Polonia viaggio in autunno

Testo di Andrea V. Spero che abbiate tutti la pazienza di leggere questo mio racconto di viaggio altrimenti cestinate tranquillamente. Mi ci è voluto qualche giorno per raccogliere le idee perchè non è semplice parlare della Polonia, un paese che ...

  • di supergiaf
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
 

Testo di Andrea V.

Spero che abbiate tutti la pazienza di leggere questo mio racconto di viaggio altrimenti cestinate tranquillamente. Mi ci è voluto qualche giorno per raccogliere le idee perchè non è semplice parlare della Polonia, un paese che sta cercando di ritrovare un po' di riscatto e dignità dopo gli anni bui del comunismo. Peccato che questo paese sia governato da una classe politica corrotta (forse più dell'Italia) che strizza l'occhio a Bush. Pensate che il Presidente della Repubblica e il premier sono fratelli gemelli.

Malgorzata e Raphael, una coppia SERVAS che mi ha ospitato a Breslavia, ha creato un sito internet per informare e mettere in guardia il popolo polacco riguardo a ciò. Hanno ideato anche una divertente spilla con due paperotti a mo' di sfottò a questo "conflitto d'interessi". Se volete visitare il sito l'indirizzo è www.Oznakowani.Pl (è tutto in polacco, ma potrete vedere il distintivo). Tutte le persone che io e Barbara (la mia compagna di viaggio) abbiamo conosciuto in Polonia ci hanno confermato che l'antisemitismo è in aumento, forse il merito è del governo attualmente in carica. Il mio itinerario è iniziato a Varsavia una città che ha subito lo scempio della guerra e lo scempio della ricostruzione nel periodo comunista.

Il centro storico è completamente rifatto in base ai documneti storici e alle fotografie. Del vecchio ghetto ebraico è rimasto solo un brandello di muro nel cortile di un condominio. Ho trascorso due notti da Premyslaw e Anna. Io e la mia amica Barbara abbiamo dormito in una stanzetta dove c'era di tutto, non si girava a causa di scatoloni, lavastoviglie, etc. Abitano in una mansarda di un palazzone della periferia (praticamente un budello), lui è un agente di commercio della Avon (vi ricordate?), lei è insegnante. Il terzo giorno il viaggio ci ha portato al lager di Treblinka, per poi raggiungere Bialistok, (nella parte Est del paese vicino al confine Bielorusso) dove abbiam conosciuto Robert e Anja con i loro due bambini Micha e Piotr. La classica giovane famiglia benestante e fervente cattolica che abita in un quartiere pieno di giardini e bei palazzi. Robert mi ha fatto assaggiare per la prima volta i pyrogi, una sorta di ravioli giganti ripieni di formaggio o frutti di bosco, che vengono accompagnati da una panna acida. Lui è avvocato di banca, lei insegnante. La presenza ebraica a Bialistok è stata veramente forte in passato, dopo la guerra la comunità è stata praticamente annientata. La parte Est della Polonia presenta una natura incontaminata. I paesaggi sono molto suggestivi, ci sono molti parchi naturali come quello di Bialoweza che è stata la meta successiva del viaggio. Ho un bellissimo ricordo della foresta naturale di tigli e della riserva dei mitici "bisonti europei". La pioggia non ci ha impedito di avventurarci nel sentiero che conduceva alla riserva che conteneva, oltre ai bisonti, tarpani, alci, caprioli e cervi. Bialoweza è un posto sperduto. Si trova a una manciata di chilometri dalla Bielorussia, è famosa per la sua natura intatta e incontaminata. Son quattro case messe in croce, uno spaccio e un ufficio postale. Sembra che le cartoline che ho spedito da lì non siano ancora arrivate (era Agosto). Dopo un lungo pellegrinare nella Podlaska siamo arrivati (era sera) a Lublino. Dopo una notte in ostello abbiamo visitato il lager di Majdanek (paricolarmente toccante è stata la visita al crematorio, ancora intatto e al mausoleo, il monumento che contiene le ceneri degli ebrei cremati). A Cracovia abbiamo raggiunto Emiliano, un amico comune mio e di Barbara che abita in loco e lavora per un'associazione culturale che promuove iniziative di vario genere. A Cracovia ho visto spalare il carbone nelle strade, le persone anziane che vendevano more e lamponi (i polacchi son dei gran consumatori di frutti di bosco), giocolieri e musicisti di strada e tanti giovani studenti. A Cracovia ho visitato il quartiere ebraico: cimiteri, sinagoghe, l'ufficio di Schindler (la fabbrica non è ancora visitabile) e la farmacia Packiewitz. Emiliano ci ha poi condotto alle miniere di salgemma a Wieleckliza (a pochi chilometri dalla città) per culminare con la visita ad Auschwitz. Lasciata Cracovia, l'ultima tappa del viaggio prevedeva la Slesia. Siamo arrivati a Breslavia (Wrocklaw) nel tardo pomeriggio. Malgorzata e Rapahel ci hanno condotto (dopo cena) in una visita notturna nel centro storico pieno di cattedrali gotiche e palazzi signorili. C'era anche una sinagoga ma cadeva praticamente a pezzi. Abbiamo fatto tappa in due birrerie molto frequentate dai giovani. Malgorzata e Raphael sono due traduttori. Portano avanti anche un certo impegno politico di cui parlavo all'inizio della mail. Non ho potuto fare a meno di regalare a Raphael il mio cd dei Gang "Il seme e la speranza che mi ero portato dietro da ascoltare. Lui ha ricambiato con tre cd di un gruppo rock (non ricordo il nome) molto famoso che miscela molto bene chitarre elettriche e tastiere. Il giorno dopo (nel pomeriggio) ci siam spostati a una quarantina di chilometri da Breslavia Lukas e Dagmara ci hanno accolto in una piccola casetta di campagna che stanno ristrutturando per loro e per i due bambini Kola e Iadnenka. Abbiam passato il resto della giornata a parlare del più e del meno. Lukas e Dagnmara sono due insegnanti: sono "scappati" da Breslavia per vivere in campagna e la casetta dove abbiam soggiornato la stanno ristrutturando con le loro mani. Lukas è un grande appassionato di musica balcanica, io gli ho fatto ascoltare il saltarello delle Marche e i brani di Ivano Fossati e Francesco De Gregori che avevo portato con me (mi spiace Zio, non avevo i tuoi cd). Ai due bambini (Kola e Iadnenka) ho strimpellato con la chitarra "La casa" e "Il pappagallo" di Sergio Endrigo, due canzoni della mia infanzia, nonchè "Il palazzo di Babele" dei Gang con la tradizionale conta "unze-dunze-trenze-quaraquarenze-mera-merenze-riffe-raffe-dieci". E' stata un'emozione bellissima vedere questi due bambini che stupirsi e divertirsi pur non conoscendo la lingua italiana, non lo dimenticherò mai. Il giorno dopo abbiam girovagato per alcuni villaggi della Slesia. Abbiam visitato pure il laboratorio del dottor Frankestein. A fine giornata io e Barbara ci siam separati: lei ha preso il pulmann per rqaggiungere la comunità di Taizè (in Francia) io il treno per ritornare a Varsavia. L'ultima notte a Varsavia l'ho trascorsa da Adam, un avvocato benestante. Vive con la moglie e una bimba in un quartiere vicino al viale Giovanni Paolo II. Ha trascorso un lungo periodo in Italia (era fidanzato con un'italiana) e conosce la nostra lingua. Abbiam parlato poco ma comunque è stato un altro incontro piacevole. Un altro giro per il centro storico di Varsavia e poi subito all'aeroporto per il ritorno a casa. Son stati tredici giorni intensi, anche faticosi (per me soprattutto per la lingua) ma appaganti dal punto di vista umano. Grazie SERVAS!!! www.Servas.It Andrea V ("siamo i tacchi di una danza" - Gang)

  • 1406 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social