Ricordi giapponesi

Ricordi (e consigli) per godersi un Giappone indimenticabile
Scritto da: taniarch
ricordi giapponesi
Partenza il: 18/12/2008
Ritorno il: 04/01/2009
Viaggiatori: 3
Spesa: 2000 €

CAP 1. SHOCK

18 dicembre 2007 – Osaka

Milano -Tokyo, circa 13 ore di volo, anni luce di distanza culturale.

Visitando il Giappone si comprende il perchè i nipponici fotografino ossessivamente ogni angolo delle nostre belle città: lì tutto è diverso, gli edifici, le strade, i prodotti al supermercato, le professioni, i divertimenti, il modo di esprimersi e di comunicare. La conseguenza è una fase iniziale di shock anestetizzato dall’euforia, abbagliato dalle grandi insegne luminose intermittenti, quasi un’ambientazione da Blade Runner, disorientato per l’assenza delle vie e dei numeri civici, sicurezza spaziale insita nella mente di un occidentale, perplesso dalle indicazioni stradali di passanti gentili, talmente cordiali da aiutarti nonostante non abbiano idea di dove tu voglia realmente andare, anche a costo di dirigerti dalla parte opposta. Non preoccupatevi, lo shock dura solo pochi giorni, poi interviene la fase di adattamento, che ti permette di capire… O almeno di credere di capire.

CAP 2. NON SOLO SUSHI E SASHIMI

19 dicembre 2007 – Osaka

Il cibo occupa una parte importante nella vita quotidiana giapponese. Percorrendo le vie, si possono vedere piccoli ristorantini, a volte più simili a baracche, gremiti di clienti alla ricerca di uno spuntino, a qualsiasi ora del giorno e della notte. Spesso il pasto si accompagna ad altre forme di divertimento, come il karaoke: anziani dall’aria affaticata, un po’ brilli di sake, ringiovaniscono appena afferrano il microfono e si lanciano in performance canore improbabili!

La città nipponica più famosa per l’arte culinaria è Osaka e in effetti la mia esperienza lo conferma. Il sushi e il sashimi, preparati alla ricerca di un’armonia estetica e di un equilibrio di sapori, sono economici e non c’è differenza di prezzo tra i molteplici tipi che si possono scegliere. Un’esperienza da provare è il Mongio nel quartiere di Ueno a Tokyo, una scoperta unica grazie alla nostra amica Kaori. Si tratta di ristoranti modesti, che si trovano al secondo o terzo piano di edifici piuttosto anonimi, riconoscibili solo dalle enormi insegne al neon: per chi non legge i kanji intuire che si tratti di locali pubblici è davvero impossibile! L’odore di frittura è talmente forte che all’entrata i clienti vengono invitati a chiudere soprabiti e borse in sacconi di plastica; una volta accomodati davanti a piastre da cucina, una cameriera accende la bombola del gas e prende le ordinazioni… Degli ingredienti! Infatti, armati di spatole e salsa di soia, sono gli stessi clienti che devono cucinarsi la pietanza scelta, cercando di seguire le istruzioni (ovviamente in giapponese) affisse alle pareti. I risultati sono delle specie di frittate saporite a base di carne macinata o pesce (es. Piccoli gamberetti). Surreale, ma ci siamo tornati più volte!

CAP 3. CIOCCOLATINI&ORIGAMI

Spinti dall’atmosfera natalizia e forse da una pre-nostalgia di casa, abbiamo portato in viaggio dei sacchetti riempiti con cioccolatini e caramelle tipicamente italiani, piccoli omaggi per destinatari ignoti. I giapponesi si sono rivelati un popolo poco diffidente e le reazioni alla consegna dei doni sono state sorprendenti: in particolare un ragazzo a Kyoto, che ci aveva indicato il bus per raggiungere l’albergo prenotato, si è tolto il berretto per l’emozione e commosso ci ha stretto la mano più volte ringraziandoci incredulo. Altri bambini in metro, spinti ad accettare i dolci dai nonni, hanno tentato di piegare l’incarto delle caramelle per creare piccoli origami. Conoscendo un po’ alcuni giapponesi ho realizzato una sorta di predisposizione genetica: consegna loro un pezzo di carta, più o meno grande o colorato, e in pochi minuti vedrai creare nelle loro mani un origami. Ne conservo ancora uno dono inaspettato di una barista di Kyoto: basta soffiarci e l’origami si gonfia come una piccola lanterna. Delizioso.

CAP 4. ILLUSIONI DI CARTA

23 dicembre 2008 – Hiroshima

06/08/1945 ore 8:15. Questo momento ha segnato la fine di un’epoca e ne ha prepotentemente aperto una nuova: l’era della bomba atomica. Hiroshima è ora una qualsiasi città giapponese, la ricostruzione ha volutamente cancellato il passato, lasciando come unico segno della distruzione la cupola del D-Dome: uno scheletro metallico piegato dalla forza dell’esplosione, ma miracolosamente non crollato. Negli anni ’50 Kenzo Tange, architetto simbolo dell’architettura moderna giapponese, ha reso omaggio alle vittime progettando il Centro della Pace: i pilotis del museo rappresentano la volontà del popolo giapponese di rialzarsi da terra e di ricominciare. L’origami a forma di gru, animale della rinascita e dell’immortalità, racconta le conseguenze dell’esplosione, ben più distruttive della bomba stessa. La piccola Sadako, ammalata di leucemia per l’esposizione alle radiazioni, ne ha piegato a centinaia, illudendosi di poter guarire: morì, come molti altri bambini. Tutt’ora visitatori di Hiroshima continuano a piegare gru colorate, piccole illusioni di carta in memoria di Sadako e di tutte le vittime di una scelta inspiegabile.

CAP 5. ESSENZA DEL VUOTO

24 dicembre 2007 – Kyoto/tempio Ryoan-ji

I giardini zen rappresentano un’immagine dell’universo ridotta agli elementi essenziali: pietra, sabbia, rocce. In occidente percorriamo gli spazi vuoti, in Oriente li osservano. Il vuoto più rappresentativo è il giardino del tempio Ryoan-ji. Da qualunque punto lo si ammiri, è possibile contare solo quattordici delle quindici rocce disposte sul letto di sabbia bianca: un masso risulta sempre nascosto alla vista dagli altri, in un gioco di prospettiva entusiasmante. Progettato da uno dei più grandi architetti/paesaggisti del 1400, il giardino rappresenta il binomio tra il conoscibile razionale e l’invisibile irrazionale. Assieme al più famoso tempio Kinkaku-ji, conosciuto come il Padiglione d’oro, Ryoan-ji è una meta assolutamente imperdibile a Kyoto.

CAP 6. JAP ENTERNTEINMENT

28 dicembre 2007- 7 gennaio 2008 – Tokyo www.japan-guide.com/penfriend/ E’ un sito che ho scoperto molti anni fa e che permette di entrare in contatto con ragazzi e ragazze giapponesi interessati a scrivere e incontrare coetanei stranieri. Abbiamo così conosciuto Kaori, Yukari e Satoshi, tre personalità forti, amanti dell’Italia (girare per Tokyo e poter comunicare in italiano ci ha sorpresi!) e disponibili a farci da ciceroni. Giornate indimenticabili a base di karaoke, negozi di manga (fumetti giapponesi), musica j-rock, pachinko (piccole macchinette infernali!) e purikula. Per chi si chiedesse cosa siano i purikula, ha la stessa nostra reazione alla proposta di Kaori! Simili alle cabine per le fototessere, ma molto più grandi, colorate e tecnologiche, ti permettono di creare piccoli francobolli adesivi sulla base di foto scattate assieme ad amici e personalizzabili con vari temi divertenti, scritte e disegnini. Una divertente prova per testare la propria creatività, sicuramente da provare!



    Commenti

    Lascia un commento

    Giappone: leggi gli altri diari di viaggio