Viaggio nel cuore dei Balcani e Albania

Tre settimane a bordo del nostro T4 California alla scoperta dei paesi dell'ex-Jugoslavia e dell'Albania
 

Viaggio nel cuore dei Balcani e Albania

  • Tragitto e chilometri percorsi: CROAZIA-BOSNIA ED ERZEGOVINA-MONTENEGRO-ALBANIA-MACEDONIA DEL NORD-SERBIA-CROAZIA-SLOVENIA-ITALIA (Arcore). Il contachilometri all’arrivo segna 3721km percorsi su strada, ai quali vanno aggiunti i circa 500km percorsi da Daniele per raggiungere la Croazia, punto da cui è iniziata la vacanza.
  • Tempo impiegato: 21 giorni, dal 17/8/2022 al 7/9/2022
  • Costo complessivo del viaggio: € 1.768 totali per due persone

Informazioni utili

Itinerario

Abbiamo programmato un tragitto che ci permettesse di sfruttare al massimo i giorni a disposizione, senza tralasciare nessuna delle destinazioni che avevamo a cuore.

Avevamo per il vero preso in considerazione un rientro in Italia via nave, ma dopo una breve analisi dei costi/benefici, abbiamo optato per un itinerario completamente via terra.

Pertanto, da Rejka ci siamo diretti verso Sarajevo lungo la strada M18, panoramica ma a dir poco ostica. Giunti in Montenegro ci siamo diretti verso il confine albanese all’altezza di Ulcinj. Dopo aver fatto tappa al lago di Scutari, ci siamo diretti prima a Berat e poi sulle splendide coste meridionali. Da Saranda è iniziato il lungo tragitto di rientro. Una volta attraversato il confine con la Macedonia del Nord lungo la tortuosa E852, abbiamo raggiunto il lago di Ohrid. Da qui abbiamo attraversato tutto il Paese fino a Skopje, punto in cui abbiamo imboccato l’autostrada A1 in direzione Belgrado. Dopo Zagabria abbiamo deviato verso Rejka per un ultimo tuffo in mare prima di rientrare in Italia attraverso il confine sloveno.

Per chi avesse a disposizione solo due settimane di tempo, è possibile fare un tour veloce dei paesi dell’ex Jugoslavia evitando l’Albania, alla quale abbiamo dedicato una delle tre settimane programmate.

Ci sentiamo tuttavia di evidenziare che la sosta lungo le splendide coste meridionali dell’Albania ci ha permesso di riposarci, dopo l’attraversamento di Bosnia e Montenegro – che peraltro abbiamo solo attraversato perché oggetto di un viaggio ad hoc alcuni anni or sono – ed affrontare con rinnovata enfasi il viaggio in Macedonia del Nord e Serbia. Come risulta infatti dalla lettura del diario, le visite di Sarajevo, Belgrado ma anche, inaspettatamente, Skopje, si sono rivelate quantomai dense ed appassionanti ma anche impegnative.

Strutture e campeggi

Dopo il confine con la Croazia i campeggi cominciano a scarseggiare e spesso, quei pochi segnalati dalle guide dalla segnaletica, nient’altro sono se non piazzali o giardini messi a disposizione da privati. Occorre pertanto programmare bene questo aspetto in base alle proprie esigenze.

Con particolare riguardo all’Albania, consigliamo vivamente di arrivare fino all’estremità meridionale del paese, fin quasi al confine con la Grecia, dove le spiagge sono incantevoli ed anche le città e la gente stessa paiono più inclini e preparati all’accoglienza del turista.

Inoltre il campeggio libero è di fatto tollerato.

Mezzo

Quanto al mezzo, va detto che le strade della Bosnia – ma in alcune parti anche quelle dell’Albania – sono proibitive per roulotte, camper e motorhome di grandi dimensioni. Un camper integrato o un van costituiscono la soluzione ideale, che permette l’accesso a luoghi altrimenti irraggiungibili, come alcuni camping in Albania. Da questo punto di vista il nostro California, un T4 del ’93 camperizzato, ha svolto egregiamente il suo dovere.

Per raggiungere invece alcune calette dell’Albania, ahimè, è addirittura indispensabile un mezzo a quattro ruote motrici.

Per chi programmasse un viaggio in auto, rileviamo che lungo buona parte del tragitto è possibile trovare bed and breakfast e camere affittate da privati.

Ricordarsi che alle frontiere sono piuttosto scrupolosi nel controllo dei documenti dell’auto. Non dimenticate la carta verde, soprattutto per il passaggio in Bosnia. In Albania è invece obbligatorio – il rischio è quello di viaggiare di fatto senza essere assicurati – la stipula di un’assicurazione in loco, presso uno degli stand che si trovano appena oltrepassato il confine.

Costi e pagamenti

Passata la Croazia, che gode ancora l’immeritata fama di essere paese a buon mercato, i prezzi si abbassano notevolmente, soprattutto per le strutture ricettizie, al punto che a volte può convenire un bed and breakfast rispetto ad un camping.

Il paese meno caro tra quelli visitati è risultato la Macedonia. Inaspettatamente “cara” l’Albania con riferimento a molti generi, in primis il carburante, che all’epoca del nostro viaggio superava i 2 euro della benzina e i 2,20 del diesel contro l’1,4 del vicino Montenegro. Sotto questo specifico punto di vista, vi consigliamo di programmare con attenzione i rifornimenti durante il viaggio.

La carta di credito è accettata solo nei grandi esercizi per cui è opportuno premunirsi di una somma adeguata di contante, facendo attenzione ai tassi di cambio e alle commissioni applicate dalle banche. L’utilizzo di carte ad hoc tipo Revolut è assai consigliato. Consigliamo comunque il cambio di cifre adeguate e non eccessive, dato che molte strutture accettano o addirittura preferiscono il pagamento in euro.

Cucina e cibo

Per gli amanti dei vari tour enogastronomici, i paesi della ex Jugoslavia possono risultare inaspettatamente uniformi ed omologati (ma non ditelo ai locali!) almeno da questo punto di vista. Burek e Ćevapčići li troverete ovunque come piatto nazionale, anche se “spacciati” in forme ed a volte con nomi diversi. Carne alla brace abbastanza diffusa, anche se la scelta dei piatti è piuttosto limitata. Consigliamo la visita ai vari mercati ortofrutticoli, ricchi di prodotti tipici della zona a prezzi imbattibili: frutta fresca e secca, verdura, miele, legumi, spezie, formaggi e olio.

Molto diffusa la cucina turca, anche per quanto riguarda i gelati e la pasticceria.

Anche in Albania siamo rimasti un poco delusi, in particolare dalla scarsità di prodotti alimentari – formaggi, carne, ortaggi – nei negozi e supermercati, e soprattutto dalla pressoché totale assenza di pescherie o mercati. Anche nei ristoranti il menù era abbastanza stereotipato e la maggior parte dei piatti null’altro sono se non “rivisitazioni” di specialità italiane.

Diario di viaggio

Giorno 1: Rjeka – Banja Luka (360 Km) 

Benvenuti nella Repubblica Serpska

Anche quest’anno il viaggio vero e proprio non parte dall’Italia. Raggiungo Daniele a Rijeka in autobus da Milano. Ci troveremo all’autostazione verso le 9 e mezzo del mattino: anche lui ha viaggiato di notte tornando da Praga, dopo aver accompagnato a casa la figlia Julie, con la quale ha trascorso due settimane all’isola di Cres. Il California ha atteso il nostro arrivo nel garage Zagrad B, a pochi passi dalla stazione.

Guarda la gallery
copertina

1

10

11

12

13

14

2

3

4

5

6

7

8

9



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Albania
    Diari di viaggio
    viaggio nel cuore dei balcani e albania

    Viaggio nel cuore dei Balcani e Albania

    Viaggio nel cuore dei Balcani e AlbaniaTragitto e chilometri percorsi: CROAZIA-BOSNIA ED ERZEGOVINA-MONTENEGRO-ALBANIA-MACEDONIA DEL...

    Diari di viaggio
    golem, tra spiaggia e pineta

    Golem, tra spiaggia e pineta

    Come in una specie di tradizione di famiglia, l'Albania si colloca tra quei luoghi dove mi è dolce tornare e dopo essere stata a Tirana e...

    Diari di viaggio
    balcani insoliti

    Balcani insoliti

    Buongiorno cari TPC, vi racconto il nostro viaggio appena terminato nei Balcani meno noti tra Albania, Kosovo, Macedonia del Nord e...

    Diari di viaggio
    tra castelli, mega palazzi, distributori di benzina e carretti

    Tra Castelli, mega palazzi, distributori di benzina e carretti

    Sono appena rientrato da un viaggio in Albania dove ho cercato di vedere, macinando Km, le amenità di questa nazione dalla Montagna al...

    Diari di viaggio
    tirana capitale emergente tra antico e moderno

    Tirana capitale emergente tra antico e moderno

    Quando durante le scuole elementari studiavo danza classica sentivo continuamente parlare di Tirana dalla mia insegnante e della sua...

    Diari di viaggio
    durazzo porta dell'albania, una terra sempre più desiderosa di farsi scoprire

    Durazzo porta dell’Albania, una terra sempre più desiderosa di farsi scoprire

    L'Albania è una terra molto vicino allo stivale che per anni è stata associata a carestia e povertà e che invece pian piano sta...

    Diari di viaggio
    una terra incontaminata dalla bellezza travolgente

    Una terra incontaminata dalla bellezza travolgente

    Reduci dal non poco costoso viaggio di nozze del 2017, per le vacanze estive 2018 io e mio marito decidiamo di optare per una terra ancora...

    Diari di viaggio
    albania in vespa: in viaggio verso le meteore

    Albania in Vespa: in viaggio verso le Meteore

    Dopo tre ore di guida sulla statale Adriatica, arrivo sulla circonvallazione di Ancona a bordo della mia vecchia Vespa PX, che sta...

    Diari di viaggio
    dieci amici in albania

    Dieci amici in Albania

    In 10 amici abbiamo deciso di effettuare un tour dell'Albania a fine settembre. Come sempre uno dei piaceri del viaggio è stata...

    Diari di viaggio
    cavalcata turca

    Cavalcata Turca

    Quest’anno, dopo vari ripensamenti, abbiamo deciso di visitare la Turchia.Per me che scrivo è la prima volta in assoluto che metto...

    Video Itinerari