Ecco perché la primavera è il momento giusto per visitare questo incantevole angolo della Sicilia

La nostra fuga fuori stagione nel Trapanese di Mapy e Andrea
Scritto da: mapy
ecco perché la primavera è il momento giusto per visitare questo incantevole angolo della sicilia

Visitare la zona del Trapanese fuori stagione è stata una saggia decisione perché si ha la possibilità di visitare luoghi meravigliosi senza la massa di gente che sicuramente si trova nei periodi estivi. Così partiamo durante il periodo dei ponti 25 aprile e 1° maggio 2024, ricavandone una bella settimana di ferie. Prendiamo i voli Ryanair da Roma a Trapani, prenotandoli in anticipo per abbattere i costi e poi prenotiamo soggiorno per tutta la settimana a Trapani al centro storico, appartamento Rosa de Venti che come servizio, compreso nel prezzo,  offre anche transfer da aeroporto a Trapani e viceversa.

L’appartamento è proprio al centro di Trapani, ottima soluzione per potersi muovere, vicino al porto dove partono aliscafi e traghetti per le isole Egadi. Nelle vicinanze molti ristorantini e bar per fare colazione. Quindi si è rivelata un’ottima scelta. Rosa dei Venti ha diversi appartamenti in quell’edificio antico al centro di Trapani a seconda delle esigenze. Noi abbiamo preso l’appartamento Libeccio al secondo piano (cortile interno antico con scalini alti, senza ascensore). Dotato di cucina in unico ambiente con camera e poi piccolo bagnetto con doccia. Forse scomodo il lavandino perché veramente piccolo e il fatto di avere cucina e camera in unico ambiente (per cattivi odori). Ma a parte questo ci siamo trovati bene.

Trapani è una bella cittadina, con un bel corso e bellissimo lungomare. Centro storico molto caratteristico con bellissime chiese da visitare.

Dove mangiare a Trapani

Consigliamo per la cena il Ristorante Osteria La lanterna, vi abbiamo cenato due volte prenotando con l’app the fork che prevedeva uno sconto del 20%, correttamente applicato. Locale molto carino e ottima cucina locale. La titolare è gentilissima e pronta a dare moltissimi consigli, che poi ci sono tornati utili!

Una sera abbiamo cenato al ristorante Antichi Sapori, perché ce lo avevano consigliato. Prima di tutto fa dei turni ed inoltre è strapieno di gente, la cucina non ci è piaciuta per niente. Abbiamo preso una frittura di pesce che si è rivelata dura e bruciacchiata. Il posto è carino e il personale gentile ma sinceramente lo abbiamo trovato caro e non di qualità. Quindi non lo consiglierei. Mentre il piccolo bar al centro di Trapani, lungo il corso Vittorio Emanuele, chiamato il Cappellaio Matto, offre degli ottimi aperitivi, panini e bruschettone di vari gusti. Abbiamo mangiato bene, spendendo poco. Altro posticino dove trovare ottima cucina locale è il ristorante Sotto vento, ma ha solo posti all’aperto. Un po’ caro come prezzi, ma veramente cucina di qualità.

Abbiamo girato un po’ a piedi per trovare agenzia di noleggio auto, alcune agenzie ci hanno chiesto dei prezzi veramente molto alti (circa 700/800 euro per 5 giorni),un po’ scoraggiati all’inizio, poi siamo riusciti a trovare due soluzioni prendendo per un giorno la macchina a 50 euro presso l’agenzia Costa Costa, in corso Italia. Lo consigliamo. E poi per altri 4 giorni abbiamo preso macchina da Discovering Trapani sempre in Corso Italia (45 euro al giorno). Agenzia seria, onesti e bravissimi ragazzi, molto organizzati.

Cosa vedere nei dintorni di Trapani

Ecco le altre località che abbiamo visitato durante la nostra permanenza.

Erice e Grotta Mangiapane

erice

Oltre al bellissimo Duomo, ci sono moltissime antiche Chiese. Scorci meravigliosi, torri. E qui ci siamo gustati moltissimi dolci, dalla genovese alla cassata, passando per il cannolo! Consigliamo l’antica pasticceria San Carlo, dove una simpatica nonnina prepara da sola tante specialità. Inoltre anche la pasticceria di Maria Grammatico, molto conosciuta, merita una visita, anche se è più turistica dell’altra. Cosa importante per il parcheggio dell’auto, non ci siamo fermati all’inizio di Erice, ma, su consiglio della ristoratrice del ristorante la Lanterna di Trapani, abbiamo parcheggiato oltre il castello, in piazza san Giovanni, così il parcheggio era gratuito. Non so durante i periodi estivi però.

grotta mangiapane

Dopo la visita alla bellissima Erice, nel pomeriggio ci siamo diretti alla Grotta Mangiapane. Nella località di Scurati, piccola frazione nel territorio di Custonaci, un piccolo borgo siciliano sorge all’interno della Grotta Mangiapane, denominata proprio così per via della famiglia che la abitava già nel lontano 1819. Oggi è divenuta un vero e proprio museo a cielo aperto, dove si possono ammirare gli antichi mestieri. È anche location di serie, film ed eventi , come quello tradizionale del Presepe Vivente di Custonaci. Si paga 3 euro per la visita e alla fine c’è una meravigliosa tavernetta con tavolini coloratissimi, vista mare e montagna alle spalle, dove si può gustare un’ottimo aperitivo, rilassandosi divinamente. È un posto che ci è piaciuto tantissimo.

Isola di Favignana

favignana

Una giornata che eravamo senza macchina, l’abbiamo dedicata alla visita dell’Isola di Favignana. Abbiamo preso l’aliscafo dal porto, prendendo i biglietti la sera prima. Il prezzo varia in base agli orari. Dopo circa trenta minuti di navigazione arriviamo in questa meravigliosa isola che ti accoglie con i pescatori, un mare dai colori turchesi, un paesaggio colorato e tanta pace per il cuore e la vista! Qui abbiamo noleggiato le bici (5 euro al giorno) per girare le varie calette….è indescrivibile il panorama che abbiamo visto e la tranquillità nelle calette, cosa che d’estate difficilmente puoi apprezzare. Verso le 14 abbiamo prenotato, sempre con the fork al Ristorante 210 grammi. Ristorantino nella piazza del borgo di Favignana. Carinissimo, personale giovane, competente, grande scelta di vini, piatti gustosissimi e preparati con cura. Ci è stato applicato lo sconto previsto dall’app di the fork. Sono stata felice di vedere anche se da fuori, la villa della famiglia Florio, lo stabilimento, e rivivere un po’ l’atmosfera del bellissimo romanzo della saga dei Florio che avevo letto e che mi ha incantata.

Mazara del Vallo

mazara del vallo

Qui siamo andati la mattina, così abbiamo visitato il centro storico, la cattedrale è bellissima, poi tantissime altre meravigliose chiese che meritano la visita, il famoso museo del satiro danzante, la Kasbah. Devo dire che mi è piaciuta molto. Nel pomeriggio ci siamo diretti a Marsala, luogo dello sbarco dei mille, abbiamo visto il monumento sul lungomare che ricorda il momento dello sbarco, anche se tenuto un po’ male, e poi ci siamo lasciati incantare dal bel centro storico della città, le meravigliose chiese barocche, l’atmosfera allegra, i bellissimi e coloratissimi carretti siciliani che si sono esibiti. Abbiamo gustato un bel bicchiere di Marsala e via ci siamo diretti alle Saline di Marsala. Abbiamo fatto un giro in barca, al costo di 10 euro, intorno all’isola di Mozia, antica città fenicia. Non siamo potuti scendere, perché c’era un evento, avevano affittato l’isola per un giorno per un matrimonio! Incredibile! Ma abbiamo ammirato dalla barca anche la strada sommersa…. Quanta storia! Finito il giro ci siamo diretti tra il secondo e il terzo mulino ad ammirare lo straordinario tramonto sulle saline…. E’ un’esperienza incredibile…..Assolutamente da vedere almeno una volta nella vita!

Scopello

scopello

Altra giornata l’abbiamo trascorsa andando a vedere dall’alto la bellissima Scopello con i suoi faraglioni. Avendo visto la fiction di Makari, volevo proprio vedere questa località, visto che molte scene sono state girate lì. Che dire, va assolutamente vista! Semplicemente stupenda. Poi ci siamo diretti al bellissimo bordo di Castellamare del Golfo. Molto carino, bella la sua spiaggia, incantevole il porticciolo dove abbiamo pranzato godendoci il sole e un bel bicchiere di vino bianco locale.

Segesta

tempio di segesta

Non contenti, proseguiamo con la macchina e nel pomeriggio ci dirigiamo a Segesta. Oltre al biglietto per visitare Anfiteatro e Tempio, prendiamo anche il biglietto per prendere bus , al costo di Euro 2.50 a persona,  per salire su ed ammirare per prima l’anfiteatro, che è ubicato sulla collina opposta a quello del Tempio. Che incanto vedere il panorama dall’alto. Mentre poi ritornati con il bus, saliamo a piedi verso il bellissimo Tempio (una piccola passeggiata di 1 km) , qui ci siamo goduti la maestosità del Tempio e la bellezza del paesaggio.

San Vito Lo Capo

Altra giornata l’abbiamo dedicata alla famosa spiaggia di San Vito Lo Capo, siamo riusciti a prendere il sole noleggiando al costo di 15 euro, due ombrelloni e un lettino +  parcheggio 2 euro l’ora i prefestivi e festivi, mentre gli altri giorni 1 euro l’ora. Peccato non potersi fare il bagno in quel meraviglioso mare, ma purtroppo l’acqua era troppo fredda per i nostri gusti! Molto antica e caratteristica anche la Chiesa di San Vito. Nel pomeriggio, di rientro a Trapani, ci siamo prima fermati ad ammirare la spiaggia selvaggia e tranquillissima di Macari. Siamo andati anche a vedere la villa Anna che è stata utilizzata per la fiction di Makari. Che paesaggio mozzafiato e che spiaggia!

Volevamo proseguire anche per visitare la Riserva dello Zingaro ma purtroppo delle mucche ci hanno bloccato la strada e non si spostavano, anzi ci guardavano malissimo. Quindi, non volendo disturbare la loro quiete, ci abbiamo rinunciato. Ma chissà magari ritorneremo… sicuramente non in estate. La gente del posto consiglia di visitare questi posti anche ad ottobre o giugno per potere fare un bel bagno e godere dei meravigliosi paesaggi, l’ottima cucina e la calorosa ospitalità che i siciliani sempre sanno offrire! Anche questo viaggio lo porteremo sempre nel cuore!  

Guarda la gallery
marsala_tramonto_saline

trapani

taverna_grotta_mangiapane

segesta_tempio

scopello

satiro_danzante

porticciolo_gastellamare_del_golfo

mazara_kasbah

mazara_del_vallo

marsala_tramonto_saline

marsala_saline_tramonto

marsala_carro

marsala

grotta_mangiapane

favignana_stabilimento_florio

favignana_pescatori

favignana

erice



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi anche

    Video Itinerari