Baja California Sur: ...ascolta il silenzio!

Itinerario di una settimana

  • di noodle
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4 adulti
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

29/05/2011 – 06/06/2011 – NR. 4 PERSONE ADULTE

Prima di iniziare il racconto di questa fantastica nostra avventura, voglio ringraziare le persone che su “Turisti per Caso” hanno pubblicato: “Messico e Nuvole (poche) 28/05/2010-10/06/2010” e “Pasqua 2011 in Baja California 21/04/2011-03/05/2011”, perche’ i loro diari sono stati per noi preziosissimi, densi di informazioni utili per il nostro viaggio. Grazie ragazzi!!

Consigli utili: prenotate cio’ che potete dall’Italia, ad esempio la prima notte in arrivo a Los Cabos ed il noleggio dell’auto (assolutamente una 4x4 e verificate che sia cosi…piu’ avanti vi spieghero’..). Questo vi consentirà maggiore relax, dopo un lungo viaggio.

In questo periodo è bassa stagione in Baja e nel nostro percorso non abbiamo avuto problemi a trovare posto per dormire in hotel di buona categoria. Il collegamento ad internet con wi-fi vi faciliterà comunque nella ricerca, cosi come il tom-tom con le guide stradali messicane vi sarà utile.

29/05/2011 Roma-Los Angeles

Per una nostra scelta di tipo pratico passiamo la prima notte in un hotel dell’aeroporto di Los Angeles (prenotato su booking.com), perche’ la mattina dopo abbiamo l’aereo per Los Cabos. Non è il caso di affrontare tutto il viaggio in una sola volta dall’Europa.

30/05/2011 - SAN JOSE’ DEL CABO

Arriviamo a Los Cabos (cosi è chiamato l’aeroporto internazionale) in mattinata, dopo 2 ore di volo dal LAX. L’aria e’ calda, ma secca, i colori sono vivaci, anche se tutt’intorno ci sono colline brulle e deserto! Abbiamo cambiato i soldi al banco di cambio in aeroporto, ma non lo fate (è piu’ caro). Appena superate le porte scorrevoli ci sono i bancomat (ATM) e li’ potete effettuare il vostro prelievo. C’è un piccolo tabaccaio che vende anche le tessere telefoniche internazionali, costano 10 dollari, ma non durano molto. Un addetto dell’autonoleggio ci ha individuato (aveva la stampa della ns/prenotazione) e ci ha accompagnato con il pulmino in un grande capannone, proprio di fronte all’aeroporto, dove abbiamo ritirato l’auto, prenotata con HERTZ. Avevamo chiesto una 4x4, automatica. La nostra Dodge Durango era pronta, molto grande e comoda e siamo partiti alla ricerca del ns/hotel, prenotato sempre con BOOKING.COM: un’offertona a 39 Euro x camera doppia, nel BEL AIR RESORT & SPA di San Jose’ del Cabo..un posto bellissimo!!! Ci siamo rilassati tra la spiaggia e la piscina, pianificando il giorno dopo! Il mare di San Jose’ lo definisco un mare “da onda”, aperto, anche se siamo già nel Mare di Cortez; infatti è il paradiso dei surfisti…quanti ce n’erano! Il rumore di quelle onde è costante, meraviglioso…la sera siamo andati a cena al ristorante “Don Sanchez”, l’abbiamo scelto a caso, tra quelli che si trovano nella zona centrale, verso la marina. Quella zona si puo’ considerare il centro turistico di S. Jose’, con negozi e botteghe di artigianato locale. Abbiamo mangiato abbastanza bene e speso circa 25 Euro a persona; forse un po’ caro rispetto a quello che avremmo speso successivamente, mangiando anche meglio! Forse un locale un po’ troppo “tipico messicano”…

31/05/2011 – SAN JOSE’ DEL CABO – CABO PULMO – LOS BARRILES

Partiamo la mattina diretti a Cabo Pulmo (Parco Marino e Riserva Naturale). Decidiamo di prendere la strada sterrata, segnalata anche dalla cartina geografica. Sono circa 70km da percorrere con cautela, senza correre, sia per i dossi (segnalati con cartelli con su scritto “TOPE” - fate sempre attenzione, arrivateci rallentando, altrimenti rischierete di danneggiare l’auto e di dare delle grandi testate sul soffitto della macchina!!), sia per il panorama che ci si presenta davanti: alla nostra sinistra deserti di cactus e qualche collina brulla, mentre a destra sabbia e mare che cambia colore in continuazione. La strada è percorsa da altri fuoristrada o camion….i surfisti sono sempre in giro con le loro tavole e scrutano l’orizzonte alla ricerca dell’onda migliore! Ci si saluta dalle auto, è buffo, ma rispondiamo sempre con il segno a tre dita ed un sorriso….ci abituiamo subito a questo stato di cose!! Il sole è caldo, ma l’aria e’ secca….il clima ideale, ma ricordate sempre una crema protettiva, cappello e occhiali da sole. Portate sempre con voi acqua e qualcosa da mangiare, fate il pieno di benzina (solo 50 centesimi al litro!!!) prima di partire e queste piccole attenzioni vi faciliteranno il cammino. Noi l’abbiamo fatto e non abbiamo sbagliato. Un’altra abitudine buffa, ma comoda, è quella di arrivare (quando si puo’) con le auto direttamente accanto alla palapa (ombrellone di paglia) che si trova libera! Anche noi avremmo voluto farlo, ma cosi’ abbiamo scoperto che la nostra Dodge non è una 4x4, ma ha soltanto 2 ruote motrici posteriori….quindi ci siamo insabbiati!!...dopo qualche tentativo in autonomia, si sono avvicinati un paio di pescatori che vivono in un villaggio sulla stessa spiaggia e ci hanno tirato fuori, attaccando la macchina al loro furgone! Il primo impatto con queste persone discrete e mai invadenti ci ha tirato fuori (in tutti i sensi!) da un grande imbarazzo! Abbiamo regalato loro dei soldi (era il minimo!) e ringraziandoli ci hanno indicato una stradina piu’ comoda poco distante…..ecco allora il nostro primo bagno nel Mare di Cortez! Che emozione!!! Noi 4 da soli su una spiaggia meravigliosa; siamo arrivati al Promontorio di Cabo Pulmo e lo scenario continua a cambiare! Quello che continua ad accompagnarci sono il silenzio, i colori, il sole, i pellicani….. Proseguiamo il nostro cammino e superato Cabo Pulmo, con il suo centro diving, riprendiamo la strada asfaltata, meno male! arriviamo a LA RIBERA , un piccolo paesino silenzioso e facciamo uno spuntino in un altrettanto piccolo bar-ristoro all’aperto….e’ tutto pulito e colorato…sono le 15.45 e fa ancora molto caldo, ma siamo cosi’ rilassati! Esattamente come i locali, che con i loro tempi, ti servono bevande fresche, pesce fresco, insalate e guacamole con nachos! Rifocillati e rinfrescati proseguiamo verso LOS BARRILES, che con la strada asfaltata raggiungiamo in circa 1 ora. E’ una località di vacanza, ma molto tranquilla, dove gli americani vanno per la pesca d’altura. Andiamo diretti all’HOTEL LOS BARRILES (consigliato da altri viaggiatori ed anche noi lo consigliamo) e ci fermiamo li’ per la notte. E’ un hotel molto piacevole, in stile “posada”. Le camere (costo 73$ a coppia x una doppia) sono grandi, colorate, pulitissime, con aria condizionata e pale al soffitto. C’è una piscina, non grande, ma immersa nel verde delle palme ed anche se l’hotel non sta direttamente sul mare, per noi è un’altra piccola oasi di pace! Ceniamo al ristorante “IL BARRILITO”, mangiamo benissimo, sempre messicano, e spendiamo circa 15 Euro a persona. Un altro consiglio sul cibo: se non volete salse sul vostro pesce, crostacei o molluschi, chiedete semplicemente “pescado alla plancia” (pesce fresco alla piastra), così assaporerete il vostro cibo solo con un po’ di lime. Loro potrebbero restare un po’ perplessi, ma ve lo serviranno anche cosi ed è buonissimo!

01/06/2011 – LOS BARRILES – LA PAZ

Facciamo colazione (l’hotel non ha la cucina) in una caffetteria in zona commerciale, dopo il supermercato CHAPITO’S (dove compriamo acqua e cose da mangiare per il viaggio). Ottimo breakfast sotto gli ombrelloni. Di fronte al piccolo centro commerciale facciamo il pieno di benzina e preleviamo al bancomat. Riprendiamo il viaggio verso La Paz e la raggiungiamo in circa 1h e ½. La strada statale è buona, ci sono solo un po’ di curve fino a El Triunfo, un piccolo centro, superato il quale la strada diventa pianeggiante. Il panorama circostante è brullo, solo montagne, cactus letti di fiumi in secca, ma resta comunque affascinante! Arriviamo a La Paz, che è una cittadina molto vivace, e decidiamo subito di andare a vedere le spiagge piu’ rinomate: Pichilingue, subito fuori città, è attrezzata con bar ristoro e palape, poi Playa el Tesoro, attrezzata, ma purtroppo deludente sia per il punto di ristoro assolutamente sporco, cosi’ come per il mare! E’ l’unico posto che ci ha deluso, perche’ li’ il mare diventa lagunare e l’acqua è un po’ stagnante. Ma quando arriviamo a Playa Balandra restiamo senza parole!!! E’ un paradiso! E’ quasi mezzogiorno, fa caldo e ci troviamo di fronte ad un’insenatura con sabbia bianca ed acqua altrettanto cristallina!! Parliamo sottovoce per non rovinare quello che abbiamo davanti agli occhi! Ci sono solo palape e nessun punto di ristoro, ma va bene cosi’! Ci fermiamo e facciamo il bagno: l’acqua resta al polpaccio per decine di metri! Di fronte a questa spiaggia ne vediamo delle altre, isolate, deserte e camminando “via mare” alla nostra destra, dietro gli scogli raggiungiamo un’altra spiaggia meravigliosa! L’atmosfera e’ assolutamente rilassante! Ci siamo noi 4 ed altre 3 persone…Nel pomeriggio raggiungiamo invece Playa El Tecolote, molto bella, c’è piu’ movimento: Bar, ristorante, lettini e ombrelloni, moto d’acqua, musica! Da qui prenotiamo l’escursione in barca per l’Isla Espiritu Santo per il giorno dopo. 40 Euro a persona con pranzo compreso, dalle 10.30 alle 16.00. Di ritorno ci fermiamo all’Hotel Marina e decidiamo di restare qui per i prossimi 4 giorni. L’hotel è molto gradevole, il prezzo per una doppia è di circa 57 Euro a camera con prima colazione a buffet. Molto buona e abbondante! C’è la piscina, l’ idromassaggio, ma non la spiaggia (come tutti gli alberghi di La Paz che stanno sul lungomare), ma c’è l’accesso direttamente al porto turistico, che è altrettanto bello da vedere. Tutte le mattine facciamo colazione all’aperto e guardiamo le belle barche ormeggiate! La sera cena da MARISCOS sul lungomare. Mangiamo benissimo a base di pesce e spendiamo pochissimo (circa 10 Euro a persona!). Serata bellissima, temperatura ideale senza umidità!

02/06/2011 – GITA ISOLA ESPIRITU SANTO

Con la Barca MARLIN, il Capitano Javier e la guida Luis, partiamo alle 10.30 per una escursione meravigliosa! Circumnavighiamo l’isola, ci fermiamo a fare snorkeling con i leoni marini (ascoltate sempre i consigli della vostra guida in merito alle reazioni di queste creature e non fate nulla di irrispettoso per loro e per l’ambiente!). Ci fermiamo in un'altra spiaggia memorabile: ci siamo soltanto noi, le colline, un mare di color smeraldo e le nostre macchine fotografiche! I nostri accompagnatori sono organizzatissimi e molto simpatici: piantano due gazebi e tavolini, tirano fuori una ghiacciaia gigante con acqua e bibite freschissime per tutti! Mangiamo un ‘ottima insalata di marlin, panini, nachos e per finire anche un dolcetto: biscotti secchi con crema! Ma la cosa che accompagna questa meravigliosa giornata è il panorama che ci avvolge: montagne color crema, sabbia bianchissima e mare color smeraldo! Indimenticabile, come l’accuratezza con la quale i nostri accompagnatori separano l’immondizia fatta da noi dentro due secchi, per poi percorrere tutta la spiaggia con un sacchetto alla ricerca di un’ipotetica cartaccia che non c’e’!! La sera ceniamo al ristorante LA LUNA BRUJA, a Playa Pichilingue, un posto molto carino e stiamo seduti direttamente con i piedi sulla sabbia, sotto una grande palapa a guardare un tramonto indimenticabile. Ottima cena, spendiamo circa 16 Euro a persona

  • 15939 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social