Palermo, la Grande Bellezza

Fra splendori e decadenza, il fascino di una città unica
Scritto da: Monica.62
palermo, la grande bellezza

Palermo, città dai mille contrasti,  dove le grandi bellezze che lasciano senza fiato si alternano a strade e palazzi in pieno decadimento. Arriviamo in una giornata piovosa di febbraio.

Il primo incontro con la città è nel quartiere della Vucciria, un tempo vivace e colorato mercato rionale, oggi principalmente luogo di movida notturna; parecchie case sono disabitate, in quanto parecchie persone hanno lasciato la zona proprio perché è diventata piuttosto invivibile.

Ci dirigiamo verso il centro passando per la bellissima Piazza Quattro Canti, centro esatto della città entro le mura, composta da quattro facciate di palazzi uguali, decorate con fontane alla base e statue che rappresentano le quattro stagioni nell’ordine inferiore, poi i sovrani spagnoli ed infine le sante protettrici della città.

Altrettanto bella ed imponente Piazza Pretoria, con la sua fontana rotonda sovrastata da statue di divinità classiche rappresentanti personaggi mitologici. La leggenda racconta che le monache del Convento di Santa Caterina, che si trova a fianco della fontana, fossero scandalizzate dalla rappresentazioni delle sculture in quanto simbolo di vanità ed immoralità.

Non lontano dalla piazza si trovano due chiese particolarmente interessanti: San Cataldo con le sue cupole bizantine e, di fronte, La Martorana ricca di mosaici bizantini, primo fra tutti il Cristo Pantocratore, o benedicente, circondato da quattro angeli in adorazione, rappresentazione tipica dell’arte bizantina.  In contrasto, decorazione barocche inserite nel ‘600.

Proseguiamo con la visita alla Chiesa del Gesù e Casa Professa, del tutto insignificante all’esterno ma ricchissima di bassorilievi in marmo all’interno. Dalla chiesa si può passare direttamente alla visita del museo di Casa Professa dove si trovano i Paliotti, decorazioni  per gli altari in tessuti pregiati, alcuni con inserti di corallo.
Ci dirigiamo ora verso Ballarò, ricco mercato rionale con bancarelle di ogni genere, molto vivace e frequentato. Qui si trova anche la Chiesa del Carmine, con all’interno colonne tortili con decorazioni in marmo di Giacomo Serpotta.

Proseguiamo la giornata girando senza meta nel quartiere della Kalsa, dove si alternano discreti tentativi di recupero edilizio a palazzi praticamente in decadimento. Nel quartiere si trova la Chiesa della Magione, piccolo gioiello nascosto con un bellissimo chiostro ed un pozzo con iscrizioni in ebraico che dimostrano che l’elemento di marmo bianco posto sul pozzo era originariamente una pietra sepolcrale. Altra interessante scoperta la Chiesa dello Spasimo, sconsacrata e senza tetto, è stata recuperata trasformandola in una scuola di jazz (Brass)

Il quartiere della Kalsa è anche luogo di opere di street art, murales di grandi dimensioni e dal significato simbolico come la Santa Urbana, una donna nera che testimonia la multiculturalità di Palermo,  due mani che offrono un cesto con vari doni e la rappresentazione da bambino di Federico II di Svevia, Re di Sicilia

Ultima chicca della giornata La Stanza del Genio una vera meraviglia, casa privata ed abitata da un collezionista di maioliche che le ha raccolte nel corso degli anni, dalle più antiche,  risalenti al 1400,  a quelle più recenti (1800) . Le stanze della casa sono un vero tripudio di colori. Oltre alle maioliche ci sono anche collezioni di altri oggetti come scatole di latta e formine di terracotta per i dolci. È visitabile su prenotazione e la visita è guidata
Conclusione di giornata con cena alla trattoria Ferro di Cavallo, cucina tipica palermitana, ottimo cibo a prezzi modici anche se un po’ approssimativo il conto finale, ne vale comunque la pena!

Giorno 2

La giornata successiva inizia con la visita alla Chiesa di San Francesco con impianto romanico e cappella barocca all’interno ricca di stucchi.  Nella stessa piazza si può concedersi uno spuntino all’Antica Focacceria San Francesco.

Proseguiamo dirigendoci verso il mare nella zona della Cala, Piazza della Marina con il suo bel parco e la chiesa di Santa Maria Catena, così chiamata in quanto si dice ci fosse una catena lungo il porto per impedire alle navi nemiche di entrare. Al suo interno due curiosità: una sola colonna di colore verde a simboleggiare la salvezza ed una maternità in stile bizantino col bambino rappresentato con i tratti di un adulto.

Proseguendo sul lungomare si trova il famoso murales rappresentante i giudici Falcone e Borsellino. Ci dedichiamo ora alla visita degli oratori barocchi e più precisamente l’Oratorio di San Lorenzo, San Francesco e Santa Cita, che rappresentano una tradizione millenaria a Palermo e sono dei veri e propri contenitori di opere d’arte. Luoghi di culto riservati ai membri delle congregazioni, presentano una tipica costruzione architettonica: più piccoli delle chiese, presentano un’aula rettangolare, un altare sopraelevato e sedute lignee ai lati dove siedono i confratelli. Quelli palermitani sono arricchiti dagli stucchi di Giacomo Serpotta.

Nel pomeriggio visita all’imponente Cattedrale, risalente al 1185, edificata all’interno delle mura punico romane, sul luogo dove già esisteva l’antica chiesa del IV e VI secolo. In seguito trasformata in moschea dagli arabi e restituita al culto cristiano con l’avvento del Normanni. All’interno la cappella dedicata alla patrona della città Santa Rosalia. Non lontano l’altro gioiello della città: Palazzo dei Normanni, con l’annessa Cappella Palatina.  l palazzo è la più antica residenza reale in Europa, oggi  sede dell’Assemblea regionale siciliana. La Cappella fu costruita nel 1130 da Ruggero II si Sicilia ed intitolate a San Pietro apostolo. Basilica a tre navate ricchissima di mosaici bizantini, primo fra tutti i Cristo Pantocratore, già presente nelle Chiesa del Martorana.

Concludiamo la giornata arrivando al Teatro Massimo, imponente costruzione in stile neoclassico con una capienza di 3000 posti!

Giorno 3 – Monreale

Il giorno successivo lasciamo la città per qualche ora per visitare Monreale ed il suo magnifico Duomo. La cittadina è raggiungibile sia con i mezzi pubblici (occorre prendere due bus) oppure, ovviamente ad un costo maggiore, con i taxi di città. Monreale ha una vista splendida sulla piana di Palermo e sul mare. Il Duomo riprende i mosaici della Cappella Palatina ma in una dimensione imponente in quanto la chiesa è decisamente più grande, a tre navate su colonne.

Rientriamo in città e visitiamo la Chiesa di San Giovanni degli Eremiti, con il chiostro e le cinque cupole rosse in stile arabo. L’interno è spoglio ma di grande fascino, un luogo di pace e silenzio al centro della città.

Guarda la gallery
dscn9240

dscn9391

dscn9372

dscn9339

dscn9317

dscn9304

dscn9301

dscn9276

dscn9274

dscn9271

dscn9242

dscn9155

dscn9223

dscn9215

dscn9203

dscn9201

dscn9194

dscn9181

dscn9161

dscn9153

dscn9150



    Commenti

    Lascia un commento

    Palermo: leggi gli altri diari di viaggio

    Video Itinerari