Lisbona, meravigliosa e imperfetta città!

Un bel giro in una città splendidamente decadente, che ha fascino e carattere, che si adagia stancamente sul Tago su cui ogni sera chiude gli occhi, pronta a riaprirli l'indomani con quell'insieme di colori magnifici che le fanno battere il ...

Diario letto 10871 volte

  • di CarlaCharlie
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro

Un altro quartiere che ho trovato decisamente affascinante è quello del Bairro Alto, raggiungibile anch'esso a piedi attraverso una serie di scalinate, oppure con uno dei caratteristici tram, altro segno distintivo di Lisbona. La sera si trasforma in una zona estremamente viva e multietnica grazie alla presenza di un'infinità di taverne, bar e ristoranti in cui mangiare e soprattutto bere a costi veramente bassi; per cui se volete folleggiare e divertirvi è qui che dovete venire, mentre durante il giorno, quando i suoi vicoli possono apparire squallidi e desolanti, vi consiglio di esplorare il vicino del Bairro, ovvero il Chiado, che è invece uno dei quartieri eleganti e alla moda di Lisbona. Qui troverete negozi, palazzi storici, e caffè in cui un tempo intellettuali e accademici si ritrovavano per discutere tra loro, ragion per cui davanti ad uno di essi si trova la statua di Fernando Pessoa, famoso scrittore portoghese che a Lisbona ha dedicato diversi scritti.

Veniamo ora a quello che è probabilmente il vero simbolo della capitale portoghese, la regina indiscussa della città: la Torre de Belém. L'averla vista tante volte in foto credevo mi avrebbe tolto buona parte dello stupore che si può provare davanti a qualcosa di così “famoso”, eppure è stato l'esatto contrario. Si, perché questa torre fortificata è talmente particolare, è talmente poetica, è talmente incantevole così silenziosamente adagiata sul Tago, che nessuna foto potrà mai renderle davvero giustizia.

Poco distante da lì si trova invece il Monastero dos Jeronimos, bellissimo nel suo stile a metà tra il gotico e il rinascimentale, e al cui interno si trova la tomba del celebre navigatore Vasco de Gama attorno al quale ruota la leggenda che lo vede in qualche modo coinvolto nella successiva costruzione del monastero.

Non avendo ancora parlato di gastronomia, mi prendo invece una pausa dai siti storici per dirvi che personalmente a Lisbona ho mangiato la carne più buona di tutta la mia vita. So che l'alimento più famoso da queste parti è il baccalà cucinato in tutte le forme possibili e immaginabili, ma la carne non è assolutamente da meno, e a tal proposito voglio segnalare il posto che più di tutti mi ha lasciato un bellissimo ricordo: Il Mercado da Ribeira, lo storico mercato alimentare in cui potrete sedervi e scegliere tra un'infinità di chioschetti in cui mangiare qualunque cosa voi desideriate, dalla cucina tradizionale a quella internazionale, e a prezzi ottimi. Imperdibile!

Una volta fatto il pieno di storia, arte e tradizione, e dopo esservi fatti ingoiare dai vicoli stretti e antichi del centro storico per poi trovarvi a passeggiare in riva al Tago, non vi resta che dedicare una doverosa visita alla parte più moderna della città, quella del Parque das Naçoes, la zona che ha ospitato l'Expo nel '98 e che ha garantito a Lisbona la possibilità di crescere sotto tanti punti di vista, ponendola nella condizione di poter competere sempre di più con le altre capitali europee. Qui, tra un notevole polo fieristico, centri commerciali, nuovissimi edifici residenziali e un nuovo porto, sorge il famosissimo Oceanario, l'enorme acquario tra i più famosi al mondo dedicato agli oceani, e che ospita una quantità infinita di specie marine.

Ultima ma importantissima nota... se dopo tutto questo aveste ancora un giorno a disposizione, andate a Piazza del Rossio, bellissimo ed elegante centro nevralgico di Lisbona, entrate in stazione e prendete il primo treno per Sintra, una piccola e bellissima cittadina vicino Lisbona che nasconde dei veri e propri gioielli unici nel loro genere come il famosissimo Palacio da Pena, che vi lascerà letteralmente a bocca aperta

Che dire quindi... L'idea di Lisbona era nata nella mia testa senza particolari aspettative. Non era una di quelle città che ho sempre pensato di voler vedere nella vita, semplicemente ho deciso che in quel preciso momento fosse l'idea giusta e ho fatto centro alla grande. Credo che il Portogallo tutto meriti di essere scoperto, e iniziare da questa affascinante città può essere un ottimo punto di partenza. Lisbona è splendidamente decadente, ha fascino e carattere, si adagia stancamente sul Tago su cui ogni sera chiude gli occhi,

Pronta a riaprirli l'indomani con quell'insieme di colori magnifici che le fanno battere il cuore.

  • 10871 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social