Un ponte nel levante ligure

Lungo la Riviera di Levante, da La Spezia a Genova
 
Partenza il: 23/04/2017
Ritorno il: 26/04/2017
Viaggiatori: 3
Spesa: 500 €

Un ponte nel levante ligure (by Luca, Sabrina e Leonardo)

Domenica 23 Aprile

Al termine di un periodo molto travagliato e alle porte di una nuova esperienza lavorativa, che speriamo porti tanta linfa alla nostra passione di viaggiatori, siamo in partenza per una breve vacanza primaverile che ci condurrà alla scoperta del Levante Ligure, da La Spezia fino a Genova.

Lasciamo casa una manciata di minuti prima delle 10:00, accompagnati da un bel cielo sereno, tanto che sembra impossibile credere che, invece, in Liguria, oggi, vi siano tante nuvole. Imbocchiamo la A14 a Faenza, quindi la A1 a Bologna, che seguiamo fin dopo Parma, dove cominciamo a percorrere l’autostrada A15 della Cisa. Saliamo verso la catena appenninica, mentre all’orizzonte cominciano ad intravedersi le famigerate nuvole, che chilometro dopo chilometro si fanno sempre più fitte e passato il valico iniziano anche a far scendere un’odiosa pioggerellina. Giungiamo così in vista di La Spezia, città portuale situata al centro dell’omonimo golfo, nella quale spiccano i numerosi cantieri navali, oltre all’invadente sagoma dello stabilimento Oto Melara. Andiamo verso il centro, reso sornione dall’orario festivo e dal meteo piuttosto inclemente, quindi seguiamo il lungomare verso ovest, per giungere nella frazione di Marola, dove, come da programmi, parcheggiamo lungo la strada costiera. Non piove più, ma il cielo resta grigio sulla nostra testa. Pranziamo al sacco e poi ci mettiamo in attesa dell’autobus 11P che da qui ci porterà nella vicina località di Porto Venere, evitando così gli annosi problemi di parcheggio. Porto Venere fu, all’epoca delle Repubbliche Marinare (nel XII secolo), un importante avamposto genovese nei confronti degli acerrimi nemici pisani e da allora ha conservato un centro storico interessante, caratterizzato dai baluardi difensivi e dall’impronta medioevale del borgo. Siamo fiduciosi sull’evolvere delle condizioni meteo, che le previsioni danno in miglioramento andando verso sera, infatti quando arriviamo a Porto Venere filtra qualche timido raggio di sole. Ci gustiamo la più classica delle vedute tipiche del villaggio, con la sua sfilata di case tinteggiate nei più svariati colori pastello, a creare un magico mosaico multicolore, e passeggiamo sul lungomare, appurando la sospensione (causa maltempo) del servizio di barche che porta alla scoperta della dirimpettaia Isola Palmaria. Per il mare mosso rinunciamo così alla visita di imponenti scogliere e della locale Grotta Azzurra e ci avviamo a piedi verso l’estremità del promontorio roccioso situato a sud dell’abitato, dove si trova la bella Chiesa di S. Pietro. L’edificio religioso si trova proprio nel luogo dove nell’antichità sorgeva il Tempio di Venere, che diede il nome al sito e ai suoi successivi insediamenti, e si colloca, con il suo stile gotico genovese a fasce (del XII secolo), nelle fondamenta di una preesistente basilica paleocristiana. Da qui le vedute sono, a tratti, spettacolari, nonostante l’assenza del sole ed il cielo cupo, soprattutto dall’attigua loggetta romanica, caratterizzata da graziosi archi che incorniciano le vicine falesie.

Tornando verso il paese scendiamo poi alla cosiddetta Grotta Arpaia, uno scosceso anfratto caro a Lord Byron, quindi saliamo, nel cuore del villaggio, alla duecentesca Chiesa di S. Lorenzo, infine giungiamo al massiccio Castello Doria, imponente roccaforte cinque-seicentesca che domina l’intero borgo. Senza fretta facciamo una passeggiata sui camminamenti di ronda, poi torniamo verso il centro per uscirne definitivamente dalla sua storica porta medioevale. Non pienamente soddisfatti ma comunque asciutti riprendiamo l’autobus 11P che, in breve, ci riporta alla nostra auto… e da qui subito partiamo per raggiungere, sulle vicine alture, Villa Federici, struttura a conduzione famigliare che ci ospiterà per questa notte. Brighiamo abbastanza ma alla fine, accolti da una gentile signora, troviamo questo casone un po’ decadente e per questo bello ed intrigante, con ampia vista sul Golfo di La Spezia ed un appartamento accogliente. Usciamo a cena, a piedi, nella vicina Osteria delle Spezie, mangiando bene e spendendo il giusto, poi ci ritiriamo in camera, sperando nella clemenza del meteo per domani.

Guarda la gallery
cultura-d7uka

Genova - Palazzo Reale

cultura-hxbsv

Genova - Piazza De Ferrari

cultura-d9xbk

Genova - Piazza S. Matteo

cultura-xq85u

Genova - S. Lorenzo

cultura-5cbjk

S. Salvatore dei Fieschi

cultura-wez3e

Porto Venere

cultura-jfej2

Riomaggiore

cultura-q53a6

Porto Venere

cultura-77f6s

Vernazza

cultura-xdx7r

Vernazza

cultura-xqs3b

Riomaggiore

cultura-qapxr

Monterosso

cultura-32ckz

Manarola

cultura-jbx9v

Acquario di Genova



Commenti

Lascia un commento

Ti consigliamo
reggio emilia, viaggio nella città del tricolore

Reggio Emilia, viaggio nella città del Tricolore

Partite da Roma, Reggio Emilia, vi propone due modi per raggiungerla, con un treno...

trieste-duino. sentiero rilke, castello

Trieste-Duino. Sentiero Rilke, Castello

“Ricapitolando: devi uscire dal Castello. Prendi a destra e cammina sul marciapiede...

la torre martello a sandycove, dublino

La Torre Martello a Sandycove, Dublino

Se sei passato tra Talbot Street e Gardiner Street, il distretto di Dublino che alla fine...

Leggi i Diari di viaggio su Cultura
Diari di viaggio
dubai gold

Dubai Gold

1°g sab 16 ottobre - Volo Milano-Dubai Volo Emirates Milano-Dubai con partenza alle ore 14.45 e arrivo alle ore 22.50. Preleviamo...

Diari di viaggio
bulgaria: sofia e plovdid

Bulgaria: Sofia e Plovdid

Viaggio in Bulgaria, tre notti, quasi quattro giorni, due a Plovdid e due a Sofia. Plovdid è stata capitale europea della cultura nel...

Diari di viaggio
vienna, la città imperiale a misura di bambino

Vienna, la città imperiale a misura di bambino

Atterriamo nell'aeroporto (flughafen in tedesco) di Vienna-Schwechat (20 chilometri sud-est della cittadina) a pomeriggio inoltrato con un...

Diari di viaggio
interrail con le ali tra le capitali del nord europa

Interrail con le ali tra le capitali del Nord Europa

Un viaggio con tre giorni in media per ogni capitale, con la permanenza in ogni città influenzata dalle tariffe che si riuscivano a...

Diari di viaggio
in tutti i laghi: val d'ega e dintorni

In tutti i laghi: Val d’Ega e dintorni

19 AGOSTO 2021: NOVA PONENTE Partiamo prima dell'alba per evitare traffico ed alte temperature. Il viaggio si svolge senza problemi in...

Diari di viaggio
scoprendo i musei di torino

Scoprendo i musei di Torino

Scoprendo alcuni dei più importanti musei di TORINO si comprende l'anima orgogliosa, policroma e resiliente di quella che è stata la...

Diari di viaggio
monaco di baviera 2

Monaco di Baviera 2

Non avevo mai considerato la Germania come una destinazione turistica (Berlino a parte), e mi sbagliavo, perché Monaco è sicuramente una...

Diari di viaggio
sei giorni ad amsterdam in agosto

Sei giorni ad Amsterdam in agosto

GIORNO 1: 10 agosto 2021 Siamo partiti da Bologna con il volo KLM delle 6 di mattina, a bordo ci hanno dato un panino non molto buono...

Diari di viaggio
le scimmie di kathmandu

Le scimmie di Kathmandu

Non passa giorno in cui io non pensi all'Asia e ormai dopo un anno e mezzo di separazione forzata, a causa delle restrizioni pandemia,...

Diari di viaggio
l’oltrepò pavese

L’Oltrepò Pavese

Partenza per L’Oltrepò Pavese, area a sud del fiume Po in provincia di Pavia, ricca di punti d’interesse storici e naturalistici.Il...