Giordania breve ma intensa

A proseguimento del nostro viaggio di nozze, Francesca e io giungiamo ad Amman alle 18.00 di sera. Non avendo pressoche’ dormito la notte precedente, decidiamo che non visitaremo la capitale giordana e decidiamo di rimandare le nostre velleita’ turistiche al ...

  • di il bes
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

A proseguimento del nostro viaggio di nozze, Francesca e io giungiamo ad Amman alle 18.00 di sera. Non avendo pressoche’ dormito la notte precedente, decidiamo che non visitaremo la capitale giordana e decidiamo di rimandare le nostre velleita’ turistiche al giorno dopo.

Noleggio auto con Europcar (scarsa conoscenza dell’inglese e inoltre ho pagato in loco anche se avevo prepagato e pertanto sono in attesa di rimborso), macchina dignitosa.

Guidare in Giordania non e’ particolarmente semplice, c’e’ molta indisciplina e anche le segnalazioni sebbene ci siano, spesso traggono in inganno chi e’ abituato ai criteri europei. Per fortuna sia sul Mar Morto che nella Strada dei Re c’e’ poco traffico e cio’ permette di districarsi abbastanza agevolmente.

Partiamo alla volta di Petra passando dalla Valle dei Re.

La prima sosta e’ Madaba, cittadina carina e con un imperdibile mosaico all’interno di una chiesa ortodossa. Il mosaico, di origine bizantina, rappresenta una mappa della Giordania e della Palestina e si puo’ riconoscere Gerusalemme. E’ molto celebre e rappresentato ovunque, vederlo dal vivo e’ davvero una bella emozione! I prezzi giordani sono pero’ assolutamente in linea con l’Europa e gli ingressi sono spesso belli salati...Abituati all’Iran ci diventa un po’ difficile accettare di buon grado.

Da Madaba, visto che e’ presto, decidiamo di fare una deviazione verso il Monte Nebo e poi Mar Morto. Il Monte Nebo, quello sulla cui cima sarebbe morto Mose’, e’ in una zona estremamente selvaggia, a pochi chilometri di deviazione da Madaba. Il paesaggio si fa montuoso e brullo, ma anche molto affascinante. Sulla cima del monte si erge un antico monastero anch’esso ricco di mosaici bizantini che sicuramente vale la visita. Dalla balconata si nota che il panorama scende bruscamente e in lontananza si scorge il Mar Morto.

Saliamo in macchina e ci dirigiamo verso il Mar Morto, non prima pero’ di tentare una visita al sito nel quale sarebbe stato battezzato Gesu’. Arrivati nel parcheggio ci accorgiamo pero’ che si puo’ solo accedere con visita organizzata e costa ben 7 EUR. Come se non bastasse la visita dura due ore! Francesca e io ci guardiamo e scappiamo! Costeggiare il Mar Morto si rivela estremamente piacevole, non fosse che la strada e’ disseminata da posti di blocco. Del resto si vede perfettamente l’altra sponda di appartenenza palestina e si capisce che la zona oltreche’ turistica e’ anche parecchio militarizzata. La polizia giordana e I soldati sono comunque estremamente cortesi, non chiedono mance ne’ assumono posizioni arroganti. Ne’ fanno perdere troppo tempo, cosa estremamente apprezzata, visto che di tempo ne abbiamo davvero poco! Con nostra sorpresa accedere alle rive del Mar Morto si rivela piu’ difficile del previsto, infatti le rive sono piuttosto scoscese. Dato che non vogliamo andare presso un hotel con tanto di spiaggia, ma vogliamo trovare una via un po’ piu’ “clandestina”, fermiamo l’auto in un posto pressoche’ deserto e iniziamo una lenta discesa che ci porta a bagnarci le mani nel mitico Mar Morto. Lo scenario e’ bellissimo, siamo sotto il livello del mare, in lontananza ci sono monti piuttosto alti, come il Nebo e altri dai quail il dislivello e’ piuttosto considerevole e dall’altro lato della strada ci sono delle rocce spioventi di un colore rosso intenso che nascondono dei canion che raggiungono il cuore della Giordania. Ci si gira e si vede l’azzurro del mare e il bianco del suo sale, e la Palestina sull’altra riva! Magnifico! Ripartiamo in macchina e proviamo a fare una strada nuova per rientrare verso Madaba e si rivela una buona scelta, infatti scaliamo letteralmente un paio di montagne tra cammelli e scenari molto suggestivo, con il Mar Morto sempre piu’ piccolo alle nostre spalle e montagne semidesertiche trai cui tornanti ci avventuriamo

  • 1988 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social