Balcani sail & drive

Barca a vela in Croazia e tour in auto di Montenegro e Bosnia... un viaggio completo tra mare, natura e cultura

  • di Gaia2006
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

I Balcani sono un paese ricco di sorprese da scoprire in più riprese, noi quest’anno abbiamo dedicato 15 giorni alla scoperta del sud della Croazia, del Montenegro e di Mostar, in Bosnia.

Il nostro viaggio è iniziato con la traversata in traghetto della Jadrolinea da Bari a Dubrovnik, il 10 agosto. Si parte alle 22.00 e si arriva alle prime luci dell’alba, intorno alle 07.00. Abbiamo quindi approfittato della giornata a disposizione per visitare una delle più incantevoli città dei Balcani, Dubrovnik. E’ una città davvero splendida, patrimonio Unesco, cinta da antiche mura visitabili, che offrono un punto di vista unico sulla città e sul mare Adriatico. Stradum è la via principale dove si affacciano meravigliosi edifici in pietra e da dove si diramano caratteristiche stradine in marmo piene di negozi e locali tipici. Da Dubrovnik ci siamo spostati con la nostra auto al vicino porto di Komolac dove avevamo prenotato un catamarano per accompagnarci durante la prima settimana di vacanza. Lo abbiamo noleggiato tramite il nostro broker anche se è possibile noleggiarli anche con agenzie locali. Purtroppo Adria Charter/Astarea a causa di un piccolo danno che abbiamo causato all’imbarcazione, si è comportato in maniera molto scorretta, trattenendo tutta la caparra (2.000 €) per un danno nettamente inferiore e soprattutto senza fornirci alcuna documentazione relativa alla riparazione.

Sulla strada ci siamo fermati per fare la cambusa in uno dei grandi supermercati presenti sulla strada, anche se l’ACI Marina dispone di un piccolo market ben fornito con prodotti freschi. Nel pomeriggio abbiamo preso possesso della barca anche se a causa del vento abbiamo preferito posticipare la partenza alla mattina seguente. La nostra prima tappa è stata la vicinissima isola di Kolucep appartenente al piccolo arcipelago delle Elafiti, un vero gioiello naturale. Nonostante la vicinanza a Dubrovnik le Elafiti sono poco affollate, dispongono di molte calette riparate e sono caratterizzate da fitta vegetazione mediterranea e mare blu cristallino. Decidiamo quindi di esplorarle anche il terzo giorno, per poi dirigerci alla volta di Korcula dopo un bagno nella graziosa Orebic, caratterizzata da una lunga spiaggia.

La città di Korcula sorge sull'estremità nordorientale dell'isola, accanto alla frastagliata linea costiera. Ormeggiamo nelle immediate vicinanze della città e con un taxi boat andiamo alla scoperta di questa incantevole cittadina medioevale, che pare abbia dato i natali a Marco Polo. E’ un borgo delizioso e animato, caratterizzato da bellissima mura con 2 torri, un’infinità di viuzze con negozi caratteristici e Ristorantini vista mare. La mattina seguente partiamo alla scoperta delle isolate calette dell’isola (lato sud) raggiungibili prevalentemente solo via mare, angoli meravigliosi dove il blu del mare si confonde con il verde della vegetazione. Puntiamo poi alla volta di Lastovo, un’isola fuori dalle destinazioni più comuni, forse perché isolata e poco conosciuta, forse perché era una base della Marina Militare Croata fino al 1992. Nasconde delle calette accoglienti e caratterizzate da mare azzurro intenso, un vero paradiso, e tantissime rade dove passare la notte. Il mare è calmissimo, la navigazione molto tranquilla. Ci spostiamo lentamente sul lato sud dell’isola e ci fermiamo nelle numerose isolette che separano Lastovo da Mijlet. A Mijlet sembra il tempo si sia fermato. Il mare calmissimo e dai colori incredibili, la natura rigogliosa, un profumo intenso di vegetazione mediterranea fanno da cornice a calette isolate. Due delfini ci accompagnano per un buon pezzo della navigazione, quasi a rinforzare questo immenso senso di pace. Nuotando nell’acqua azzurrissima vediamo tantissime stelle marine, indice di un’ottima qualità del mare. Ci fermiamo prima nel lato Ovest dell’isola, per spostarci il giorno seguente nella zona della spiaggia di Saplonara, fermandoci nella caletta prima, dove uno strato di rocce divide il mare da una tranquillissima spiaggia. Mijlet è nota per essere la più verde delle isole mediterranee, oltre che per essere un parco Naturale, quindi decidiamo di tornarci anche la settimana che visiteremo la Croazia da terra. Il nostro viaggio in barca è giunto quasi al termine, giusto il tempo per visitare Sipan, appartenente all’arcipelago delle Elafiti e rientrare nel nostro porto. Ci aspetta una piacevole serata a Dubrovnik, che di notte, illuminata con mille luci scenografiche, splende in tutta la sua magnificenza. In 5 minuti di auto siamo al centro città e dopo una piacevole passeggiata ci rechiamo a cena alla Locanda Peskarija. Il personale è molto cortese ed i piatti buoni, con un buon rapporto qualità/prezzo. La scelta del menù non è molto varia e offre prevalentemente piatti di mare

  • 7896 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social