Vulcano for Family

Mentre alle 6:15 guardavo l'alba dal finestrino dell'auto, riflettevo come fossero strane le circostanze: dopo 23 anni, finalmente tutta la mia famiglia riunita si accingeva a viaggiare insieme. Fra lavoro, università e impegni vari, è stato ovviamente difficilissimo organizzare ben ...

  • di Piè 1
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Mentre alle 6:15 guardavo l'alba dal finestrino dell'auto, riflettevo come fossero strane le circostanze: dopo 23 anni, finalmente tutta la mia famiglia riunita si accingeva a viaggiare insieme. Fra lavoro, università e impegni vari, è stato ovviamente difficilissimo organizzare ben cinque persone – la cui età varia dai 12 ai 45 anni – per una mega-gita nell'isola di Vulcano, a 20 km a nord della costa siciliana.

Il viaggio, in realtà, non è stato troppo disagevole: io e la mia famiglia siamo originari di Palermo, dove tutt'ora viviamo... Anche se io, da appena un anno, mi sono trasferito a Roma per studiare. In ogni caso, abbiamo preferito prendere il traghetto da Milazzo (208€ andata e ritorno con l'imbarco dell'auto incluso), visto che il viaggio marittimo da qui dura soltanto un'oretta. Molto rilassante, peraltro. Abbiamo prenotato con leggero anticipo anche l'albergo (mezza pensione), consigliatoci da un nostro parente ormai assiduo frequentatore dell'arcipelago. Il costo per due stanze – una doppia per i miei genitori e una tripla per noi (scapestrati) figlioli – è stato di circa €1.174, con una media di 65€ a persona. Non tanto, visto che due giorni dopo il nostro arrivo è scattata l'alta stagione e, con questa, sono lievitati i prezzi... Arrivati al porticciolo di Vulcano, il primo irrefrenabile desiderio che sorge spontaneo a tutti i neo-colonizzatori è uno solo: fuggire! La puzza di zolfo che ha investito i nostri delicati nasini di città è stato uno schiaffo a bruciapelo. Ma ci siamo subito rincuorati a vicenda: secondo qualcuno, 24 ore sull'isola bastano a far dimenticare l'odore persistente...! No, non è affatto vero: si deve semplicemente imparare a conviverci.

Quello che offre Vulcano è tanto, tanto relax. La vacanza che abbiamo deciso di goderci è una di quelle tipiche gite in cui gli unici pensieri sono “Che si mangia a cena?” e “A che spiaggia si va, oggi?” e Vulcano non aiuta di certo, vista la grande possibile di scelta. Le spiagge sono di due tipi: rocciose – nelle quali è opportuno portarsi delle resistenti infradito o scarpette di gomma – e di sabbia nera – che si comporta come la sorella più chiara, solo che la varietà di origine lavica splende e luccica al sole ed è quindi molto più bella da vedersi. Sono molto numerose e, forse per via del periodo, molto, molto tranquille. A questo proposito, devo scoraggiare chi cerca divertimento sfrenato da discoteca: Vulcano è molto tranquilla, più per un target di età medio-alta che per giovani. Invece, le isole vicine offrono i classici divertimenti da vacanza in spiaggia, come locali e discoteche. Un'esperienza che consiglio tantissimo è la gita che tocca Panarea, Stromboli e Strombolicchio – il vecchio faro. (Il costo sarebbe anche stato di 35€ a persona, ma avendo trovato il pr in un momento particolarmente “ok”, abbiamo accettato la gentile offerta di pagare quattro quote anziché cinque anche se immagino che tali sconti non siano poi così tanto rari).

La gita è bellissima. Sono stato poche volte su una barca, ma vedere la piccola imbarcazione (una 20ina di metri di lunghezza, due piani) che tagliava le onde, sentire gli schizzi d'acqua sul viso e sentire la pelle chiedere pietà per il sole (crema! Crema! Crema!) è stato davvero emozionante, senza contare poi i bellissimi posti che abbiamo visitato.

Dopo, infatti, un rapido scalo a Lipari per raccattare altri passeggeri, abbiamo iniziato a veleggiare seguendo un tragitto che ci ha portato verso numerosi scogli e isolette che costellano il comune. A poca distanza da una corta lingua di terra altamente montuosa, il capitano ha fermato la barca e ha annunciato il momento che tutti aspettavamo: il bagno! L'acqua fresca ha dato sollievo alla nostra pelle scottata. Lasciarsi cullare dalle ondine in alto mare è stato molto rilassante. Neanche tanti pericoli, poi, a cui far attenzione: giusto due meduse di un rosso acceso in lontananza. Risaliti a bordo, una sorpresa: un ragazzino aveva catturato un polpo sott'acqua! Dopo esserci asciugati, siamo arrivati a Panarea, un piccolo borgo fatto tutto di piccole case bianche. Complice l'ora (h 15:30), l'isola era molto tranquilla. Liberi dal resto del gruppo, noi cinque temerari ci siamo addentrati per stradine e vicoletti, riuscendo a trovare un ottimo pastificio dove abbiamo gustato buonissimi dolcetti al pistacchio, molto comune nelle isole. Tutto alla perfezione, quindi, se io e le mie sorelle non avessimo guadagnato una pessima figura con una ragazza: abbindolati da una ripida stradina che dava sul porto, siamo saliti in cima sedendoci poi su una panchina naturale dinanzi un portone chiuso. Peccato che, mentre bivaccavamo, ci è stato chiesto con estrema cortesia di allontanarci, visto che quella era proprietà privata e che, data l'estrema pendenza della strada, ci sarebbe potuto accadere qualcosa inciampando... Una volta scesi, la proprietaria ha messo una bella catena a chiudere la via con tanto di cartello “Divieto d'accesso” in bella vista. Sigh

  • 2559 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social