Reims e il gotico francese

Visita della cittadina di Reims, Francia
Partenza il: 15/02/2018
Ritorno il: 17/02/2018
Viaggiatori: 2
Spesa: 500 €

Partecipanti: La sottoscritta e mio marito

INTRODUZIONE

Sono una grande amante dell’architettura gotica, con una predilezione per il gotico francese delle rinomatissime cattedrali del nord (ed una netta preferenza per Chartres e per Beauvais). Dopo aver amato Amiens e Rouen, nella collezione dei nostri viaggi non poteva mancare la cattedrale patrimonio UNESCO di Reims : felicissimi di aver trovato un’offerta di Ryanair con andata giovedì sera e rientro il sabato sera, mio marito ed io partiamo alla scoperta della cattedrale che ancora manca al nostro appello !

GIOVEDÌ 15 FEBBRAIO 2018

Un puntualissimo volo da Bergamo (ore 19:20) atterra all’aeroporto di Parigi Beauvais alle 21:05. Dopo aver ritirato l’auto presso Thrifty (una Peugeot 108 nuovissima) alle 22:00 siamo già in albergo, a pochi minuti di auto dall’aeroporto. Attraverso booking abbiamo prenotato una notte all’HOTEL BALLADIN (26, Avenue Descartes), con un ottimo qualità-prezzo. Vista l’ora tarda, la nostra cena è una misera insalata presso il vicino locale KFC.

VENERDÌ 16 FEBBRAIO 2018 – REIMS E LA SUA ARCHITETTURA

Circa due ore di auto ci separano da Reims, famosa anche per lo champagne, che avremo modo di assaggiare in un paio di occasioni. Il navigatore ci fa percorrere una splendida strada panoramica fra le campagne. Alle 11.00 siamo arrivati a destinazione: sempre attraverso booking, per questa notte abbiamo prenotato un appartamento a pochi metri dalla cattedrale. Alloggiamo infatti al MY NEST INN REIMS CATHEDRALE IV (7, Rue Marlot) ed al nostro arrivo lì ci incontriamo il bravissimo Jérôme, il padrone di casa, che ci procura anche un parcheggio privato nelle vicinanze. L’appartamento è davvero splendido, ma avremo tempo di esplorarlo in serata ! Depositati i bagagli, complice una splendida giornata di sole, partiamo ad esplorare il centro storico di Reims, che dista pochi passi dal nostro alloggio. Ed ecco di fronte a noi svettare la splendida cattedrale, dedicata a Notre-Dame, su Place cardinal Luçon : arrivare dall’ampia strada che la fronteggia è davvero emozionante ! Sulla stessa piazza, di fronte al Palazzo di Giustizia, c’è un bel monumento equestre dedicato a Giovanna d’Arco, mentre sul fianco destro della cattedrale di sono i resti dell’antico edificio religioso del secolo XII. L’attuale cattedrale fa parte dell’architettura definita “gotico maturo” e fu costruita – nell’arco di un secolo – a partire dal 1211 : rispetto ad altre costruzioni, a mio avviso colpisce molto l’unità stilistica. Due note storiche la rendono ancora più interessante : dal 496 d.C. è sede della consacrazione dei re di Francia e subì un importante restauro dopo la Prima Guerra Mondiale. All’interno della cattedrale c’è una chicca secondo noi imperdibile : nella cappella centrale del deambulatorio ci sono delle vetrate di Marc Chagall (del 1974), riconoscibilissime per il sempre iconico stile del loro autore. Lì vicino c’è anche Palais de Tau, che visiteremo domani. Lasciata la piazza centrale, la nostra passeggiata prosegue attraverso il quartiere delle banche, Place du Forum (nome che deriva dalle vestigia romane del suo sottosuolo) e le Halles cittadine, fino a Place République ed alla sua celebre PORTE MARS. Purtroppo questa antica porta romana è ancora in restauro, per cui sotto la copertura la possiamo solo immaginare nel suo splendore : si tratta di un arco trionfale lungo 33 metri ed alto quasi 14, datato prima del III secolo. La sua particolarità è la posizione isolata, in centro a dei giardini pubblici, per cui è visibile da ogni lato. Torniamo verso il centro attraversando il mercato alimentare delle splendide Halles cittadine e lì vicino (con vista sulle Halles e sulla Porte Mars) ci fermiamo per un pranzo assai tardivo presso la BRASSERIE DU BOULINGRIN (31, rue de Mars), che offre ottimo pesce a prezzi davvero contenuti. Lasciamo ora il centro storico e proseguiamo la nostra passeggiata verso l’altro simbolo religioso della città : l’ABBAZIA SAINT-REMY che – nella sua semplicità – ci conquista quasi più della cattedrale ! Eretta in forme romaniche all’inizio del secolo XI sulla tomba dell’omonimo santo, ci conquista con il suo aspetto austero, sia all’esterno che all’interno. Rientriamo verso il nostro alloggio passeggiando lungo il fiume Vesle, che attraversa tutta la città, fermandoci in un panificio-gastronomia a scegliere una cena frugale da consumare presso il nostro alloggio. Dopo aver cenato in fretta, infatti, non può mancare la visita alla cattedrale illuminata per la notte. Finalmente dopo una giornata assai piena possiamo rilassarci ed ammirare confort, pulizia e cura dei dettagli del nostro alloggio, che consigliamo vivamente !



Commenti

Lascia un commento

Ti consigliamo
Il piccolo Borgo di San Vittore Terme, piccolo, silenzioso e quasi incantato

Il piccolo Borgo di San Vittore Terme, piccolo, silenzioso e quasi incantato

La stazione dei treni di San Vittore Terme è minuscola, circondata dal verde intenso...

Patrizio incontra Dellino Farmer, agro rapper

Patrizio incontra Dellino Farmer, agro rapper

Nell’immaginario collettivo il contadino è legato al liscio, ma oltre alla transizione...

Il viaggio dei viaggi: fino al circolo polare in auto

Il viaggio dei viaggi: fino al circolo polare in auto

Il primo grande viaggio, il viaggio dei viaggi, da Parma a Napapijri. Amici...

Leggi i Diari di viaggio su Francia
Diari di viaggio
Parma Annecy, Nancy, Stoccarda

Parma Annecy, Nancy, Stoccarda

Eccoci con un nuovo viaggio fatto fra Agosto e Settembre del 2019, da Parma a Annecy, Nancy, e Stoccarda, sempre due coppie e il mitico...

Diari di viaggio
Provenza, Svizzera Francese ed Italiana in tenda

Provenza, Svizzera Francese ed Italiana in tenda

Premessa: i protagonisti del viaggio sono una coppia di ragazzi di 25 anni, un’auto ed una tenda canadese. Eravamo alla ricerca di una...

Diari di viaggio
LA TRAVERSATA LONGITUDINALE DELLA ALPI: da Trieste a Nizza in bicicletta

LA TRAVERSATA LONGITUDINALE DELLA ALPI: da Trieste a Nizza in bicicletta

24/07/21 Inizia una nuova avventura in sella. Oggi giornata dedicata al trasferimento da casa a Trieste in treno. Pedaliamo fino alla...

Diari di viaggio
IL MEDOC DELLE MERAVIGLIE

IL MEDOC DELLE MERAVIGLIE

il paesaggio dell’oceano così maestoso da ricordarmi le bianche spiagge di Zanzibar. Dalla nostra tenda, passati gli alberi curvi, Neo...

Diari di viaggio
Fine settimana a Nizza spendendo poco

Fine settimana a Nizza spendendo poco

Quando si pensa alla Costa Azzurra vengono i mente i festival del cinema il lusso degli yacht parcheggiati nella darsena di Cannes e i...

Diari di viaggio
Normandia e Bretagna 3

Normandia e Bretagna 3

Le piccole case a graticcio di Rouen, le impressionanti falesie bianche e i panorami mozzafiato di Fecamp ed Etretat, il brutalismo di Le...

Diari di viaggio
JUMIEGES: le rovine più belle di Francia

JUMIEGES: le rovine più belle di Francia

fine del parco – si può godere di un’ottima vista d’insieme sul castello. L’anziana castellana ci ha poi accompagnato in...

Diari di viaggio
Reims e il gotico francese

Reims e il gotico francese

Partecipanti: La sottoscritta e mio marito INTRODUZIONE Sono una grande amante dell’architettura gotica, con una predilezione per il...

Diari di viaggio
Provenza on the road 2

Provenza on the road 2

A giugno 2018 decidiamo di partire alla ricerca di campi di lavanda in Francia per poterci immergere in quel viola intenso che ho sempre...

Diari di viaggio
Nella patria di Don Chisciotte

Nella patria di Don Chisciotte

con lungo percorso autostradale da Nimes a Bologna.