Coast to coast 3

Quando: agosto Durata: 30 giorni Viaggio: aereo Costo a persona: (spesa approssimativa) 7000 euroEra un sogno che io e la mia ragazza Viviana avevamo rimandato più volte. Ora , per tutta una serie di coincidenze ( un mese di ferie ad agosto entrambi, i risparmi di anni di lavoro, nessun disastro all’orizzonte ) era giunto finalmente...
 
Partenza il: 01/08/2008
Ritorno il: 30/08/2008
Viaggiatori: in coppia

3° giorno New York Oggi ci aspetta un altro tour che abbiamo prenotato da casa. Si tratta dell’”HARLEM GOSPEL TOUR”, che ci permetterà sia di visitare Harlem, che di assistere a un’autentica funzione religiosa in una Chiesa Battista completamente incentrata sulla musica Gospel. Raggiungiamo il punto d’in- contro con il giusto anticipo e quando saliamo sul pullman la giornata sembra cominciare male. Ci sono due signori che prenotando per conto loro e vittime di qualche truffa, stanno occupando i posti di altri due signori regolarmente prenotati.Solo dopo un estenuante disputa i primi si convincono a scendere e il pullman con un po’ di ritardo può finalmente partire.Ci hanno tutti vivamente sconsi- gliato di girare da soli per Harlem, ma con questo tour facendo diverse fermate riusciamo anche a vedere questo quartiere con le case in legno più vecchie dell’isola ed altri importanti edifici come l’università. Dopodiché veniamo portati alla chiesa e il nostro gruppo viene fatto accomodare su un balconcino per godersi al meglio la messa cantata. I cori Gospel sono troppo coinvolgenti e in que- sta fantastica atmosfera dove si balla, si battono le mani, si piange e si gioisce, mi accorgo di fare fatica a trattenere le lacrime ma posso leggere la stessa emozione anche negli occhi della mia com- pagna. Al termine della messa, il pullman ci riaccompagna al punto di partenza. Dopo aver mangia- to qualcosa, procediamo soli con la nostra visita della città. Vediamo il Chrysler Building ( la cui hall merita senz’altro un’occhiata ), il palazzo dell’ONU, la New York Public Library ( quella di “THE DAY AFTER TOMORROW”) e la Grand Central Station ( molto bella la volta stellata ). Oggi praticamente più che altro percorriamo la 5th Avenue con la St. Patrick’s Cathedral e i grattacieli che vi si affacciano. Raggiunto il Rockfeller Center, ci concediamo la vista dell’Empire dal 70° piano. Ma anche la vista di Central Park non scherza! Verso sera ci spostiamo sulla 2° Avenue per salire al prezzo di un biglietto della metro, sulla funivia che affianca il Queensboro Bridge. Ci godiamo la vista delle strade dall’alto e scendiamo per un attimo su Roosevelt Island, un isolotto proprio al centro dell’East River. Mi riesce difficile non pensare ad una scena del film “SPIDERMAN”. Rientriamo con calma in albergo per poi uscire e concludere nuovamente la serata in Times Square!

4° giorno New York Ci siamo tenuti Central Park per l’ultimo giorno. Quindi partiamo dal nostro albergo percorrendo la Avenue of the Americas ( la sesta ). Qui sembra di assistere ad una sfilata di grattacieli tutti molto simili, tra i quali spicca la Radio City Music Hall. Eccoci arrivati ad una delle entrate del grandissi- mo parco. Seguendo una cartina improvvisata, andiamo alla ricerca dei punti più interessanti. Visi- tiamo il mosaico Imagine dedicato a John Lennon e torniamo sul luogo dove è stato assassinato. Poi continuiamo con il Bow Bridge, la Bethesda Fountain, la statua di Andersen e il Belvedere Castle. A questo punto raggiungiamo il Reservoir, il grande lago attorno al quale corrono sempre anche nei films. La parte più a Nord del parco, sconfina praticamente in Harlem per cui la nostra visita di Central Park finisce qui. È bellissimo il contrasto di questo stupendo parco con i modernissimi grat- tacieli che lo circondano. Usciamo e mangiamo degli Hot Dogs per poi riprendere la strada del ri- torno. Sembra incredibile ma a volte per strada si sente il freddo dell’aria condizionata che esce dai negozi! Dopo aver visitato F.A.O. Schwarz ( il più grande negozio di giocattoli del mondo ), rien- triamo in albergo e ci prepariamo per raggiungere Little Italy e mangiarci una pizza. Visto che do- mani lasceremo New York, l’intenzione era quella di cenare nei pressi del ponte di Brooklyn, per poterlo salutare di notte tutto illuminato. New York è una città meravigliosa che nonostante la sua grandezza ci ha messo subito a nostro agio e dalla quale già ci spiace doverci separare. Ma ci consola in parte il fatto che il tour che incominceremo domani si chiuderà tra qualche giorno pro- prio qui. Ci salutiamo ma è un arrivederci a presto! Ah, sul ponte di Brooklyn tutto illuminato non ci sbagliavamo, è davvero da non perdere! Ci incamminiamo per il Pier 17 convinti che qui sarà più facile trovare un taxi. Ne troviamo uno da brivido. Costeggia l’East River a salire, tutto ad una velo- cità pazzesca sballottandoci qua e là e in men che non si dica eccoci in albergo. Con un velo di ma- linconia prepariamo i bagagli e verifichiamo bene il punto d’incontro da dove domani partirà il tour “TRIANGOLO DELL’EST”.

5° giorno New York / Niagara Prendiamo un taxi per arrivare all’Holiday Inn Express Madison Square Garden e non trascinarci per strada gli ingombranti bagagli. Da qui partiremo per un tour in pullman che in 5 giorni e 4 not- ti ci farà visitare le cascate del Niagara, Toronto, Washington e Philadelphia per poi chiudere il cer- chio a New York. Subito facciamo la conoscenza di due sposini in viaggio di nozze ( Pina e Gian-ni), in difficoltà per pagare il taxi col quale anche loro giungono qui. Oggi percorriamo quasi 600 km facendo poche fermate e nel giro di brevissimo tempo passiamo da città superaffollate a paesag- gi campestri dove non si vedono case per centinaia di km. Il gruppo risulta diviso a metà fra italiani e spagnoli e l’unica pecca di questo tour, impareremo essere la difficile convivenza. Non per altro, ma le nostre abitudini sono molto diverse e poco conciliabili. Non ci troviamo mai d’accordo su niente a partire dall’aria condizionata sul pullman, agli orari per mangiare, ecc… In più la guida parlante italiano, è spagnola e pende nettamente dalla loro parte. A volte fa loro dei discorsi chilo- metrici e a noi riassume tutto in ben poche parole. Strada facendo la guida ci propone 5 escursioni facoltative ed io e Vivi scegliamo le 3 che più ci allettano e cioè: 1) la grotta dei venti, 2) la cena al ristorante della panoramica Skylon Tower, 3) La visita alla CN Tower di Toronto. Nel tardo pome- raggio arriviamo a Niagara Falls e ci godiamo le cascate dal versante americano. Quindi ci in colon- niamo per fare la “grotta dei venti”. Ci vengono consegnati ciascuno un impermeabile giallo e un paio di sandaletti di gomma. Dopodiché si incomincia una passeggiata lungo un percorso fatto di passerelle in legno che si snoda tutto sotto la cascata americana. Nel punto in cui si è più vicini alla cascata, tira un vento tremendo e ci si bagna che è un piacere. Ci siamo divertiti un sacco e la mia compagna gridava come una matta! Quando tutto il gruppo ha concluso, il pullman ci accompagna al nostro albergo. Alloggiamo al Crowne Plaza, l’albergo più bello di tutto un mese in America. C’è una vasca che mentre fai la doccia, potresti anche ballare, tanto è lo spazio! Abbiamo il tempo di prepararci per poi uscire a cena sulla Skylon Tower, sul lato canadese di Niagara falls e vedere anche i fuochi d’artificio. Peccato che il pullman passi alla dogana un’eternità e quando finalmente arriviamo alla torre i fuochi sono già cominciati. Prendiamo l’ascensore che stavolta corre sull’esterno e arrivati in cima, i fuochi sono già finiti. La cena è a buffet e si mangia davvero bene, anche molto pesce. Noi e i partecipanti del nostro gruppo ci sediamo ad un’unica tavolata dalla quale oltre il vetro ci godiamo lo spettacolo della cascata del versante canadese, tutta illuminata con dei faretti che le cambiano continuamente colore! Cenare guardando la cascata, non ha prezzo! Al termine il pullman ci riaccompagna in albergo dopo aver passato un’altra ora buona alla dogana e ognuno può continuare la nanna già incominciata sul pullman.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su California
    Diari di viaggio
    usa on the road con bambini

    USA on the road con bambini

    Tanto ero rimasta colpita dai parchi degli States nel 2009 che quest’anno ho deciso di tornare con marito e bimbi. A posteriori rientrata...

    Diari di viaggio
    viaggio negli stati uniti: louisiana, grandi parchi e hawaii

    Viaggio negli Stati Uniti: Louisiana, Grandi Parchi e Hawaii

    Mi riconoscete? Sono proprio io, a 18 anni, durante il mio primo viaggio negli Stati Uniti, il mio primo vero viaggio. Un viaggio che per...

    Diari di viaggio
    on the road sulla west coast, il sogno americano si avvera

    On the road sulla West Coast, il sogno americano si avvera

    A mio avviso l’autunno è il momento migliore per affrontare questo viaggio impegnativo e magnifico: la West Coast degli Stati Uniti...

    Diari di viaggio
    viaggio di nozze on the road: california, nevada, utah, arizona da scoprire!

    Viaggio di nozze on the road: California, Nevada, Utah, Arizona da scoprire!

    (200 km)Monument Valley – Grand Canyon (280 km)Grand Canyon – Sedona (175 km)Sedona – Kingman (280 km)Kingman...

    Diari di viaggio
    vivere a los angeles (è meraviglioso!)

    Vivere a Los Angeles (è meraviglioso!)

    Vi siete mai chiesti perché gli attori più famosi del mondo vivono ad L.A.? Pensateci bene: potrebbero vivere ovunque, gli basterebbe...

    Diari di viaggio
    viaggio di nozze tra california e hawaii

    Viaggio di nozze tra California e Hawaii

    Viaggio di nozze tra California e HawaiiEccomi qui a raccontare il nostro viaggio di nozze, 18 bellissimi giorni tra California ed...

    Diari di viaggio
    stati uniti: california settentrionale, oregon, nevada

    STATI UNITI: California settentrionale, Oregon, Nevada

    Pubblico il diario di uno dei miei primi viaggi negli Stati Uniti che mi ha lasciato un ricordo bellissimo tanto che vorrei rivisitare...

    Diari di viaggio
    san francisco: i miei consigli

    San Francisco: i miei consigli

    LUOGHI DA VISITARE Alcatraz: merita una visita, tra battello e visita considera circa 3h. È decisamente consigliata la prenotazione,...

    Diari di viaggio
    usa coast to coast

    USA coast to coast

    DIARIO DI VIAGGIO USA - AGOSTO 2018 Abbiamo fatto un tour on the road in USA, partendo da LA, California, siamo passati per i parchi ed...

    Diari di viaggio
    il giro del mondo in quaranta giorni

    Il giro del mondo in quaranta giorni

    Per lavoro mi hanno chiesto di seguire tre manifestazioni in tre continenti diversi, in un tempo così ristretto che non si poteva "passare...