I popoli più incredibili del mondo

…un viaggio indimenticabile, l’esperienza più bella e significativa della mia vita… Finalmente si parte… destinazione Etiopia. Perché Etiopia? E’ ormai da anni che io e Bicio viaggiamo in Africa e il nostro desiderio era quello di avventurarci in un safari ...

  • di Anto1979
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

...Un viaggio indimenticabile, l’esperienza più bella e significativa della mia vita... Finalmente si parte... destinazione Etiopia. Perché Etiopia? E’ ormai da anni che io e Bicio viaggiamo in Africa e il nostro desiderio era quello di avventurarci in un safari non organizzato, nel Corno d’Africa e visto che da anni io e la mia famiglia abbiamo adottato una bambina Etiope cogliere quest’occasione per andare a farle visita.

Il nostro viaggio è durato circa 12 giorni, abbiamo visitato tutta la parte centro meridionale spostandoci con una jeep prenotata su internet all’agenzia Lake tana tour, dall’Italia con un autista Etiope, Zaza.

Il nostro viaggio è stato dedicato principalmente al sud in particolare dove vivono le più incredibili etnie africane come i Karo, i Mursi, gli Hamer e i Banna, la zona dell’Omo River.

Siamo partiti alla fine di maggio, il periodo migliore per i visitare i posti del nostro itinerario studiato mesi e mesi prima evitando così la stagione delle piogge.

I primi giorni li abbiamo trascorsi con Paolo e la sua famiglia, il missionario laico che si occupa delle adozioni a distanza.

Finalmente dopo tanta attesa ci troviamo all’aeroporto di Milano Linate da dove partiremo verso Francoforte con la compagnia Lufthansa e poi rotta verso Addis Abeba. Trattamento a bordo anche per noi che viaggiavamo in economy eccezionale, personale molto gentile, cibo e bevande ottime.

Arriviamo ad Addis Ababa che è sera e il missionario dell’adozione cui sono in contatto ci viene a prendere all’aeroporto con la sua famiglia e ci accompagna prima a mangiare un boccone e subito dopo a trascorrere la notte dalle “Franciscan Missionaries of our lady” per poi partire la mattina seguente verso la Diocesi.

Lui si chiama Paolo è un missionario laico Friulano che ha rinunciato di vivere e lavorare in Italia per dedicarsi al prossimo in una povertà senza limite, villaggi abbandonati a se stessi nel cuore dell’Africa più povera.

La Diocesi si trova ad Endibir dove ci porterà la mattina seguente.

I primi tre giorni li abbiamo trascorsi con lui cosi ci ha portati un po’ a vedere la vita nei villaggi, i bambini nelle scuole, i suoi progetti, la chiesa, i lavori insomma tutta un’altra realtà dalla nostra. La gente vive in capanne di paglia dove non arriva ne acqua ne luce e l’unica cosa che c’è dentro è un fuoco acceso e, chi se lo può permettere un paio di mucche. Non esistono ne armadi ne tavoli ne letti sui quali dormire... esistono solo i sorrisi dei bambini e l’ospitalità della gente che anche se non ha nulla è disposta ad offrire quel poco che ha... Il giorno prima della nostra partenza grazie al bel tempo visto che quando arriva la pioggia le strade sono impraticabili, ci ha portati a trovare Girma la bambina in adozione.. Un emozione unica ed indescrivibile ma non solo per lei ma per tutti quei bambini che non hanno nulla davvero e sono sempre col sorriso sulle labbra. Ripartiti da Yeseshie che è situato a 2400 metri siamo tornati alla Diocesi per preparare le valigie che la mattina seguente avremo iniziato il nostro tour.

4° giorno: Arba Minch Partenza all’alba con Paolo che ci ha accompagnati a Wolisso dove ci aspettava Zaza, il nostro autista Etiope. Dopo un forte ringraziamento di cuore per tutto quello che ha fatto Paolo per noi l’abbiamo salutato e siamo partiti per raggiungere Arba Minch, nostra prima destinazione.

Siamo passati da Hossaina, Sodo dove ci siamo fermati per il pranzo, abbiamo costeggiato tutto il lago Lake Abaja l’unico balneabile di tutta l’Etiopia. Arrivati a destinazione abbiamo scelto l’hotel dalla mitica guida Lonely Planet e dopo averlo visto abbiamo deciso di alloggiare per la prima notte

  • 10046 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. giusyg
    , 29/5/2012 18:32
    ciao...per caso è possbile mettersi in conttato con l'autista che vi ha guidato in questa meravigliosa esperienza? oppure avete un'agenzia locale da suggerici per un tour nel sud dell'etiopia, per favore?


    grazie e ciao


    Giusi
  2. Turisti Per Caso.it
    , 28/9/2010 15:03
    @sharkyta: Carissima, non arrabbiarti con Antonella: il sistema abbina automaticamente le foto pubblicate sul sito ai diari di viaggio che non ne hanno nessuna!
    Se non vuoi che la tua foto sia associata a diari scritti da altri TPC avvisaci che provvederemo a modificarla,

    Grazie
  3. sharkyta
    , 24/9/2010 21:25
    caro anto questa foto la mia foto vergogniate e dimmi dove e quando hai fatta!!!!!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social