botteghe artigiane scomparse altrove. Ci imbattiamo nella città di Dronero con il suo ponte del diavolo, nei borghi di Stroppo e Elva, con i loro tesori di architettura rurale e gli affreschi cinquecenteschi del pittore fiammingo Hans Clemer, e infine in Chiappera, l’ultimo borgo abitato e uno dei più belli dell’alta valle Maira.  Lo sovrasta l’imponente massiccio roccioso della Rocca Provenzale, che cambia forma se ci si gira attorno e colore dall’alba al tramonto.

Arriviamo al rifugio Campo Base di Acceglio, ottimo punto di partenza per esplorare la valle, giusto in tempo per la cena. Mangiamo polenta concia e torta di mele, beviamo buon vino. Chiediamo qualche dritta ai rifugisti, un gruppo di giovani ragazzi della zona: stato dei sentieri, dei bivacchi, scorci da non perdere, tempi di percorrenza, tratti attrezzati. Poi ci sistemiamo nella stanza dai letto a castello rossi, fresca per la notte che scende. Dalle finestre alte, nei nostri sacchi a pelo, scorgiamo il cielo nero, senza luna: la via lattea sembra sul punto di caderci addosso, come un grosso e pesante tappeto di velluto.

Giorno 2: Rifugio Campo Base – Bivacco Valmaggia

 Dopo una bella colazione, sistemiamo gli zaini sulle spalle, ci cospargiamo di crema solare e ci mettiamo alla ricerca dei segni bianchi e rossi che indicano il sentiero Roberto Cavallero, inaugurato nel 1992 dal CAI di Fossano per ricordare l’alpinista morto nel 1991 sul medesimo tracciato. Lo seguiremo, con qualche piccola deviazione, per esplorare la valle e dormire nei suoi bivacchi. Il percorso, riservato ad escursionisti esperti per la lunghezza e la presenza di alcuni tratti esposti, mette subito alla prova il nostro allenamento e le nostra capacità di orientamento: il sole è alto, lo zaino pesa, la salita picchia; i segni si nascondono tra le fronde, nelle pietraie, tra i tronchi degli alberi.

Risaliamo faggete, prati, pietraie. Chiacchierando del più e del meno, facendo silenzio nei tratti esposti, canticchiando quando la strada spiana. Ci alterniamo alla guida. Silvietta, Anna, Paoletta, Sabri; Sabri, Paoletta, Anna, Silvietta.

Poco prima del Passo Scaletta un temporale ci coglie impreparate. L’acqua diventa grandine. I chicchi sono così grandi e violenti che i polpacci, scoperti per l’abbigliamento estivo, diventano presto rossi e doloranti. Ne ridiamo, riparandoci sotto gli impermeabili che non bastano più, provando a nascondere lo spavento.  Non c’è verso di trovare un riparo così, intravedendo in lontananza il Bivacco Valmaggia, acceleriamo il passo, corriamo. Il piccolo bivacco in legno è affollato: francesi, due alpinisti, un gruppo di milanesi. Tiriamo fuori il fornellino e condividendo l’acqua che resta nelle borracce di tutti, prepariamo un thè per noi e i nostri nuovi amici.

Quando il cielo si riapre, il bivacco si svuota. Restiamo sole. Sistemiamo i sacco a pelo sulle panche, mettiamo ad asciugare scarpe e zaini, poi prendiamo le taniche disponibili al bivacco e raggiungiamo la fonte più vicina per prendere l’acqua necessaria a cucinare e lavarci un po’. Giochiamo a carte, leggiamo a lume di candela, percorriamo sulla carta il percorso che ci aspetta, salutiamo il cielo carico di stelle sperando in una giornata di sole….

Giorno 2: Bivacco Valmaggia – Bivacco Sartore

Gli scarponi sono ancora umidi dalla pioggia quando gli rinfiliamo per metterci in marcia.  Il cielo però è terso, nessuna nuvola all’orizzonte. Risaliamo al colle del Feuillas, a 2749 m.s.l., poi scendiamo per prati verdeggianti e laghetti di acqua blu, affollati da capre, mucche, cavalli selvatici, marmotte e camosci. Avvertiamo da lontano il loro belare, i campanacci, il trotto, i fischi: un orchestra nel silenzio dell’anfiteatro di montagne che ci circonda. Dopo un’avvincente tratto in cresta scorgiamo il Bivacco Sartore che ci ospiterà per la seconda notte. È dedicato al giovane Danilo, morto in falesia nel 2011, ed è un gioiello: una piccola capanna triangolare, rossa, su cui sventolano la bandiera italiana e una moltitudine di bandierine nepalesi; profuma ancora di legno fresco, è intimo, accogliente. Sarebbe il posto perfetto per trascorrere una vita… se l’acqua non fosse ad un’ora e mezza di cammino!

Giorno 3: Bivacco Sartore – Bivacco Barenghi

 Le gambe accusano la stanchezza dei giorni passati, ma lo zaino si fa sempre più leggero. Se le spalle ringraziano, lo stomaco è preoccupato: basterà il cibo che resta? Per la paura di rimanere senza razioniamo barrette, biscotti, formaggio e gallette.

Perdiamo la traccia, risaliamo titubanti un canalino roccioso, fino ad imbatterci nei cavi arrugginiti di una vecchia ferrata. Tiriamo il fiato solo in cima al colle della Forcellina, dove una targa ci assicura di essere sulla giusta via: è lì in memoria di Roberto Cavallero, a cui il sentiero è dedicato. Al di là del colle si aprono altra valli, boschi, cime, laghi azzurri, nuvole al vento. Ma inspiegabilmente non notiamo il Bivacco Barenghi a cui siamo dirette: azzurro e giallo, contro la roccia grigia, sulla sponda del lago del Valonasso.

Guarda la gallery
val maira



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Piemonte
    Diari di viaggio
    alla scoperta delle langhe

    Alla scoperta delle Langhe

    Partenza dal Trentino direzione Piemonte, destinazione Langhe. Approfittiamo del Salone del Libro a Torino e poi visiteremo le colline di...

    Diari di viaggio
    cammino di oropa

    Cammino di Oropa

    Ti piacerebbe fare un cammino? Hai sentito spesso parlare del Cammino di Santiago, della Via Francigena e di altri cammini famosi, ma non...

    Diari di viaggio
    vicoforte e mondovì

    Vicoforte e Mondovì

    È sabato mattino e pigramente ci dirigiamo verso la prima tappa del nostro weekend: l'incredibile Santuario di Vicoforte, a circa tre ore...

    Diari di viaggio
    il castlèt-tour

    Il castlèt-tour

    Uno slow tour di 4 giorni per gli amanti dei viaggi fuori dalle rotte turistiche tradizionali ispirato da un’interessante iniziativa che,...

    Diari di viaggio
    in giro per le langhe

    In giro per le Langhe

    Diario di viaggio di 3 giorni in giro per le LangheGiorno 1 Costigliole d'Asti, al confine tra Langhe e Monferrato, dove il centro...

    Diari di viaggio
    alla scoperta del monferrato

    Alla scoperta del Monferrato

    Svegliarsi ammirando la catena delle Alpi, con il Monviso che le domina; leggere un libro avendo come sottofondo solo il cinguettio degli...

    Diari di viaggio
    le bivaccanti della val maira

    Le Bivaccanti della Val Maira

    Sabri: Facciamo da me per le otto?Silvietta: Meglio 19:30…ordiniamo dei poke?Anna: Perfetto! Porto cartina e una bottiglia di...

    Diari di viaggio
    la via del sale, varzi - sori in 3 giorni

    La via del sale, Varzi – Sori in 3 giorni

    Questa mia avventura è stata decisa al più qualche giorno prima della partenza. Ho avuto uno spiraglio di tempo per buttarmici e.. direi...

    Diari di viaggio
    appunti di viaggio - la big family noleggia un camper

    Appunti di viaggio – La Big Family noleggia un camper

    Una vacanza itinerante, la loro PRIMA vacanza itinerante. Un sogno che si avvera, dopo tanti anni di mare stanziale… perché con i...

    Diari di viaggio
    sacra di san michele, un cammino verticale

    Sacra di San Michele, un cammino verticale

    Questo viaggio inizia a Bologna e finisce a Firenze. Passando per il Piemonte.Questa in geografia non ce la fa, penserà più di uno....

    Video Itinerari