San Francisco, i parchi del West, Los Angeles. Tre viaggi in uno.

Da San Francisco alla Monument Valley, passando per i parchi del West. Un viaggio che non si dimentica. Con in testa gli spettacolari Bryce Canyon e l'Antelope Canyon

  • di jackvis
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

Viaggio programmato con mesi di anticipo, nottate insonni davanti al sito turisti per caso a leggere i vostri racconti, google map alla mano per capire le distanze. Venti giorni tondi nell’America del West.

Ecco le note generali sulla preparazione del viaggio.

Volo: comprato a metà marzo con US Airways a 810 euro a persona. Andata il 5 agosto Roma - San Francisco (con scalo a Charlotte), ritorno il 25 agosto Los Angeles - Roma. Aggiungiamo 40 euro d’agenzia, più atre 50 come assicurazione per il viaggio (in caso di annullamento). In totale 900 euro a persona.

Assicurazione sanitaria: dopo varie ricerche, abbiamo scelto per un’opzione non economicissima. Per evitare qualsiasi rogna abbiamo optato per una Globy rossa, stipulata in agenzia, al costo di 145 euro a persona.

Macchina: importantissimo, affittatela dall’Italia. Se lo fate sul posto, i costi possono raddoppiare. Noi per 16 giorni (dal 9 al 25 agosto), abbiamo pagato 346 euro su enoleggioauto (www.enoleggioauto.it). Dato che eravamo in due abbiamo optato per una classe “economic” (Classe Aveo). Preoccupati che fosse piccola, alla fine ci hanno dato una Chrisler HRR con i vetri fumée. Per due va benissimo. Con il senno di poi si poteva spendere 20 euro in più, ed avere una classe più spaziosa

Sul “cambio automatico” non vi spaventate. Basta giusto qualche minuto per prenderci il piede. Dato che non c’è la frizione, il consiglio è “quando entrate in auto, dimenticate di avere il piede sinistro”. Riprendetelo solo al check in di ritorno. Per venti giorni dovete solo usare il destro tra freno e acceleratore, tic tac, tic tac

Navigatore: è un optional molto utile. Noi per fortuna ce lo siamo portato dall’Italia, con tanto di mappe americane. Premessa, in America viaggiare è semplicissimo: nord, sud, est, ovest. Con una cartina si arriva ovunque. Il navigatore è utilissimo non tanto nei tratti extra urbani ma nelle città (a Los Angeles saremmo impazziti senza!)

Percorso: abbiamo voluto non perderci nulla. Natura e città, tutto insieme. Fondamentalmente lo abbiamo diviso in tre macro sezioni. San Francisco, Parchi del West e Los Angeles

Ecco le nostre tappe:

5 agosto San Francisco 6 agosto San Francisco 7 agosto San Francisco 8 agosto San Francisco 9 agosto San Francisco 10 agosto Monterey 11 agosto Three Rivers (Sequoia National Park) 12 agosto Lone Pine 13 agosto Las Vegas 14 agosto Springdale (Zion Park) 15 agosto Panguitch (Bryce Canyon) 16 agosto Moab 17 agosto Moab 18 agosto Bluff 19 agosto Page 20 agosto Grand Canyon 21 agosto Kingman 22 agosto Los Angeles 23 agosto Los Angeles 24 agosto Los Angeles 25 agosto partenza per Roma

Dormire: abbiamo preferito non optare per la scelta on the road. La scelta si è rivelata ottima. Con navigatore e letto prenotato ogni sera avevamo la comodità di viaggiare senza stress e senza perder tempo nella ricerca dei motel. Siamo sempre stati in motel comunque discreti. La catena dei “Motel 6” è la più economica. In genere non sono economicissimi (difficile trovare, in alta stagione, sotto i 70 dollari a notte) però sono estremamente pratici. Il vero risparmio consiste nel trovarne uno che abbia la colazione inclusa, ad esempio la catena “Quality Inn” (purtroppo ci siamo andati solo l’ultima notte, a Kingman). Ti permette di risparmiare 20$ che spenderesti altrove.

spesa finale: come preventivato, un viaggio non economico in due. In totale abbiamo speso circa 3000 euro a persona. Grosso modo 1000 euro per il viaggio e 2000 per tutto il resto. Se siete in coppia calcolate (tra macchina, albergo, pranzo e cena, spese extra) una quota di 100 euro al giorno (140 dollari). Inoltre quando siamo partiti (agosto 2010), il cambio dollaro-euro non era così vantaggioso (1, 41) rispetto solo a qualche mese prima. Comunque sono stati soldi spesi benissimo: abbiamo fatto tre viaggi in uno (cinque giorni a San Francisco, dodici in giro per i parchi, tre finali a Los Angeles). Con dei piccoli sacrifici, risparmiando sullo shopping (ne abbiamo fatto poco) e soprattutto sui ristoranti la sera (abbiamo optando sempre per piatti poco costosi con una media di 15 dollari a testa). Di “bisteccone” succulente ne abbiamo assaggiate poche. Io mi fermo qui, lascio il racconto a Rosa. È lei la storyteller del viaggio. E che viaggio…

Mercoledì 04 agosto 2010 ore 21.24 - Roma

Già so che questa notte non riuscirò a dormire, aspetterò la luce per correre verso l’America, quella vera. Ho immaginato troppe cose, adesso ctrl + alt + canc e faccio spazio alla realtà perché il sogno piano piano si assottiglia e diventa l’insegna di una meta ormai vicina.

Giovedì 05 agosto 2010 ore 10.00 – Roma – Aeroporto di Fiumicino

Ho naturalmente dormito come un ghiro, alla faccia della poesia. Sveglia alle 6 e 30 a Roma. Mi sono ripresa solo nell’esatto momento in cui ho addentato un fragrante cornetto di Vanni, nei pressi di Piazza Mazzini, poi dritti all’aeroporto. Qualche problema di parcheggio a Fiumicino ed eccoci qui, preoccupati ma già in “modalità aereo”. Manca poco all’imbarco e ancora devo stropicciarmi gli occhi, credere che finalmente il viaggio stia uscendo dalle pagine della Routard ed è qui davanti a noi. Beh, quasi… a meno che non abbia le sembianze di un signore tondo e assonnato. Nel nuovissimo Terminal 5 di Fiumicino, iniziamo l’imbarco. Rapidamente siamo davanti al gate, pronti ad imbarcarci per Charlotte.

Ore 17.49 Charlotte

Dopo nove ore e mezzo di volo atterriamo a Charlotte

  • 59513 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social