Repubblica Dominicana

Mare ed escursioni ai Caraibi

  • di bieski
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Vogliamo liberarci dal gelido abbraccio di questo inverno interminabile e cosi’, dopo un primo rinvio causa neve, domenica 10 marzo 2013 finalmente partiamo. Destinazione Bayahibe Repubblica Dominicana, Hotel Cabana Elke. Pacchetto confezionato tramite agenzia con t.o. Karambola, volo Blu Panorama e trasferimento con taxi privato Aeroporto-Hotel. Sottobraccio come sempre una mezza dozzina di diari di t.p.c. per aiutarci nelle scelte.

Lunedì

Usciamo di buonora per cercare di capire come organizzare al meglio le nostre due settimane di vacanza. Purtroppo rileviamo una certa nebulosita’sia nei racconti dei t.p.c. che ci hanno preceduto, sia nelle poche righe dei cataloghi consultati. Facciamo quindi un po’di chiarezza. Per quanto riguarda il Cabana Elke non possiamo che confermare tutti i giudizi positivi trovati, la struttura e’semplice, pulita, confortevole e silenziosa, in piu’ le due camere matrimoniali della ns. stanza (una con balcone) fanno letteralmente “esultare” Claudia che puo’cosi’sfuggire alle mie russate notturne. Emilio, il direttore, Desire’ che gestisce il bar e la piccola cucina del pranzo, unica la ragazza dominicana al bar, sono gentili, professionali e molto alla mano. Il luogo dove si trova l’Hotel, cosi’come tutti i grandi resort: Viva Whindam, Iberostar, Catalonia ecc... non e’ pero’ Bayahibe ma bensi’ il Dominicus Americano che da Bayahibe dista circa 3 km. Se si vuole andare a Bayahibe occorre prendere una guagua (minivan a 10/12 posti) 50 m.davanti al Viva angolo Av. Laguna/calle Cayuco o Caoba (25 pesos a tratta) ma al calare del sole il servizio cessa, rimane il taxi a 10 Usd$ a tratta. Durante il giorno si puo’ fare anche il tragitto a piedi (25 mn.circa) andando per il sentiero ecologico in mezzo alla vegetazione: uscendo dal Cabana si va a sinistra sempre dritto fino alla fine della strada asfaltata, si percorrono 100 m. di piazzalone sterrato poi ci si inoltra nel sentiero; n.b. quando si incontra dopo 12/13 min. una doppia biforcazione a sinistra occorre prenderla, si va verso il mare, si costeggia un campo da baseball e si arriva al porto di Bayahibe.

Il Dominicus Americano e’ un feudo little Italy con ristoranti italiani (con prezzi italiani), agenzie per escursioni (alcune italiane),minimarket, bazaar e negozi dove i locali ti vogliono vendere di tutto. Ci sono un paio di Bancomat, uno davanti al Viva ed uno davanti al Catalonia ma non erogano denaro con le tessere bancomat internazionali, solo con carte di credito con commisssione quindi del 4%; vi sono diversi uffici di cambio ma rispetto a Bayahibe o Bavaro abbiamo notato che applicano un cambio piu’ sfavorevole (50 pesos per 1euro contro i 52,5 pesos per 1 e.), si puo’comunque entrare in banca muniti di passaporto ed effettuare li’l’operazione. Affittare un auto costa 50 euro al giorno e trattengono in cauzione il passaporto, oppure vogliono una strisciata in bianco della carta di credito, non accettano pagamento in contanti anticipato per evitare le prime due soluzioni. Dopo questi primi dettagli parliamo ora della spiaggia: uscendo dall’Hotel a destra, dopo 10 min. si arriva alla Playa pubblica, due lettini 200 pesos, un ombrellone 300 pesos, a destra e a sinistra le spiaggie di tutti i resort. Pubblico misto, composto in gran parte da connazionali che svernano ai Caraibi e, nei week-end, da famiglie di dominicani con enormi quantita’ di cibo al seguito per un incredibile pic-nic non stop. Date queste premesse voglio precisare che comunque abbiamo trascorso 15 giorni fantastici adeguandoci al meglio alla realta’ locale. Per un escursus esauriente dividerei la ns.vacanza in tre capitoli: escursioni, mare e cibo

  • 7082 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. cdb65
    , 1/9/2014 19:17
    Sono appena tornato da 15 giorni a Bayahibe e devo riconoscere che Gabriele il toscano è davvero insostituibile per le escursioni ma devo segnalare che Gabriele non lavora più presso Max Tours,
    adesso lavora presso l'Hotel Catalonia e lo trovate di giorno sulla spiaggia al Box "Gri Gri Diver"
    o di sera spesso vicino l' Ombelico del Mondo lungo la stradina dietro il Viva Windham
    o potete contattarlo con l'e-mail: gabrieleciardini@hotmail.it
    o chiamarlo al telefono: 001 8099916171

    Spero di essere stato utile e ringrazio ancora Gabry per tutto quello che mi offerto e per la sua simpatia.

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social