Luna di miele australiana

Partenza Martedì 05/09/2006 durata 22 giorni 19 notti con tour; sembra un racconto facile, ma per farVi comprendere e apprezzare un continente intero, non bastano poche righe; spero sia di Vostro gradimento. Sposati da tre giorni abbiamo scelto il viaggio ...

  • di bestia
    pubblicato il
  • Partenza il
  • Viaggiatori: in coppia
 

Partenza Martedì 05/09/2006 durata 22 giorni 19 notti con tour; sembra un racconto facile, ma per farVi comprendere e apprezzare un continente intero, non bastano poche righe; spero sia di Vostro gradimento.

Sposati da tre giorni abbiamo scelto il viaggio della vita nel continente australiano.

Partiti da Bologna, scalo a Francoforte e Singapore, approdiamo con i confortevoli aeromobili della compagnia australiana seconda al mondo, nella Terra Australis e precisamente nel Western Australia a Perth verso le 3.30 del mattino del 7 settembre, punto di partenza del nostro tour de force attraverso tutto il continente australe; siamo emozionantissimi... Ma tanto stanchi.

Poche ore di riposo, il fuso orario si fa sentire (7 ore avanti) e si parte alle 12...Per il tour della città e varie visite.

7-8-9 settembre Perth (Western Australia) La città capoluogo dello stato più ricco del paese (grazie alle risorse aurifere) ma con la densità più bassa, circa 1,5 abitanti per km quadrato. Ai nostri occhi appare molto ben curata, con molti giardini pubblici nei quali è possibile fare il barbecue utilizzando gratuitamente legna da ardere autoctona, immensa nella sua estensione ma non trafficatissima.

Il centro è costituito dalla zona degli affari – City business district (CBD), tutt’intorno deliziose case in stile vittoriano (per intenderci in stile inglese) ognuna con il proprio giardinetto. Da vedere, a parte il centro che racchiude all’interno di enormi edifici ultramoderni tantissimi supermercati e food center (zone con una piazzetta circolare e tutt’intorno ristoranti multirazziali – dove l’influenza del vicino Oriente la fa da padrone), vi è la Swan Bells (Campane del cigno – simbolo della città) il museo delle campane di forma curiosa, il giardino botanico Kings Park (giardino dei re) in posizione sopraelevata da cui si gode un’ottima vista sulla città. Al suo interno oltre a varie specie di eucalipti, vi sono bellissimi fiori e il monumento ai caduti Australiani delle grandi guerre, e il lago Monker paradiso per gli amanti del Bird-watcher. Da vedere infine anche la Zecca di Perth, purtroppo la visita è solo in inglese, e comprende oltre a reperti auriferi e medaglioni vari, uno spettacolino della colata dell’oro e la creazione di un lingotto, anche la possibilità acquistare per circa 80 dollari (48 euro) una medaglia (in oro o argento) con un disegno da scegliere e un’incisione a piacere.

I dintorni di Perth Il giorno seguente gita nei dintorni (si fa per dire, qui le distanze sono immense) a bordo di un pulmino fuoristrada, per visitare il giardino zoologico CAVERSHAM WILDLIFE PARK dove abbiamo avuto il primo incontro con i fantastici KOALA (significato: senza acqua). Questo delicatissimo animale, che sembra un peluche imbambolato, dorme per ben 20 ore (che bello..) e le altre tre mangia solamente alcune specie di foglie di eucalipto, e molte altre specie di animali come i WALLABY, un canguro di dimensioni inferiori rispetto a quello che immaginiamo e molti volatili e pappagalli dai bellissimi colori. Molto particolare è stato il WOOMBAT, un maialino tozzo, molto mansueto, marsupiale con la sacca sulla schiena e il CASUARIO uccello assomigliante allo struzzo, con zampe grosse, cresta (tipo dinosauro) sulla testa di colore azzurro, animale un po’ aggressivo dallo sguardo cattivo.

Dopo la pausa per il pranzo, preparato dall’autista, spartano ma molto buono, siamo partiti alla volta del PINNACLES DESERT (Deserto dei Pinnacoli). Dove in un paesaggio reso ancora più suggestivo dalla nuvolosità del cielo che colorava il deserto di un ocra quasi color oro, spuntano dal terreno formazioni a forma di cono, pinnacoli, di calcare. Queste formazioni si sono formate a seguito di vari incendi (L’Australia è soggetta agli incendi causa la sua aridità), del bosco sovrastante che era rigoglioso, e con il trascorrere del tempo e la desertificazione crescente, le radici sottostanti hanno “intrappolato” varie sostanze tra cui il calcare e il ferro. Scomparse anche loro (sono visibili i segni lasciati dalle radici) sono rimaste le sostanze che si sono solidificate; lasciando ai posteri un magnifico paesaggio “lunare”.Ora comincia il divertimento, perché nella zona delle DUNE DI LANCELIN dove la sabbia bianca e morbida al tatto fa da cornice ad un oceano dai colori caraibici ; ci siamo immersi in una tappa della Parigi-Dakar, saltando su e giù per le dune con il nostro potente pulmino 4x4 e facendo addirittura snow giù per le dune. Merito di nota anche la deliziosa cittadina di FREMANTLE, uno dei porti principali del continente, città che forse poteva prendere il posto di Perth come capitale dello stato, ma che per il suo aspetto delizioso meglio che non abbia subito l’eccessiva espansione delle città australi sedi di capoluoghi, con l’espansione verticale degli edifici adibiti agli affari. In effetti qui tutte le case sono basse e originali in stile vittoriano

  • 1434 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social