Una notte di agosto, a Bussana Vecchia

Sant'Egidio e le stelle di agosto
 

Ascolta “Estate 2020- Bussana Vecchia, Sant’Egidio e le stelle di agosto” su Spreaker.

A dirla tutta, Bussana Vecchia non è mai stata giovane. Nacque adulta sulle punte aguzze di un colle ligure con la possibilità di avere la vista limpida e diretta sul mare, alta sulle colline intorno, se mai si può parlare di colline per la Liguria, e non piuttosto di spuntoni di terra arida, salite scoscese e sassi tenuti fermi dalle radici contorte degli ulivi. Gli antichi romani fondarono lì un piccolo avamposto su muri già esistenti, e nel Medioevo ben 250 persone salivano con i muli sin dal mare e lì restavano.

Era così solitaria Bussana Vecchia, che la chiesa la dedicarono a Sant’Egidio, il folle che viveva solitario in perpetuo eremitaggio in mezzo ai boschi, a cui un Dio benevolo mandò una cerva da cui bere il latte. Bussana Vecchia nacque come a volte nascono alcune donne, già adulte sin da piccine, con lo sguardo severo e indagatore di chi già conosce il proprio destino, gettate nel mondo maschile e perciò ostile alle donne.

Nella sua crescita lenta e costante, Bussana Vecchia trovò una stabilità e una certa ricchezza, gradì l’abbondanza discreta che il tempo le aveva recato e pensò che sarebbe cresciuta così per sempre, placida e forte, torreggiante sulla valle, austera ma solida. Succede sempre così a chi si dimentica che la vita non è solo crescita felice. All’alba di un mercoledì delle ceneri, nel 1887, dopo che già aveva vissuto molto ed era esperta delle cose del mondo, Bussana fu scossa da un terremoto mandato da Dio, a ricordare che l’uomo è fragile proprio quando si sente forte.

La terrà tremò e i sassi scricchiolarono uno contro l’altro rabbiosi, e i muri oscillarono tanto che la volta della chiesa di Sant’Egidio crollò sui fedeli in penitenza, e li seppellì vivi. Morirono in molti, e i pochi che sopravvissero rimasero senza ricovero poiché di tutte le case, costruite con la fatica che solo chi porta sulle spalle i massi per edificarle sa, rimasero i muri e le alte torri di pietre, le scale di lavagna grigia, le volte dei carruggi.

Ma si era alla fine del secolo XIX, quando la tecnologia dei macchinari prometteva meno fatica e maggiore guadagno, e fu così che agli abitanti che volevano tornare a ricostruire le proprie case venne impedito di farlo, per legge, e squadre di operai vennero mandate da sconosciuti  possessori di terreni a costruire case nuove, più belle, più moderne, più giù rispetto a Bussana Vecchia che venne dichiarata scomoda da raggiungere, pericolosa da vivere e irrimediabilmente Vecchia, e venne così costruita Bussana Nuova, avamposto nel Nord di un’Italia nuova nuova, dove l’economia della crescita fatta di speculazione si mescolava con i poteri istituzionali della legge.

Bussana Vecchia venne abbandonata al suo destino di ferita perenne e irrimediabile, monumento all’ira di Dio e alla fragilità dell’uomo, con i suoi cumuli di sassi e le anime dei morti lasciate a vagare per le strade deserte, intralciate da polvere e detriti.

Si racconta che, nei favolosi anni Sessanta, un giovane tedesco nato poco prima della guerra, fosse fuggito dai cieli plumbei della Germania e dal peso delle azioni dei suoi genitori, e avesse cercato ristoro in Italia. E specialmente si narra che arrivò a piedi sotto i cieli limpidi della Liguria, in mezzo alla gente aspra come la sua terra, e venisse inspiegabilmente attratto da un lieve canto maschile che lo portò a camminare a piedi oltre Bussana Nuova fino in su, dove trovò le rovine di Bussana Vecchia. Decise di passare lì la notte, sotto la copertura a volta di una casa abbandonata e finalmente, dopo anni di affannoso cercare l’oblio e ristorare l’anima con i fumi della cannabis, si assopì sul pavimento fresco a piastrelle bianche e nere di duecento anni prima.

Si svegliò al suono sottile del vento ma lui riconobbe in qualche modo la voce di Sant’Egidio che vide nell’Eremita biondo sé stesso giovane e per questo lo accolse con il sonno dei giusti. Il ragazzo dormì per giorni e per notti, si nutrì di more di rovo selvatiche e fichi e tutto quel silenzio riempito dal canto del vento lo portò a riconoscere se stesso e la sua vera pena, e fu così che accolse l’energia pulita che lo circondava. Decise di fermarsi a vivere lì. Si narra poi che dopo poco tempo, anche una giovane donna francese arrivò arrancando a Bussana Vecchia, dove trovò un giovane artista tedesco che viveva in solitudine. E anche lei si fermò.

C’è da dire che Sant’Egidio riconobbe di nuovo il ciclo della storia, poiché anche lui era stato costretto a rinunciare all’eremitaggio pur di far crescere la congregazione dei fedeli che gli si affidava. E così soffiò un vento sottile e molti altri artisti arrivarono a Bussana Vecchia, e benché mancasse l’acqua, la corrente elettrica, il sistema di fognature e tutto il lusso delle città, si stabilirono lì, lasciando per le strade i cumuli di detriti e riempiendo le case con opere artistiche.

Bussana Vecchia si risollevò, e risuonò di concerti cantati nella chiesa senza tetto e di curiosi richiamati dalla bizzarria di artisti che vivevano senza la tecnologia proprio quando il boom economico riempiva la vita e i desideri di tutti. Era nato il turismo.

Un’estate a Bussana Vecchia

L’estate 2020 è un dono per noi tutti, ma ancora di più per me è un’estate sorprendente per la quantità di sorprese felici che costellano le settimane. Ho messo il capo fuori dalla tana del mio splendido isolamento e la mia egoistica volontà di frequentare solo persone che mi piacciono veramente ha vinto sul piacere di stare a casa la sera, a leggere e ancor più a scrivere in segreto.

Così, in una caldissima sera siamo andati a Bussana Vecchia, nome fascinoso e della cui storia non sapevo nulla. A me importava solo della compagnia, della profondità degli sguardi e delle parole che mettono a nudo le verità più fragili e dell’eroico e costante tentativo di alcuni di noi di rimettersi sempre in piedi.

Guarda la gallery
bussana vecchia



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Liguria
    Diari di viaggio
    un incanto chiamato golfo dei poeti

    Un incanto chiamato Golfo dei Poeti

    Per chi, come me, si lascia ammaliare dalla bellezza del mare e sente il bisogno di rigenerarsi lo spirito al semplice contatto con la...

    Diari di viaggio
    i megaliti di monte caprione

    I Megaliti di Monte Caprione

    Il 21 giugno, al tramonto del solstizio d’estate, tra le 19:15 e le 19:35 ora solare, è visibile un’interessante espressione di Paleo...

    Diari di viaggio
    cinque terre low cost

    Cinque Terre low cost

    Cinque Terre low cost si può? Certo che sì! Essendo una studentessa da qualche anno ormai cerco di organizzare le vacanze assieme al mio...

    Diari di viaggio
    riviera di levante in treno

    Riviera di levante in treno

    Sabato partenza con Flixbus da stazione di Mestre-Venezia alle ore 10, biglietto per Genova previsto alle 17 circa, costo 24 euro, con...

    Diari di viaggio
    la via del sale, varzi - sori in 3 giorni

    La via del sale, Varzi – Sori in 3 giorni

    Questa mia avventura è stata decisa al più qualche giorno prima della partenza. Ho avuto uno spiraglio di tempo per buttarmici e.. direi...

    Diari di viaggio
    il sentiero delle portatrici di ardesie del san giacomo

    Il Sentiero delle Portatrici di Ardesie del San Giacomo

    Camminatori di tutta Italia, giovani, meno giovani, autoctoni o forestieri, dico a voi.Per preparare questo pezzo ho dovuto registrare...

    Diari di viaggio
    lungomare de andrè

    Lungomare De Andrè

    C’è qualcosa di meglio che passeggiare a pochi passi dal mare attraverso un percorso semplice e adatto a tutti? Ok, sono un po’ di...

    Diari di viaggio
    campo ligure e il passo del turchino

    Campo Ligure e il Passo del Turchino

    Lungo la statale del passo del Turchino si sfiora il paese di Campo Ligure. Già dalla strada il ponte medioevale permette una visione...

    Diari di viaggio
    una notte di agosto, a bussana vecchia

    Una notte di agosto, a Bussana Vecchia

    Ascolta "Estate 2020- Bussana Vecchia, Sant'Egidio e le stelle di agosto" su Spreaker.A dirla tutta, Bussana Vecchia non è mai stata...

    Diari di viaggio
    parco di portofino in un giorno

    Parco di Portofino in un giorno

    Va beh, io soffro d’asma, ma non occorre avere questo disturbo per sentire di continuo un raschietto alla gola che ti fa sembrare un...

    Video Itinerari