Weekend lungo nei dintorni di Trapani

La Sicilia nord occidentale tra natura, storia e mare

Diario letto 33455 volte

  • di engoc
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 7
    Spesa: Fino a 500 euro
 

1° giorno

Partenza da Genova con Ryanair nel primo pomeriggio e "incredibile ma vero" nebbia sull'areoporto e quindi partenza rinviata di 2 ore, quindi arriviamo a Trapani alle 17,50 anzichè alle 15,43 come previsto.

Abbiamo ritirato lo scudo 8 posti in areoporto (europecar, euro 236,00 km illimitato per 3 giorni) e siamo partiti alla volta dell'Albergo Ciuri di Badia anche questo prenotato tramite il sito di Ryanair. L'albergo dista circa 40 minui dall'areoporto di Birgi in direzione Valderice. Si trova dietro a un distributore di carburante ma a dispetto della posizione è molto carino. Sono tutte casette attaccate con camere al piano terra e al primo piano. La maggior parte di esse danno sul cortile interno, nel quale è posta una piscina molto carina. Lasciati a bagagli come da programma, anche se un po' in ritardato, siamo partiti alla volta di Erice che avevamo gia' visto anche dall'aereo. La strada gode di un panorama mozzafiato su Trapani, le saline e le isole Egadi, ma presenta molti tornanti. Andare ad Erice equivale ad andare in montagna, non solo per la strada, ma anche per la temperatura decisamente bassa nonostante siamo nella seconda meta' di aprile. Il posto è splendido, la via centrale, che parte dal parcheggio, è lastricata di pietra bianca e ciottoli e ai lati ci sono bei palazzi, un convento e alcune chiese che vista l'ora sono chiuse. Dalla via principale si dipartono parecchie viuzze molto caratteristiche e si intravedono, qua e là scorci di panorama e di mare. Siamo andati a cena da "Monte San Giuliano", che abbiamo poi scoperto essere un ristorante molto rinnomato. Cena ottima, Busiate alla San Giuliano fantastiche cosi' come i maccheroni con salsiccia e melanzane e la calamarata di carciofi. Costo accettabile 180,00 euro in 7, mangiando veramente tanto.

2 giorno

Dopo un'abbondante colazione ci siamo diretti a Trapani per un giro della citta' e per prendere l'aliscavo per Favignana. Il centro storico di Trapani è molto bello ed elegante, il tempo a ns disposizione non era molto per cui abbiamo visto la via centrale con il palazzo del Consiglio comunale, l'orologio astronomico, la cattedrale con uno splendido soffitto "ricamato" di bianco su sfondo azzurro e una chiesa lì vicino in tipico barocco siciliano con interni bianchi e rosso mattone. Siamo anche entrati nella chiesa del Purgatorio che custodisce alcune statue in legno che rappresentano la passione di Cristo e che sono portate in processione nella settimana di Pasqua. Consiglio la visita sicuramente.

Ci siamo diretti la terminal della Usticalines per prendere l'aliscafo per Favignana che ho reputato un po' caro (3 adulti ed un bambino a/r 64,00 euro). Sull'isola abbiamo noleggiato delle biciclette davanti al porto e ci siamo diretti verso una spiaggia. L'isola era ancora abbastanza deserta e le case tutte chiuse cosi' come alberghi e resort. Siamo andati a Lido Burrone che dista circa 20 minuti pedalando tranquillamente (tutta pianeggiante ma completamente al sole). La spiaggia, con sabbia bianca finissima, non era ancora stata ripulita dai detriti portati dalle mareggiate invernali per cui presentava alcuni rifuti e molti cumuli di alghe. Il mare era azzurrissimo e molto freddo. C'erano anche moltissime meduse per cui anche i ragazzi non si sono bagnati. Dopo esserci rosolati al sole per alcune ore abbiamo inforcato la bici per andare a Cala Rossa. La strada non è agevole come quella precedente, presenta alcuni tratti in salita ed è a tratti sterrata. Ai lati ci sono delle enormi buche che sono cave credo di marmo. Cala rossa è bellissima, un'insenatura con il mare in tutte le sfumature dell'azzurro e del verde, una vegetazione rigogliosa, tanti fiori e vicino al mare stranissime rocce vulcaniche nere molto appuntitee sulle quali non è possibile camminare a piedi nudi. La spiaggia è praticamente inisistente, ma il posto è bellissimo e gode della vista dell'isola di Levanzo. Dopo una breve sosta siamo tornati in paese e abbiamo fatto un giro in centro con la bici arrivando anche allo stabilimento Florio. La mattanza che richiamava molti turisti, è stata abolita da 4 anni. Ritornati a Trapani ci siamo diretti nuovamente ad Erice per fare quanto era previsto per il giorno precedente, ma che avevamo dovuto rimandare per il ritardo dell'aereo. Siamo andati a fare merenda da Maria Grammatico. La stada che collega Trapani ad Erice è un incubo, stretta, molto tortuosa e disagevole, in compenso gode di un panorama spettacolare. La sconsiglio vivamente a chi soffre di mal d'auto. In compenso la merenda da Maria è stata spettacolare. I genovesi sono paradisiaci, tartellette di pasta con ripieno di crema pasticcera leggermente aromatizzata al limone e calda. I cannoli semplicemente sublimi e cosi' pure la cassatina e la pasta reale. La signora Maria è conosciuta in tutto il mondo e ha festeggiato i 50 anni di attivita' prorio ad aprile 2013. Mi raccomando, la pasticceria si trova in un negozietto piccolo, dall'esterno poco attraente con alcuni tavolini all'interno, uno su un terrazzino ed alcuni nel giardino sottostante. Si chiama pasticceria Maria Grammatico, solo questa è la vera pasticceria! Dopo una merenda pantagruelica (per i nostri canoni del nord spendendo poco 12 euro in 4) abbiamo fatto un giro per Erice arrivando alla rocca

  • 33455 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social