Ancora Livigno: dal fondovalle alle vette

Dall'idilliaco fondovalle percorso in bicicletta ai negozi del centro, dalla prelibata cena al panorama mozzafiato del Crap de la Parè.
 
Partenza il: 14/09/2019
Ritorno il: 15/09/2019
Viaggiatori: 3
Spesa: 500 €

Siamo proprio innamorati di quest’angolo di Valtellina, tanto da tornarci più volte all’anno sia per una gita in giornata sia, come oggi, per trascorrere un fine settimana di relax.

Ormai ho perso il conto di quanti post ho dedicato alla magnifica vallata alpina che si estende dal Passo della Forcola al lago di Livigno perché le attività offerte dal territorio sono molteplici e annoiarsi è impossibile. Sport, divertimento, natura, buon cibo e ospitalità contraddistinguono la località valtellinese.

Il tragitto da casa è di appena un paio d’ore tuttavia, appena scesi dall’auto, pare di aver attraversato l’oceano tanto è il benessere che ci pervade. L’umore è totalmente cambiato e conta solo la serenità della nostra piccola famiglia.

L’accoglienza dell’albergo Capriolo (capriololivigno.com), un family e wellness hotel sorto in posizione privilegiata, appena fuori dalla ressa dell’area pedonale e con una vista splendida sul fondovalle, favorisce di certo tali percezioni.

Si viene ricevuti in un ambiente caldo, pulito, rustico ed elegante insieme, in cui il legno e la pietra si armonizzano a vicenda. Il personale e i proprietari sono squisiti e subito ci invitano a usufruire della piscina e dell’area benessere: due gioiellini della struttura. Come gli spazi comuni, anche le camere accolgono al meglio gli ospiti, tutto è profumato e le dimensioni dei bagni sono confortevoli. Nel piano interrato si apre il bar accanto alla sala colazione e, per la gioia di noi genitori, c’è una grande area bimbi con moltissimi giochi: perfetta per consumare i pasti in tranquillità. Vi anticipo subito che, avendo prenotato la mezza pensione, abbiamo cenato qui ed è stata una esperienza deliziosa. Il cibo è di qualità, la scelta è varia e le porzioni sono abbondanti. Cosa si può pretendere di più? Stesso elogio per la colazione: squisita e con una varietà di dolci che ha superato le nostre aspettative.

Altro punto di forza della struttura è il noleggio biciclette gratuito. Trovandosi a una manciata di passi dalla bella pista ciclabile che costeggia il fiume è un servizio comodo e molto apprezzato anche da noi.

Giusto il tempo di abbandonare la borsa in stanza e montiamo subito sulla due ruote dotata di seggiolino per Leonardo, nostro figlio.

Scorrazzare in piena libertà e senza fatica, vista la bassissima pendenza della ciclabile, con lo zaino imbottito di leccornie per il pic-nic non ha prezzo. Questo appagante stato d’animo ce lo sa regalare solo la bici… un tempo anche la moto suscitava in noi la stessa libertà, ma su quella non possiamo portarci Leonardo!

Non è difficile trovare una panchina anzi, c’è l’imbarazzo della scelta.

Scegliamo i tavolini del parco giochi vicino alla partenza della funivia Mottolino, fornito di ombrelloni, fontane e bagni. Ce la prendiamo comoda, qui la parola fretta non esiste. Tra un boccone e l’altro ammiriamo i fianchi prativi delle montagne con le baite sparse qua e là, le pinete e le cime innevate. E’ un’oasi verdeggiante.

Stiamo vivendo un sogno a due passi da casa e lo assaporiamo pienamente.

Senza guardare l’orario riprendiamo a pedalare in direzione del lago. Superata la Latteria di Livigno la valle si restringe, la pista diviene sterrata e i prati pianeggianti cedono il posto all’acqua. Gli ultimi chilometri si percorrono all’ombra dei larici per poi superare un ponticello, una breve salita e sbucare nello spazio riempito da tavoli, panche e giochi del Ristoro Val Alpisella (http://www.alpisella.it/).

E’ il punto di partenza per molte escursioni, a piedi e in bicicletta, che conosciamo. Da qui si possono raggiungere i meravigliosi laghi di Cancano e Trepalle. Stavolta però non vogliamo faticare e sediamo vicino alla staccionata al di là della quale se ne stanno due teneri asinelli. Il profumo del cibo rustico (polenta, salsicce, formaggi) che sfugge dalla cucina, e dal paiolo, stuzzica le narici nonostante abbiamo già mangiato. Ci tratteniamo ordinando solo un dolce e due caffè, entrambi buoni, ma se siete a stomaco vuoto vi consiglio di provare la cucina. Non rimarrete delusi.

Dopo un tempo non quantificato in ore e minuti torniamo in dietro. La pedalata è breve, perché un edificio ristrutturato con eleganza ci costringe a fermare. Si tratta del locale da poco inaugurato Al Mond Vei. Bar, ristorante e gelateria. Noi assaggiamo dell’ottimo gelato biologico poi, invitati dal personale, tutti ragazzi giovani e gentilissimi, diamo un’occhiata agli interni. Ne rimaniamo colpiti. Legno, pietra, dipinti, sculture e campanacci. La taverna coi vini è caratteristica, così come la sala e lo spazio esterno ben tenuto. E’ un luogo dove vorremmo tornare per assaggiarne i piatti.

Scateniamo di nuovo le due ruote per spingerci ben oltre l’albergo, verso il passo della Forcola, quindi facciamo dietro front per ‘tuffarci’ ancora nella lieve discesa fino all’ultimo ponte sul fiume prima del bacino lacustre. Lo attraversiamo per invertire ancora la rotta e percorrere il centro del paese. La ressa di agosto fortunatamente è passata ed è possibile sbirciare le vetrine senza urtare altre persone e sgomitare.

L’eccellente cena all’hotel Capriolo e un’ultima passeggiata per Livigno coronano un sabato da sogno del quale non cambieremmo neppure un respiro.

Il cielo della domenica mattina è incantevole, di quelli che si vedono solo a settembre. Un blu intenso privo di nuvole e foschia esalta la brillantezza dell’erba e disegna in maniera netta i profili dei monti. E’ il tempo perfetto per andare in montagna. La prelibata colazione ci carica delle energie fisiche e mentali necessarie per la camminata. Concediamo a Leonardo ancora del tempo nell’area bimbi mentre noi sorseggiamo un ultimo caffè.

L’escursione al Crap de la Parè comincia dall’ampio parcheggio del Passo Eira, distante 3 chilometri dal paese di Livigno e posto a 2216 metri di quota.

Si tratta di un’escursione adatta alle famiglie sia per la facilità del percorso, il dislivello è di soli 164 metri e si cammina sul sentiero numero 134 ben segnalato, che per la lunghezza, 2 chilometri e mezzo percorribili a passo lento in circa un’ora. L’unica difficoltà del tracciato è il tratto di salita iniziale che serve a superare le colline rivestite di arbusti e cespugli d’erba. La fatica è però subito ripagata dalla vista semplicemente eccezionale. Il panorama si apre a 360° intorno a noi e ci accompagna fino all’arrivo, a 2380 metri di altezza, dove svetta la grande croce illuminata durante la notte. In effetti il Crap de la Parè è detto il monte della Via Crucis e, salendo, delle croci di dimensioni minori identificano le diverse stazioni.

Guarda la gallery
livigno-jseu3

il lago di Livigno visto dal Crap de la Parè

livigno-2zdu7

verso il ristoro Val Alpisella, Livigno

livigno-vy6c4

una panchina su Livigno, verso il Crap de la Parè



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Alpi
    Diari di viaggio
    la traversata longitudinale della alpi: da trieste a nizza in bicicletta

    LA TRAVERSATA LONGITUDINALE DELLA ALPI: da Trieste a Nizza in bicicletta

    24/07/21 Inizia una nuova avventura in sella. Oggi giornata dedicata al trasferimento da casa a Trieste in treno.Pedaliamo fino alla...

    Diari di viaggio
    rifugi nel cuore del catinaccio

    Rifugi nel cuore del Catinaccio

    La scelta delle vacanze in Alto Adige è stata dettata da una ragionevolissima gran voglia di spazi aperti e di poca confusione, le due...

    Diari di viaggio
    pasquetta tra monti e bicicletta: dobbiaco, brunico, san candido, lago di braies

    Pasquetta tra monti e bicicletta: Dobbiaco, Brunico, San Candido, Lago di Braies

    Io e il mio compagno decidiamo di trascorrere Pasquetta fuori porta e di fuggire dalla città: avevamo voglia di natura e aria aperta....

    Diari di viaggio
    tra palladio e canova verso i monti pallidi

    Tra Palladio e Canova verso i Monti Pallidi

    La meta è Longiarù un villaggio di poche case al termine di una amena piccola valle tra i Monti Pallidi della Val Badia. Dobbiamo...

    Diari di viaggio
    ancora livigno: dal fondovalle alle vette

    Ancora Livigno: dal fondovalle alle vette

    Siamo proprio innamorati di quest'angolo di Valtellina, tanto da tornarci più volte all'anno sia per una gita in giornata sia, come oggi,...

    Diari di viaggio
    francia su due ruote

    Francia su due ruote

    Durante questo itinerario abbiamo unito un viaggio nel Parco del Vercors (a pochi km da Grenoble) con due passi alpini famosissimi e...

    Diari di viaggio
    a un passo dal cielo

    A un passo dal cielo

    Se il titolo del mio diario di viaggio vi ricorda la fiction di Rai 1 con protagonista l'intramontabile Terence Hill, nelle prime tre...

    Diari di viaggio
    vacanza d’altri tempi a sagron mis

    Vacanza d’altri tempi a Sagron Mis

    Ricordando il tempo lieve passato nelle estati da bambina, ho voluto riassaporare l’aria del piccolo paese di Sagron Mis e ho chiesto...

    Diari di viaggio
    i monti pallidi

    I monti Pallidi

    I Monti Pallidi della Val Badia (18-24/07/2015) Ci siamo tornati, per la terza volta in un anno. In Val Badia, un angolo tra i più belli...

    Diari di viaggio
    ai piedi della regina delle dolomiti, la marmolada

    Ai piedi della Regina delle Dolomiti, la Marmolada

    Un breve trekking di 4 giorni, nelle bellissime Dolomiti, con un saluto finale a lei, la maestosa Marmolada. Il nostro itinerario ha...

    Video Itinerari