Alla scoperta del Nilo

Inizialmente eravamo un po’ scettici. Scegliere una crociera organizzata nei dettagli non è proprio nel nostro stile, ma alla fine il bilancio è più che positivo. Per vistare i paesi della riva est e ovest del Nilo, considerando che in ...

  • di carcemat
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Inizialmente eravamo un po’ scettici. Scegliere una crociera organizzata nei dettagli non è proprio nel nostro stile, ma alla fine il bilancio è più che positivo.

Per vistare i paesi della riva est e ovest del Nilo, considerando che in Egitto bisogna assolutamente girare scortati dalla polizia, è meglio scegliere un tour organizzato. Che poi il tour operator vi faccia fare orari impossibili e vi tenga in aeroporto 5 ore, questo è un altro discorso che preferiamo non affrontare! Insomma, veniamo alla parte interessante del viaggio.

La nostra prima tappa è stata Luxor, precisamente la riva Ovest, caratterizzata dai templi funebri, proprio perché è la riva del tramonto. Sosta panoramica ai Colossi di Memnone, imponenti statue gemelle che rappresentano Amenhotep III (XV secolo a.C.) in posizione seduta, con le mani sulle ginocchia e lo sguardo rivolto a est, verso il fiume e il sole nascente. Le statue sono formate da blocchi di quarzite che fu scavata probabilmente a Giza o a Gebel el-Silsileh, a 60 km a nord di Assuan. Raggiungono un’altezza di 18 metri, comprese le piattaforme di pietra su cui sono costruite. Abbiamo giusto il tempo di scattare qualche foto, anche perché la visuale è un po’ deturpata dalle impalcature per il restauro (non è la prima volta che ci capita questo scherzetto! Vedi in India... la facciata dell’Haava Mahal).

E poi via verso l’imponente tempio di Medinat Habu che con la vivacità dei colori dei suoi geroglifici, ci trasmette tutta la creatività e la ricchezza di un popolo vissuto più di tremila anni fa.

Tappa successiva alla Valle dei Re, dove si trovano le tombe dei faraoni. È un peccato non poter visitare quella di Sethi I che ci hanno detto essere quella meglio conservata, ma proprio per questo si vuole evitare che l’umidità apportata dai respiri dei turisti rovini i colori. Infine, prima di tornare alla motonave, ci fermiamo al villaggio degli artigiani, questo è ovviamente un escamotage per tentarci con qualche souvenir locale, ma ci dà soprattutto la possibilità di venire a contatto con la gente del posto, vivere un po’ la strada e sentire il richiamo del muezzin per la preghiera della sera.

Comincia la navigazione e il giorno successivo, dopo aver attraversato la chiusa di Esna, arriviamo a Edfu per visitare il tempio dedicato a Horus. Raggiungiamo il tempio con cocchieri e carrozza (il business del posto), ma se posso dire la mia, non perdetevi una passeggiata per le vie della città, in particolare nel bazar del centro, poco turistica ma molto affascinante.

Si prosegue poi verso Kom Ombo e arrivare qui con la nave, ci offre la vista del tempio illuminato che si erge su un piccolo promontorio. La visita al tempio la faremo successivamente, risalendo il fiume.

Arriviamo poi ad Aswan dove visitiamo la Grande Diga e il tempio di Philae, dedicato alla dea Iside, dea dell'amore, della fertilità e della rinascita. A fine pomeriggio abbiamo optato per un tour panoramico in barca a motore sul Nilo, per ammirare l'Isola Elefantina, il Mausoleo dell'Aga Khan, con il giardino botanico ed i colorati villaggi nubiani costruiti lungo le sponde del fiume. Questi villaggi sono abitati da bambini nubiani che vi chiederanno soldi o caramelle ad ogni angolo, ma diciamo che fa un po’ parte della “cultura” locale! L’indomani ci aspetta una sveglia notturna. Dobbiamo percorrere il deserto in autobus (per lo meno ci godiamo l’alba) per raggiungere Abus Simbel, per la visita del tempio che Ramsete II fece completamente scavare all'interno di una montagna, per celebrare le sue gesta e la sua gloria e del tempio che lo stesso faraone dedicò all'adorata moglie Nefertari

  • 386 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social