Nove piemontesi nelle Rhone-Alpes

Dopo la famosa spedizione a Palermo, riusciranno i nostri eroi a portare a termine un’altra affollata missione in Europa?
 
Partenza il: 01/11/2012
Ritorno il: 04/11/2012
Viaggiatori: 9
Spesa: 500 €

sedere noi. Mangiamo un ottimo antipasto misto che più misto non si può (dai gamberi al fois gras) e poi una sontuosa bistecca (per A: una bella cofana di cozze.. d’altronde, A è riuscito a mangiare le cozze persino a Budapest, a migliaia di km dal mare cozzifero più vicino), il tutto innaffiato da alcune birre locali più che discrete. Sotto la pioggerellina, rientriamo verso il ns Etap. Essendo tutti assolutamente uguali, ogni volta sembra di ritornare a casa.

DOMENICA 4 NOVEMBRE

Dopo una balda colazione presso l’unica boulangerie che troviamo aperta in tutto il circondario (un pò squalliduccio, è un’area semi-industriale.. ma i croissants sono ottimi) annaffiata dal succo di frutta acquistato nel contiguo supermercato, decidiamo di fare una puntata al castello di Flecheres, poco fuori Villefranche; è in qualche modo “gemellato” con quello di Cormatin, e dal depliant sembra bello. Arriviamo in pochi minuti; è ancora chiuso, e aspettiamo nel bellissimo viale di platani centenari, finchè si apre una porticina e ci fanno entrare. La visita è solo guidata, ma siamo talmente numerosi che.. il gruppo può partire subito! I vantaggi del Gruppone Piemonte.

La visita è solo in francese; malauguratamente, diamo ad intendere che la cosa non sia un problema perchè il francese suppergiù lo capiamo. Preso dall’entusiasmo, il signore che ci fa da guida si lancia in una prolissa descrizione di ogni dettaglio architettonico della facciata e di ogni rapporto di parentela di ciascun proprietario del castello.. dopo quasi 20 minuti nel cortile del castello, a valutare le differenze tra le sagome dei comignoli, la situazione diventa talmente comica che I e B scoppiano in una ridarola incontrollabile! E noi a cercare di guardarle con disapprovazione, e a fare i seri per non mancare di rispetto alla povera guida… Per fortuna lui nel frattempo ha davvero esaurito tutti i dettagli, e ci porta all’interno dove (alleluia!) tace, e ci presta una traduzione in italiano della descrizione di ciascuna stanza. A viene nominato volontario per la lettura, e possiamo goderci gli interni, molto interessanti perché Flecheres era proprietà di un nobile protestante e pertanto nel ‘700 ospitava una sorta di chiesa clandestina, dove i protestanti della zona si riunivano per i propri riti. Visitiamo anche le cantine e le cucine, e poi i giardini, anch’essi graziosi.

Salutiamo la valle della Saona, è ora di riprendere la via di casa; da Villefranche in un’oretta siamo al borgo medievale di Perouges, uno dei più bei borghi di Francia, ultima nostra tappa. Peccato che piova.. ci era andata fin troppo bene, finora. Lasciamo le auto in uno dei mille parcheggi a pagamento che circondano il villaggio.. ci pare di capire che sia un immenso ‘turistificio’, in estate. Oggi di sicuro non ci pesteremo i piedi. Il villaggio è magnificamente ben conservato, contornato ancora da tutte le mura, con una cattedrale fortificata, un paio di piazze e tante case in pietra a vista, una più bella dell’altra. Gironzoliamo un’oretta, e poi cerchiamo di mangiare qualcosa prima di ripartire, ma il periodo di bassissima stagione limita le nostre opzioni all’unica brasserie aperta, all’ingresso del villaggio. Vogliamo mangiare qualcosa di leggero, chessò un’insalata… tanto per non stare a stomaco vuoto.. le ultime parole famose: pierrade per tutti! E’ la carne cotta sulla piastra rovente direttamente in tavola; ottima davvero, ma puzzeremo di barbecue fino a casa, e poi certo leggeri non siamo stati.. E per giunta alcuni, di cui non faccio il nome, hanno anche preso il dolce! Massì, è vacanza.. guideremo piano. Tanto sta diluviando, andremo al massimo ai 50 all’ora. E sono già le 3 passate! Entriamo in autostrada subito dopo Perouges, e vista la noia della pioggia, chi non dorme ricorda i dettagli di questo bel tour in un angolo di Francia meno noto, ma come al solito godibilissimo, vista l’attenzione per i turisti e la possibilità di girare con una spesa contenuta. In circa tre ore e mezzo siamo a Torino. Poveri gli alessandrini, che come dice il nome devono ancora arrivare ad Alessandria, e super-povera S, che dopo Alessandria poi deve ancora arrivare a Genova! Gliel’avevamo detto, di diventare piemontese anche lei.. anche perché ci crea un problema per il titolo, nel resoconto di viaggio su TpC!



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Annecy
    Diari di viaggio
    alta savoia in agosto

    Alta Savoia in agosto

    Percorsi: utilizzo navigatore gps dello smartphone con mappe offline scaricate in precedenza da Google. Uso di accesso ad autostrade...

    Diari di viaggio
    annecy ai tempi della finale di champions

    Annecy ai tempi della finale di Champions

    ...Nei giorni in cui la Juventus veniva bastonata in finale di Champions Con forte anticipo e senza consultare le “stelle” suggerisco a...

    Diari di viaggio
    weekend lungo tra lione e annecy

    Weekend lungo tra Lione e Annecy

    LIONE E ANNECY… UN BELLISSIMO WEEKEND SABATO 19 SETTEMBRE 2015 Come al solito mio cognato si fa venire le idee e poi… le mettiamo in...

    Diari di viaggio
    normandia e bretagna 11

    Normandia e Bretagna 11

    riscalda gli animi decidiamo di lasciare la Bretagna. E dobbiamo farlo velocemente se vogliamo trovare un alloggio per stanotte. Arriviamo...

    Diari di viaggio
    castelli della loira e bretagna 3

    Castelli della Loira e Bretagna 3

    20/07/2013 H.5.00 Partenza da Ancona verso Annecy. Dopo aver guidato per circa 700 Km attraversando il traforo del Frejus siamo arrivati...

    Diari di viaggio
    savoia e provenza

    Savoia e Provenza

    Io e il mio ragazzo partiamo da Borgomanero (prov. di Novara) il 13 agosto, dopo aver pianificato (il pomeriggio prima) l’itinerario. A...

    Diari di viaggio
    alsazia ad agosto

    Alsazia ad agosto

    Capita che navigando a caso tra le pagine di Tripadvisor mi imbatta in alcune foto di vecchie case a graticcio che in passato ho visto solo...

    Diari di viaggio
    nove piemontesi nelle rhone-alpes

    Nove piemontesi nelle Rhone-Alpes

    sedere noi. Mangiamo un ottimo antipasto misto che più misto non si può (dai gamberi al fois gras) e poi una sontuosa bistecca (per A:...

    Diari di viaggio
    italia e francia, semplicemente meravigliose

    Italia e Francia, semplicemente meravigliose

    10 Agosto, partenza in automobile da Bari alle ore 7:00 del mattino. Io e il mio ragazzo (Roberto) siamo pronti per affrontare circa 3000...

    Diari di viaggio
    mini vacanza ad annecy

    Mini vacanza ad Annecy

    E così ci risiamo. Le vacanze quest’anno le avevamo già fatte a maggio, perché così faceva meno caldo e anche i prezzi erano più...