Lasciarsi scoprire dallo Yucatan

VADO IN MESSICO Se siete stati in Messico vi sarà probabilmente rimasto dentro per sempre qualcosa di indefinito che di tanto in tanto riaffiora, rallentando i vostri tempi e i vostri pensieri. Dopo sette anni (un numero magico) divisi equamente ...

  • di Marco Lotito
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in gruppo
    Spesa: Fino a 500 euro
 

VADO IN MESSICO Se siete stati in Messico vi sarà probabilmente rimasto dentro per sempre qualcosa di indefinito che di tanto in tanto riaffiora, rallentando i vostri tempi e i vostri pensieri. Dopo sette anni (un numero magico) divisi equamente tra Italia e Messico, Roma e Caribe, Colosseo e Piramidi, ho rinunciato definitivamente a capire questo potere occulto che mi attrae e respinge allo stesso tempo. Del Messico ho capito sulla mia pelle che non ci si può mai liberare del tutto: non è solo amore, è amore/odio, un rapporto sempre incompiuto che ti lascia a volte con l’amaro in bocca, altre volte ti sorprende piacevolmente, come in fondo sa fare giorno per giorno questa “pinche vida”, che vale sempre la pena vivere. Molto spesso si giudica solo dalle apparenze, e nel caso dei caraibi messicani credo che questo accada alla maggior parte dei distratti turisti che arrivano con le-pinne-le-maschere-gli-occhiali a bordo di charters strapieni. Pochi sanno o hanno voglia di cercare al di là della bianchissima spiaggia e del villaggio con tutti i confort. In realtà lo Yucatan non è solo una destinazione turistica in rapidissimo sviluppo, ma un luogo da sempre sacro ai maya dove si sta manifestando in tutta la sua cruda realtà una profezia iniziata migliaia di anni fa: la lotta per la conquista degli spazi tra l’uomo e la natura. Ma anche la vittoria della lentezza sulla velocità. I maya infatti insospettabilmente hanno qualcosa di molto profondo in comune con tanti bikers: sanno apprezzare la lentezza, e ascoltare le vibrazioni, rimanendo così legati al lamento vitale della madre terra come attraverso un continuo tam tam. Quest’anno tutto sembrava esattamente simmetrico al mio primo viaggio in Messico: incontravo sulla spiaggia persone conosciute nel '97, ero tornato ad aiutare mio fratello alla Posada Barrio Latino, addirittura mi entrava di nuovo il costume di quei tempi, che era rimasto forzatamente rinchiuso nel cassetto. Dallo stesso cassetto uscivano uno alla volta ricordi e progetti ormai accantonati, come quello del “Grateful run” uno “strange long trip” ispirato dai Grateful Dead. Ogni cosa si stava allineando sistematicamente, come parentesi che si chiudono. Finalmente poi è arrivato il mese di marzo, il mese più magico dell’anno. E’ tornato l’Abuelo, uno sciamano Huichol di 108 anni, che è giunto a Playa del Carmen dal deserto del Nayarit, dopo un lunghissimo viaggio. Ho avuto l’onore di partecipare a una sua cerimonia nella selva, in una notte di luna piena, in cui la Natura ha parlato una lingua sconosciuta eppure ha lasciato a ciascuno di noi un messaggio ben chiaro. Avevo ancora dentro il mio corpo la “medicina” del marakamè quando da Roma sono arrivati anche Geronimo e Alessandra.

In pochi giorni altre cose si sono allineate. Dovete sapere infatti che solo da poco tempo a Playa vive un finlandese. Prima di fermarsi Eikka ha girato il Sud America in moto, poi ha pensato bene di investire i suoi soldi in qualcosa che avesse a che fare con la sua passione più grande e non gli impedisse di passare gran parte del tempo in spiaggia. Adesso affitta HD. Seduti al Cafè de la Luna sorseggiando una Modelo Especial ghiacciata abbiamo cominciato a parlare di moto, di viaggi e di altre cose altrettanto mistiche.

L’Equinox Run è nato così: partiremo da Playa del Carmen la mattina del 22 marzo per raggiungere il sito archeologico di Chicen-Itzà dove in occasione dell’equinozio di primavera si riuniscono ogni anno decine di migliaia di persone per osservare l’ombra del sole disegnare il serpente piumato sulle scale del Castillo, l’imponente piramide

  • 606 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social