Malesia e Borneo, un mondo a parte

Dieci giorni tra mare, barche, giungle e trekking

  • di saraemathia
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Milano Malpensa, 17 agosto ore 15.55, si parte. Mesi di organizzazione e preparativi per il viaggio fai da te verso la terra del Borneo diventano realtà. Voleremo Qatar.

La partenza prevista per il mese di agosto ci porta a cercare i voli già nel mese di marzo navigando su tutti i siti di nostra conoscenza, avrà la meglio Expedia che ci propone un'andata su Kuala Lumpur e un ritorno da Bangkok, perfetto per il nostro tour. La compagnia Qatar è molto ben quotata e recensita e quando troviamo il volo a 696 euro per persona clicchiamo e prenotiamo. Le aspettative saranno interamente confermate. Il volo è in perfetto orario, il personale di bordo saluta regalando caramelle, ci dotano di coperta e di un kit per la notte comprensivo di mascherina, calze, dentifricio, mini spazzolino e tappi per le orecchie. L'intrattenimento di bordo è davvero sorprendente, film in italiano, giochi e musica fan si che il tempo scorra più veloce del previsto e in un attimo siamo a Doha nell'aeroporto della compagnia di bandiera. Sarà che siamo stanchi, sarà che è notte fonda ma questo scalo in terra emirata proprio pare devastante. Sosta di circa 2 ore e si riparte alla volta di Kuala Lumpur.

18/08/2010 Kuala Lumpur

Ore 14:55 come da programma. Il caldo menzionato in ogni diario di viaggio lo riconosciamo immediatamente. Arriviamo in centro utilizzando il Klia Express ovvero il treno veloce che in 28 minuti di orologio e senza fermate ci porta direttamente alla KL Central, la stazione centrale di Kuala Lumpur. Il servizio è molto comodo anche se caro per lo standard malese, ma in ogni caso un taxi vi costerà di più. Paghiamo 17 Euro a persona per andata e ritorno. Una volta in stazione saltiamo sul primo taxi disponibile e sicuramente non c'è da aspettare più di un minuto ed arriviamo allo Sheraton Hotel prenotato su Expedia con un'offerta al 30%, 75 Euro a camera a notte con colazione già compreso del supplemento vista Petronas (irrinunciabile). Il nome è una garanzia, il livello dei servizi è degno del nome che porta, la hall interamente in marmo chiaro dona subito un senso di lusso e pulizia, il personale è cordiale e completamente a disposizione degli ospiti.

Consiglio: non prenotate mai il taxi direttamente in hotel, lo pagherete 3 volte tanto, scendete in strada e non sarà difficile trovare un'offerta decisamente migliore.

Decidiamo di non perdere tempo e di adeguarci immediatamente al fuso orario locale, scendiamo per goderci il tramonto sulla torre del Menara. Prima fregatura: il taxi prenotato dall'hotel! Per carità, avevamo la scritta "taxi limousine" ma pagare il prezzo 3 volte tanto proprio pare eccessivo. La vista dall'osservatorio è spettacolare e noi siamo fortunati, è quasi sereno e il cielo si colora finchè non diventa buio per poi riaccendersi con le luci della città.

Seconda fregatura del nostro primo giorno il Malesia: il ristorante. Vuoi andare fino a Kuala Lumpur e non cenare nel più famoso ristorante girevole del sud-est asiatico? Si, evitate. 80 Euro in due e una cena per 3, un bacarozzo grosso e nero si aggira tranquillo in nostra compagnia alla ricerca del dolce preferito! Se proprio non potete fare a meno di questa onerosa esperienza è rigorosa la prenotazione, andate sul sito del Seri Angkasa Restaurant e lasciate i vostri dati via mail, vi risponderanno nel giro di poco. E' quasi notte ma il nostro fisico regge ancora e decidiamo di andare a fare due passi raggiungendo le Petronas, la vista ripaga la fatica.

19/08/2010 Kuala Lumpur - Batu Caves - Lake Gardens - Kampung Baru

Oggi giorno dedicato alla visità della città, il tempo è poco ma con un pò di buona volontà e tanti tanti passi si riescono vedere le parti principali della capitale. Mettetevi comodi e vestiti leggeri, girare a Kuala Lumpur non è così complicato come indicato dalla Lonely Planet, il traffico è intenso ma con un pò di attenzione non si corrono pericoli. Partiamo presto per la visita alle Batu Caves, le grotte situate a circa 13 Km dalla capitale che ospitano al loro interno templi e divinità hindu. Siamo tra i primi e veniamo accolti poco calorosamente da piccioni e macachi in cerca di cibo. La gita è alquanto scontata ma tappa d'obbligo. Ingresso gratuito e nel giro di un quarto d'ora se non si prosegue per altre grotte si riescono a visitare tranquillamente. Torniamo in centro e iniziamo il nostro giro da Little India, è presto e mentre percorriamo le strette vie che la caratterizzano i primi ambulanti montano il proprio banchetto e pian piano tutto si colora. Il cibo non manca, in malesia non resterete mai senza mangiare

  • 34351 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social