Reims e il gotico francese

Visita della cittadina di Reims, Francia

Diario letto 2238 volte

  • di BarbaraCera
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro

La sua particolarità è la posizione isolata, in centro a dei giardini pubblici, per cui è visibile da ogni lato. Torniamo verso il centro attraversando il mercato alimentare delle splendide Halles cittadine e lì vicino (con vista sulle Halles e sulla Porte Mars) ci fermiamo per un pranzo assai tardivo presso la BRASSERIE DU BOULINGRIN (31, rue de Mars), che offre ottimo pesce a prezzi davvero contenuti. Lasciamo ora il centro storico e proseguiamo la nostra passeggiata verso l’altro simbolo religioso della città : l’ABBAZIA SAINT-REMY che – nella sua semplicità – ci conquista quasi più della cattedrale ! Eretta in forme romaniche all’inizio del secolo XI sulla tomba dell’omonimo santo, ci conquista con il suo aspetto austero, sia all’esterno che all’interno. Rientriamo verso il nostro alloggio passeggiando lungo il fiume Vesle, che attraversa tutta la città, fermandoci in un panificio-gastronomia a scegliere una cena frugale da consumare presso il nostro alloggio. Dopo aver cenato in fretta, infatti, non può mancare la visita alla cattedrale illuminata per la notte. Finalmente dopo una giornata assai piena possiamo rilassarci ed ammirare confort, pulizia e cura dei dettagli del nostro alloggio, che consigliamo vivamente !

SABATO 17 FEBBRAIO 2018 – I MUSEI DI REIMS

Oggi pomeriggio entro le 17.00 dobbiamo riprendere la via dell’aeroporto, perché alle 21:30 siamo prenotati sull’aereo che per le 23.00 ci riporterà a Bergamo. Fra le varie opportunità offerte da questa piccola, splendida cittadina scegliamo due musei: PALAIS DE TAU e MUSEE DES BEAUX ARTS. Il mattino visitiamo il primo, a destra della cattedrale. Ospitato in uno splendido palazzo del 1600 (a forma di T, come suggerisce il nome), necessita di almeno un’ora di visita (noi ne trascorriamo più di due al suo interno). Il piano terra ospita un’interessante mostra temporanea dedicata ad un graffitaro di fama internazionale (SPEEDY GRAPHITO), che noi personalmente non conosciamo ma che espone opere davvero interessanti. Fra le moltissime altre splendide sale del primo piano, noi personalmente siamo conquistati dalla magnificenza della SALA DEL FESTINO (che ospitava il banchetto servito in occasione dell’incoronazione reale) e dalla CAPPELLA PALATINA, davvero straordinaria nella sua semplicità. All’uscita, passeggiamo in direzione delle GALERIES LAFAYETTE (dove ci fermiamo per alcuni acquisti) fino alla bellissima, enorme PLACE DROUET D’ERLON, che si snoda su una lunghezza di 300 metri a partire dalla chiesa di Saint Jacques. Pranziamo velocemente in un bar nelle vicinanze e poi ci dirigiamo alla nostra seconda tappa, ospitata nell’abbazia di Saint Denis. Ci accoglie uno SCALONE D’ONORE davvero degno di questo nome. Anche in questo museo trascorriamo un paio d’ore, nonostante la sua collezione più importante (una trentina di opere dell’impressionista Camille Corot) sia tutta in prestito per delle grandi mostre internazionali in Germania e negli Stati Uniti.. La collezione museale – chiusa ora al pubblico da settembre 2019 e fino al 2023 per restauro ed ampliamento – è davvero vasta e copre cinque secoli, a partire dal XVI. Ospita alcuni fra i più celebri dipinti della storia, a partire dalla MORTE DI MARAT di Jacques-Louis David, considerato una delle immagini più iconiche della Rivoluzione Francese

  • 2238 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social