USA on the road con bambini

8 stati (California, Nevada, Idaho, Montana, Wyoming, Colorado, Utah, Arizona), 6000 km percorsi, 12 parchi visitati, natura all’ennesima potenza!
Scritto da: vani
usa on the road con bambini

Tanto ero rimasta colpita dai parchi degli States nel 2009 che quest’anno ho deciso di tornare con marito e bimbi. A posteriori rientrata da appena una settimana posso confermare che è un’esperienza stupenda anche da programmare in famiglia! Siamo tornati tutti entusiasti e con gli occhi pieni di meraviglie viste in 19 giorni… ma veniamo con ordine.

Premetto che il viaggio non è una passeggiata, sia per le lunghe ore di volo ad arrivare a destinazione sia per i km macinati ogni giorno, in macchina e a piedi. Siate consapevoli quindi che non sarà un viaggio rilassante ma una vera e propria avventura on the road! Ecco le tappe del viaggio:

  • Bologna – Los Angeles (2 notti)
  • Las Vegas (1 notte)
  • Zion – Bryce Canyon (2 notti)
  • Capitol Reef (1 notte)
  • Salt Lake City (1 notte)
  • Yellowstone (3 notti)
  • Grand Teton – Jackson (1 notte)
  • Vernal – Dinosaur N. Monument (1 notte)
  • Moab – Arches – Canyonland (2 notti)
  • Monument Valley (1 notte)Page, Antelope Canyon, Lake Powell, Horse shoe bend (1 notte)
  • Grand Canyon (1 notte)
  • Joshua Tree (1 notte)
  • Los Angeles (1 notte)

Col senno di poi. Riguardando a posteriori programmerei diversamente alcune tappe, per esempio le due notti a Salt Lake e a Vernal si potrebbero saltare e fare in un’unica tratta Torrey – west Yellowstone e Jackson – Moab (8 ore a tratta) guadagnando 2 notti che spenderei una a Yellowstone, perché il parco è magnifico ed enorme e 3 notti sono un po’ tirate e una a Moab perché i parchi di Arches e Canyonland meritano 2 giorni pieni per non farli tutti di corsa. Inoltre, sposterei la notte di Page (dove tutte le attrazioni si visitano in una giornata di passaggio) al Grand Canyon.

Los Angeles

Los Angeles è una città che per me ha luci ed ombre. Personalmente confermo l’impressione della prima volta che l’ho visitata nel 2009. Troppo caotica, troppo dispersiva, senza un vero centro. Poi qua e la ci sono zone che meritano (Beverly Hills è bellissima, quasi idilliaca, Venice e Santa Monica molto carine) ma nel complesso non è una città che amo e in cui abiterei. In ogni modo, in due giorni consiglio, oltre a riprendervi dal fuso orario, di vedere:

  • Walk of fame, la mattina presto è praticamente deserta e io la preferisco anche se non è nulla di che
  • Melrose Ave per ammirare un po’ di murales e negozi
  • Griffith Observatory: parcheggiate nel parco appena sotto e fate una bella passeggiata fino all’osservatorio. Da qui la vista è favolosa e i bimbi si perderanno a rincorrere gli scoiattoli dei parchi circostanti. Consiglio la mattina! Nel tragitto di andata, caccia alla strada migliore dalla quale immortalare la scritta Hollywood e decisamente confermo la North Beachwood Drive verso le colline.
  • Venice beach al pomeriggio, bellissimo lo skate park e l’atmosfera rilassata che vi si respira… ma cercate di andarvene prima che diventi sera!
  • Santa Monica pier bellissimo al tramonto e in serata. Per i bimbi bello anche il piccolo luna park anche se estremamente caro
  • Un giro a Beverly Hills e in Rodeo Drive per il lusso
  • Il Lacma per un po’ di cultura
  • Con un giorno in più si possono visitare gli Universal Studios o i Warner Bros studios

Las Vegas

Prima destinazione del nostro on the road: Las Vegas! Da Los Angeles sono circa 4 ore di strada che comunque trascorrono bene. Segnalo 2 soste:

  • Calico Ghost town, carina per una breve visita anche se molto turistica;
  • Seven Color stones, installazione dell’artista svizzero Ugo Rondinone in pieno deserto del Nevada, a poche miglia da Las Vegas.

Di Las Vegas indico innanzitutto l’hotel, l’Hilton Grand Vacation club che si trova proprio sulla strip anche se in posizione defilata. Non possiede un casinò, quindi, è molto tranquillo e a misura di famiglia. Consigliatissimo. Anche le stanze famigliari sono enormi con due letti matrimoniali, bagno gigante con doccia, vasca da bagno in camera, cucina attrezzatissima, lavatrice e asciugatrice e bella vista dal 25° piano! La piscina inoltre è davvero bella anche se le temperature esterne superano i 40 gradi! In serata giro immancabile sulla strip in versione by night. A Las Vegas tutto è finto ma le mille luci, il brulicare di gente e l’atmosfera frizzante rendono tutto un po’ magico. Ci fermiamo al Venetian per ammirare Venezia e suoi canali, vediamo lo spettacolo del Mirage con il vulcano che erutta e per finire le fontane del Bellagio. Splendide.

Zion National Park

Giornata di trasferimento verso il Bryce passando per lo Zion National Park. Attenzione che nel cambio stato tra Nevada e Utah si perde 1 ora! Arriviamo all’ingresso del parco verso l’ora di pranzo, acquistiamo il nostro pass America the beauty che per 80$ da accesso a tutti i parchi nazionali. Zion l’ho trovato molto più organizzato rispetto alla mia precedente visita e devo dire che è piaciuto molto soprattutto ai bimbi. Segnalo 3 percorsi da non perdere: portate sempre molta acqua soprattutto d’estate perché le temperature possono raggiungere tranquillamente i 35 gradi all’ombra.

  • Lower emerald pool trail – 2 km a/r (circa 1 ora); percorso semplice che porta ad una piccola cascata che si lancia con un salto di diversi metri in uno stagno verde;
  • Riverside walk – 3,5 km a/r (1 ora e mezzo); percorso semplice lungo il fiume per arrivare alla partenza del famoso The Narrows, percorso invece impegnativo che risale il fiume dentro il canyon (non adatto ai bambini)
  • Canyon overlook – 1,6 km a/r (1 ora); percorso livello medio, un po’ esposto quindi attenzione ai bambini piccoli. Bellissima vista!

Nel tragitto verso il Bryce non perdetevi per nulla al mondo la UT9, scenic drive. Viste e paesaggi mozzafiato. Noi abbiamo visto anche tantissimi animali tipo stambecchi.

Bryce canyon National Park

Uno dei miei preferiti! Arriviamo in serata e ci sistemiamo nel nostro hotel dove passeremo 2 notti. Se potete scegliete di dormire direttamente all’ingresso del parco, il Best Western Plus Ruby’s Inn è un’ottima soluzione con buon ristorante annesso. La mattina alle 7 siamo dentro al parco. Vi consiglio di visitare nell’ordine nell’anfiteatro principale:

Guarda la gallery
nsxq7327

atjj7962

auec7462

eyjs0597

fryl5886

habd5307

hhjf8382

img_1851

img_2782

img_e3008

koyq8077

mpmu1706

mutq9726



    Commenti

    Lascia un commento

    Arizona: leggi gli altri diari di viaggio

    Video Itinerari