Sette giorni in Giordania

Appunti di viaggio - Tour in Giordania 2-9 ottobre 2008 1 La prima impressione non è negativa. Il viaggio dall'Italia si svolge con un Airbus della Royal Jordan Airlines dotato di comodi sedili e con graziose hostess assoldate in Tailandia. ...

  • di COMMA22
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in gruppo
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Appunti di viaggio - Tour in Giordania 2-9 ottobre 2008 1 La prima impressione non è negativa.

Il viaggio dall'Italia si svolge con un Airbus della Royal Jordan Airlines dotato di comodi sedili e con graziose hostess assoldate in Tailandia.

A fianco è seduta una cingalese dall'età indefinibile (30-40) che torna a casa a trovare il figlio. Ha una lunga sottana nera con complicati ricami e inserzioni di perline e ovali in osso; il dialogo è difficile perché parla solo un italiano minimale, fa la cameriera sul lago di Garda. Fa tappa ad Amman per ripartire per lo Sri-lanka.

L'aereo arriva puntualissimo e le operazioni all'aeroporto sono rapide. Lascia un po' a desiderare il pullman ma ci assicurano che dal giorno dopo ne avremo uno migliore.

Amman si presenta bene, si vedono all'ingresso della città piante attorno alla strada e persino delle aiuole fiorite. E' solo un piccolo inganno che riesce solo perché è buio e non si può vedere lontano. Nell'albergo a quattro stelle c'è una grande baraonda perché al piano terra c'è una rumorosissima festa di matrimonio. Ci danno una incredibile camera con soggiorno, quasi un miniappartamento.

Con la luce del giorno ci si accorge di come le bianche case siano costruite una a ridosso dell'altra in un disordinato continuum. C'è qualche raro albero vicino alle case, sono minimi o mancano gli spazi pubblici.

Si parte per Madara. La strada è bordata da una fila di piccoli pini oltre ai quali sono i campi. Gli alberi sono belli ma frammezzati da grandi quantità di rifiuti, prevalentemente contenitori di plastica e alluminio per bevande. Sui campi solo dopo accurate osservazioni capisco che quelle curiose piante nere sono dei piccoli cespugli su cui si sono impigliati frammenti di plastica nera portati dal vento. Non piove praticamente da sei mesi e di colore verde sono solo gli alberi, per alcuni dei quali si è provveduto portare l'acqua con chilometrici tubi.

2 Madara è una piccola città con un traffico caotico, negozi di tutti i tipi tra i quali anche quelli di polli, che sono conservati vivi in piccolissime gabbie dentro nello stesso negozio. Suppongo che uno scelga il pollo che gli piace e che glielo "preparino" al momento; non credo che l'odore sia splendido.

In una bottega di meccanico domina il colore nero del grasso: da quando ha cominciato a funzionare l'officina non è mai stata ripulita.

La città è famosa per i mosaici. Il più celebre è in una chiesa ortodossa: è una mappa molto importante della zona, palestina compresa, di epoca bizantina.

In Giordania ci sono delle minoranze cattoliche e ortodosse; comunque la religione è importantissima e uno che non è musulmano o cattolico o ortodosso, non può essere un cittadino giordano perché, penso, non potrebbero completarne la carta di identità alla riga "religione".

Un grandioso terremoto del settimo secolo dc ha spianato case e chiese ed oggi sono visibile dei mosaici a pavimento di quelle costruzioni che non hanno subito ristrutturazioni importanti.

Non lontano si "scende" al monte Nebo che guarda sulla rift-valley, che va dalla Siria al Mozambico per 5000 km, dove il Giordano sfocia nel Mar morto.

Da lì Mosè avrebbe visto la terra promessa cui non sarrebbe mai arrivato. I frati francescani con donazioni, praticamente tutte italiane, stanno rimettendo in piedi vecchie costruzioni. Un serpente di metallo, ispirato dalla bibbia, è posto a simbolo del monte, accontentando cristiani e musulmani. Nella valle si vede Betania, Gerico mentre Gerusalemme più lontana è coperta dalla foschia

  • 1357 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social