West USA On the road

E’ vero ci sono moltissimi resoconti di viaggio sul West degli USA e molti dei posti visti sono stati descritti in altri racconti da altri turisti per caso…però una cosa che devo dire avevo notato leggendo questi diari era che, ...

  • di Gianni Carenzi
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
 

E’ vero ci sono moltissimi resoconti di viaggio sul West degli USA e molti dei posti visti sono stati descritti in altri racconti da altri turisti per caso...Però una cosa che devo dire avevo notato leggendo questi diari era che, sebbene i posti potessero anche essere gli stessi, ognuno aveva vissuto delle esperienze uniche e per questo erano un arricchimento continuo per chi come me ha passato mesi per studiare e organizzare questo viaggio.

Infatti se c’è una cosa che questo viaggio mi ha lasciato dentro è l’immensità degli spazi e la devastante scarica di emozioni che questi luoghi mi hanno trasmesso; e le emozioni sono una cosa soggettiva che ognuno vive a modo suo e per questo sono uniche e quindi difficilmente assimilabili a quelle di altri visitatori. Insomma quello che c’è di magnifico in questa esperienza è che pur vedendo siti come il Grand Canyon, San Francisco, la Death Valley, la Monument Valley etc. Etc. Ossia luoghi certamente non inesplorati, siamo (io e mia moglie Laura) sicuri che vale la pena andarci di persona e vivere le proprie emozioni.

Questo è il racconto del nostro viaggio e spero che possa essere utile, così come è stato utile a me leggerne altri su questo sito, per tutti coloro che intendano imbarcarsi in questa esperienze. Il consiglio è uno solo: vivetela fino in fondo ! Prima di cominciare con il diario vorrei dare una serie di informazioni preliminari o punti fermi che potrebbero essere utili o comunque danno l’idea di come noi abbiamo affrontato il nostro viaggio.

CHI SIAMO: E’ giusto dire qualcosa su di noi in modo tale che si capisca l’impostazione che abbiamo scelto. Ebbene siamo una coppia di 30 e 28 anni amanti delle camminate e comunque dell’attività fisica. Questo ci ha portato a fare escursioni molto impegnative (tipo Grand Canyon oppure anche San Francisco in bicicletta), ma decisamente valide.

Oltre a ciò aggiungo il fatto che le levataccie non ci spaventano e parimenti non siamo decisamente dei nottambuli ! Quindi tra il partire alla mattina presto e fare le ore piccole abbiamo sempre optato per la prima ipotesi.

MANGIARE: Colazione abbondante (toast, bacon, uova, marmellata, caffè, latte), necessaria viste le escursioni della giornata; pranzo molto leggero, frutta o insalata; cena decente nei vari ristoranti. La spesa media giornaliera per noi 2 per il mangiare si aggirava intorno ai $ 70/75. Di cui ca. $ 15/18 per la colazione; 10 $ per il pranzo e il resto per la cena.

SISTEMAZIONI: motel. Sono assolutamente puliti e confortevoli generalmente le stanze sono molto spaziose e si trovano ovunque. Noi abbiamo preferito prenotare la maggior parte di questi dall’Italia via Internet seguendo i suggerimenti delle guide Routard e Lonely Planet, solo per evitare di perdere tempo sul posto; comunque nel periodo in cui siamo andati noi non ci sarebbe stato nessun problema a parte nella Death Valley e al Grand Canyon.

MACCHINA: E’ il posto dove si passa un’infinità di tempo, quindi sceglietela comoda e ampia. Noi eravamo solo in 2, ma se non avessimo avuto la macchina che abbiamo preso, TrialBlazer della Chevrolet (tipo un SUV), molto probabilmente la vacanza sarebbe stata meno agevole. Insomma non guardate a questa voce come ad una possibile voce di risparmio.

AEREO: Volo a/r con Delta (o codeshare partner, come Alitalia e Song) acquistato ad un prezzo vantaggiosissimo: € 605 a testa su internet, ma con migliaia di limitazioni, per esempio il biglietto era irrimborsabile...È un po’ un rischio però è andata bene e alla fine è stato quasi come se uno avesse viaggiato gratis. In teoria mi spettavano due biglietti Alitalia gratuiti visto che ho accumulato diversi punti, ma per il periodo estivo si deve fare richiesta da un anno all’altro ! ACQUISTI: C’è solo l’imbarazzo della scelta. In genere gli articoli d’abbigliamento e le scarpe da tennis costano meno che da noi; ora poi che il cambio è a nostro favore ci si può sbizzarrire. Occhio che i prezzi sono sempre tasse escluse e questa voce non è di poco conto ! ASSICURAZIONI: Consigliata una polizza sanitaria. La sanità USA potrà anche essere efficiente (non lo so perché non l’ho mai provata), ma certamente non è per tutti: per ogni stupidata puoi pagare centinaia (a volte migliaia) di dollari

  • 5144 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social