Alle Eolie in barca a vela!

Velisti allo sbaraglio nell'arcipelago siciliano, tra Panarea, Salina, Lipari, Stromboli e Vulcano
 
Viaggiatori: 9
Spesa: 2000 €

GIORNO 1

Appuntamento al porto di Tropea per un rapido briefing e per prendere possesso della barca a vela: la Clizia. Quindici metri di vetroresina presi a noleggio, ma praticamente nuovi che avrebbero cullato il nostro desiderio di svago e libertà per i successivi sette giorni. Il gruppo dei velisti allo sbaraglio è composto da otto membri; il nono si sarebbe accodato alla truppa dopo un paio di giorni. Un gruppo eterogeneo ma affiatato nel quale ognuno riconosce immediatamente per indole o per necessità il proprio ruolo in barca. Abbiamo anche le magliette tutte uguali da vero equipaggio: fondo blu con bordi bianchi, il nome della barca ricamato sul petto e il ruolo nella squadra stampato sulle spalle. Considerando la caratura tecnica del gruppo, questo vezzo è davvero eccessivo! Ma, in fondo, al di la della vacanza in barca, la voglia di provare ad andare davvero un po’ a vela lo abbiamo tutti. Si sale a bordo! I “tecnici” del gruppo verificano strumentazioni e dotazioni dello scafo, scambiando di quando in quando qualche battuta a voce alta, forse per far credere ai vicini di barca che ci sappiamo fare davvero. La manovalanza sottocoperta, invece, smentisce subito quell’apparenza imprecando nel tentativo di aprire qualche scomparto del cucinino, manifestando, così, la propria natura da meri turisti fai da te! La gara per accaparrarsi la cabina migliore viene sospesa perché il fatto non sussiste: il design interno, comodo e piuttosto simmetrico, offre quattro ampie cabine doppie molto simili tra loro e tutte con bagno. La gara, pertanto, diventa quella per trovare il compagno di materasso meno rumoroso durante il sonno. Ma tanto sappiamo bene che le ore di sonno saranno davvero poche! Lasciamo all’amico ritardatario la cabina dello skipper a prua: i meno poetici la definirebbero più piccina ed un po‘ isolata, i veri velisti, invece, colgono il regno del vero lupo di mare. Un’ultima occhiata alla cambusa per gli acquisti dell’ultimo minuto. È trascorsa qualche ora da quando abbiamo indossato le magliette da equipaggio e la frescura della sera inizia a farsi sentire. Fuori dal porto il mare sembra un po’ agitato ma i bollettini meteo ci confortano. Tutto è pronto. Molliamo le cime ed iniziamo il nostro viaggio.

Abbiamo scelto la traversata notturna, consapevoli che non sarà una passeggiata ma vogliamo qualcosa di speciale per il nostro viaggio. La brezza soffia leggera e la smania di issare le vele è troppa per non cedere. Uno sguardo di intesa, qualcuno indossa i guanti ed il timoniere dà il via alle manovre. Alcuni di noi ci sanno fare davvero, qualcun altro, invece, quando sente il verbo “cazzare” crede che qualcuno si sia arrabbiato! Forse visti da lontano sembriamo un po’ goffi, non siamo perfettamente sincronizzati ma riusciamo a muoverci discretamente. Le vele salgono veloci, il vento inizia a spingerci con impeto delicato e la barca va! Ce l’abbiamo fatta, non siamo poi così malaccio! Ti guardi intorno, il colpo d’occhio è di quelli che non dimenticherai più: sei con i tuoi più cari amici, il sole fa l’occhiolino nascondendosi dietro l’orizzonte e tu guardi lontano senza sapere dove, respirando la salsedine con il vento nei capelli. Le urla concitate della manovra non si sentono più, siamo tutti in silenzio, ci godiamo quel momento con le gambe a penzoloni fuori dalla murata: qualcuno alza il naso per guardare la cima dell’albero, qualcun altro cerca di sfiorare l’acqua mentre lo scafo si inclina dolcemente e scivola sulle onde. Un’immagine che ha del romantico inteso alla tedesca, quasi dell’eroico ma l’imprevisto è alle porte. L’onda lunga bussa allo scafo e alcuni dei naviganti trascorrono il resto della traversata con la testa fuoribordo! Prima dell’alba giungiamo in “vista plotter” della rada di Panarea: una schiera di alberi illuminati in cima ondeggia placida per darci il benvenuto. L’isola del divertimento dorme ancora.

GIORNO 2

Risveglio con calma e un salto sulla terraferma per la colazione a base di granita e cornetti. Prendiamo i contatti del caso dato che, essendo ormeggiati in rada, la discesa a terra non è agevole nè di mattina nè di notte. Poi molliamo gli ormeggi con destinazione Cala Junco. Giungiamo in questa piscina naturale racchiusa da pareti rocciose in una giornata meravigliosa: calda ma non torrida. Un bagno nelle acque trasparenti le cui sfumature vanno dal turchese al verde, ma anche un bagno di folla: l’insenatura, infatti, è presa d’assalto dai barcaroli come noi! Bloccata la fame con un vassoio di arancini di riso, riprendiamo la navigazione tra i numerosi isolotti che circondano l’isola: le Formiche, i Panarelli, Bottaro, la piramide di Dattilo e la Lisca Nera.

Decidiamo di fermarci alla Lisca Bianca, dove proviamo anche un’ardita manovra per accostare una vela piena di fascinose turiste! Altro bagno ma stavolta muniti di maschera: siamo al centro dell’antico vulcano la cui attività subacquea è testimoniata da miriadi di bollicine che risalgono allegre verso la superficie. Una puntata alla Grotta degli Innamorati (speranzosi di ingraziarci la benevolenza delle divinità locali in previsione della serata in discoteca!) e poi via dalla Lisca Bianca per completare la circumnavigazione di Panarea. Ultimo bagno della giornata nella quiete di Basiluzzo: ci godiamo un po’ di relax ammirando dall’acqua le sue coste alte e frastagliate. Il sole ci ha rosolati a puntino e la salsedine tira piacevolmente la pelle: è il momento di issare le vele per rientrare in rada. I puristi della vela inorridirebbero, forse, a vedere le nostre manovre ma noi ce la mettiamo tutta e, soprattutto, ci divertiamo! Qualcuno chiede a quanti nodi siamo arrivati, qualcun altro, più pragamatico, richiama l’attenzione della ciurma per evitare una scuffia che, data la stazza della Clizia, violerebbe le leggi della fisica… ma, nelle nostre mani, nulla è impossibile! Scendiamo a terra con le stesse difficoltà del mattino, dato che due soli gommoni fanno la spola tra la rada e la marina. Pareo in vita, ci addentriamo nelle stradine fiancheggiate dalle tipiche case bianche eoliane e picchiettate dai vivaci colori delle bouganville e degli hibiscus, pronti ad una folle serata tra i baretti e la movida di Panarea, l’isola dei vip!



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Eolie
    Diari di viaggio
    giro della sicilia

    Giro della Sicilia

    Dopo aver passato le ultime estati in giro per l’Europa, finalmente si torna nella mia terra d'origine: Sicilia! È stata una bellissima...

    Diari di viaggio
    a zonzo per le eolie: alla scoperta delle sette sorelle

    A zonzo per le Eolie: alla scoperta delle “sette sorelle”

    Quest’anno, per varie vicissitudini, le vacanze le ho trascorse con Luigi, un mio amico di lunga data. La meta prescelta sono state le...

    Diari di viaggio
    un meraviglioso viaggio alle eolie

    Un meraviglioso viaggio alle Eolie

    tutto è perfetto: ombrelloni e lettini nuovissimi; silenzio e relax - soprattutto nelle ultime postazioni (dalla 35); pulitissimo e ben...

    Diari di viaggio
    sicilia fai da te

    Sicilia fai da te

    Chi arriva per la prima volta in Sicilia rimane profondamente colpito dalla varietà del paesaggio. La giusta posizione di paesaggi marini,...

    Diari di viaggio
    ancora sicilia: isole eolie

    Ancora Sicilia: Isole Eolie

    Anche quest'anno la Sicilia, come una sirena, ci ha attirato con le sue bellezze. E’ la volta delle Isole Eolie! Dopo aver visionato...

    Diari di viaggio
    sicilia tra terra e mare

    Sicilia tra terra e mare

    Quando io e mia moglie abbiamo iniziato a programmare le nostre ferie estive e lei propose la Sicilia rimasi inizialmente perplesso perché...

    Diari di viaggio
    in giro per la sicilia e in vetta al monte etna

    In giro per la Sicilia e in vetta al Monte Etna

    Val di Noto, Catania, Acicastello e Acitrezza, Giardini Naxos, Etna, Taormina, Castelmola, Taormina, Lipari e Vulcano. Ma sopratutto tanto...

    Diari di viaggio
    vacanze alle isole eolie 2

    Vacanze alle Isole Eolie 2

    Quest’anno le nostre vacanze estive iniziano con alcune novità! La prima è il periodo scelto, non più il mese di luglio ma settembre,...

    Diari di viaggio
    isole eolie mini vacanza nelle ali di un gabbiano

    Isole Eolie mini vacanza nelle ali di un gabbiano

    Sono le 6.30 mi sveglio c’è già una luce che entra dalla finestra, è l’alba, mi alzo e ho l’anticamera completamente piena di...

    Diari di viaggio
    isole eolie, sette isole in sette giorni

    Isole Eolie, sette isole in sette giorni

    Come trascorrere una stupenda vacanza alle Isole Eolie. 2 coppie. Abbiamo prenotato una villa vacanza sull'isola di Vulcano, la prima delle...